“Un atto d’amore verso l’istituzione”: in una lettera Buschini spiega il perché delle dimissioni

L’ha inviata a tutti i consiglieri, dopo che ieri ha avuto un lungo confronto con il presidente della Regione Zingaretti. Mauro Buschini da questa mattina non è più il presidente del Consiglio regionale del Lazio. Ha rassegnato le dimissioni a seguito della vicenda ‘Concorsopoli’, relativa ad assunzioni al Consiglio Regionale del Lazio di 16 persone attinte da un bando del Comune di Allumiere.

Il contenuto della lettera inviata ai consiglieri

Nella lettera sottolinea le ragioni di opportunità che lo hanno spinto a rassegnare le dimissioni e annuncia che da consigliere regionale, proporrà il disegno di legge come primo firmatario. “Ritengo – ha scritto – a garanzia di totale imparzialità e trasparenza, che a decretare questa commissione ci sia un altro Presidente”.

lettera mauro buschini

“Non vivo questa scelta come una resa né come un’azione dettata da impulsività sotto la pressione delle polemiche di questi giorni – ha scritto Buschini ai consiglieri regionali – ma come un atto di amore verso questa istituzione, per aiutare a fare chiarezza e garantire prestigio al nostro consiglio e al nostro lavoro. Sono certo che apprezzerete questo gesto che ritengo giusto per chi rappresenta e vive le istituzioni”.

shares