Covid-19, il premier Conte annuncia provvedimenti drastici per tutta l’Italia

Il Governo dispone la chiusura totale di tutte le attività commerciali. “Al primo posto c’è la salute degli italiani. Stiamo reagendo con forza, siamo un modello per tutti”.

Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte nel corso del discorso di pochi minuti fa. Poco meno di 9 minuti per dare regole ancora più stringenti a tutti gli italiani.

Nella diretta Facebook, andata in onda anche su Rai 1, Giuseppe Conte ha quindi annunciato la chiusura totale di tutte le attività commerciali ad eccezioni di quelle riguardanti gli alimenti, i beni di prima necessità, le farmacie e le parafarmacie.

Un altro giro di vite

Chiudono bar, ristoranti, pub (che possono mantenere il servizio a domicilio), parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa che non garantiscono la distanza di sicurezza di un metro.

Le attività aziendali devono cercare di promuovere il lavoro agile, incentivare le ferie e i permessi retribuiti. E se non possono, dovranno comunque rispettare le regole e le linee guida per la salute dei lavoratori. Anche il trasporto avrà un netto taglio, mantenendo però i servizi essenziali. Restano chiusi i reparti aziendali non indispensabili per la produzione.

Sono incentivate fabbriche e industrie per regolamentazione di turni di lavoro, ferie anticipate, chiusure di reparti non indispensabili. Restano, invece, garantiti servizi bancari, postali, finanziari, assicurativi nonché tutte quelle attività necessarie ai settori funzionanti.

Saranno garantite le attività del settore agricolo, zootecnico, di trasformazione agroalimentare, filiere comprese. Nessuna limitazione per l’approvvigionamento delle derrate alimentari – Conte si è raccomandato, quindi, di non creare resse e corse ai supermercati, come accaduto pochi giorni fa – e per i prodotti sanitari. Ma la regola numero uno resta la stessa: limitare assolutamente gli spostamenti non necessari. Resta in vigore l’autocertificazione per quanti sono costretti a muoversi per lavoro, per ragioni di salute o evidenti necessità.

Le parole di Conte: Italia modello di comunità unita e responsabile

“Tutto il mondo ci guarda – ha detto il presidente del Consiglio – e certamente lo fa per i numeri del contagio. Gli altri Paesi ci vedono come uno stato in difficoltà ma ci apprezzano anche perché stiamo dando prova di grande rigore e grande resistenza. Domani ci prenderanno come esempio positivo di Paese che, con grande senso di comunità, è riuscito a vincere la sua battaglia contro questa pandemia”.

“Siamo stati i primi, in Europa, ad essere colpiti più duramente dal Coronavirus ma siamo anche quelli che stanno reagendo con maggior forza, diventando ogni giorno un modello anche per tutti gli altri. Questa sfida riguarda la salute dei cittadini, che mette a dura prova il nostro sistema sanitario nazionale e la nostra economia, il nostro tessuto produttivo fatto di piccole e medie imprese”.

“Ho fatto un patto con la mia coscienza”

“Al primo posto – ha continuato il premier – c’è e ci sarà sempre la salute degli italiani. Solo pochi giorni fa vi ho chiesto di cambiare le abitudini di vita, limitando le vostre libertà e uscendo solo lo stretto necessario: la stragrande maggioranza di voi italiani ha risposto in modo straordinario. Ero consapevole che si trattasse solo di un primo passo e non sarebbe stato l’ultimo: dobbiamo gradualmente predisporci ad accettare i cambiamenti richiesti”.

“Questo è il momento di compiere un passo in più, quello più importante. L’effetto di questo grande sforzo potremmo vederlo solo tra un paio di settimane: se i numeri dei contagi dovesse continuare a crescere, dunque, non significa che saremo costretti a inasprire queste misure”.

Arriva il commissario Arcuri

L’invito di Conte è alla lucidità: “Dobbiamo essere misurati, rigorosi, responsabili“. Quindi la decisione di nominare un commissario delegato per potenziare la risposta delle strutture ospedaliere all’emergenza sanitaria: “Avrà ampi poteri di deroga e lavorerà per rafforzare soprattutto la produzione, la distribuzione di attrezzature per terapie intensive e sub-intensive; avrà il potere di impiantare nuovi stabilimenti per sopperire alle carenze sin qui riscontrate”.

domenico arcuri il corriere della provincia
Sarà Domenico Arcuri il nuovo commissario per l’emergenza Covid-19

“La persona che nominerò sarà il dottor Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia – ha annunciato il premier – e si coordinerà con il dottor Borrelli e la struttura della Protezione civile, a cui vanno i miei più sentiti ringraziamenti per l’incredibile lavoro sin qui fatto”.

Il messaggio finale. E cita il sociologo Elias

“Voglio dirvi un’ultima cosa: – ha concluso Conte – se saremo tutti a rispettare queste regole, usciremo più in fretta da questa emergenza. Il Paese ha bisogno della responsabilità di ciascuno di noi, della responsabilità di 60 milioni di italiani che ogni giorno compiono piccoli grandi sacrifici. Siamo parte di una medesima comunità: ogni individuo si sta giovando dei propri ma anche degli altrui sacrifici. Questa è la forza del nostro paese: “una comunità di individui” come direbbe Norbert Elias”.

Rimaniamo distanti oggi, per abbracciarci con più calore e correre più veloci domani. Tutti insieme ce la faremo“.

Redazione

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Instagram: Tu News 24 e Tu Sport 24
Youtube: Tu News 24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE

Redazione ha 8294 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Redazione