Covid: a Ceprano un’altra vittima e contagi al Comando di polizia locale. Positivi 4 infermieri di Cardiologia a Cassino

Non si arrestano contagi e vittime di Covid in provincia di Frosinone. Un altro decesso si è verificato, nelle scorse ore, a Ceprano: la vittima è un uomo del 1936. Chiuso il Comando di Polizia Locale, dove sono risultati dei contagiati.

A darne comunicazione è stato il sindaco, Marco Galli, che in un post sul suo profilo Facebook ha esternato il cordoglio alla famiglia della vittima e sottolineato i numeri che non accennano a diminuire.

La reprimenda

Ma il primo cittadino non ha risparmiato critiche ad atteggiamenti inammissibili in un periodo così delicato e complesso: “Ebbene – sottolinea – a fronte di questa brutta situazione, che non risparmia ogni fascia di età, ancora siamo costretti a vedere scene inaccettabili i fine settimana in piazza, a causa degli affollamenti nei pressi di alcuni esercizi commerciali. Premesso che i gestori e/o i proprietari sono pienamente responsabili di ciò che accade nelle aree a loro concesse e nei pressi degli ingressi delle predette attività, questi comportamenti folli non possono rimanere senza conseguenze”.

La stupidità patologia peggiore del coronavirus

“Comprendo la stupidità, che è una patologia ben più grave del virus stesso, ma in questo momento non possiamo permetterci di tollerarla così come non possiamo ignorare chi pensa di essere pateticamente più furbo, – contando sulla difficoltà di svolgere i controlli – e mette repentaglio la salute delle persone. Dispiace dover constatare che l’unico strumento di dissuasione sia la repressione, ma visti i comportamenti pericolosi che si verificano, anche dopo le ore 18.00, non sussistono alternative. Si avvicina il periodo delle festività natalizie e non è mia intenzione tollerare più atteggiamenti irrispettosi delle misure anti-covid, che rischiano di danneggiare l’intera economia della città”.

marco galli ceprano il corriere della provincia
Il sindaco di Ceprano Marco Galli

“Per uscire presto dall’incubo, dobbiamo fare tutti la nostra parte. Chi non intende farla, sarà messo in condizione di non nuocere alla comunità. Perciò usiamo la mascherina in modo corretto, – l’invito è anche a quelli che se la mettono sotto il mento in presenza di altre persone -; rispettiamo il distanziamento sociale; igienizziamoci le mani e alle 18.00 (non un minuto dopo) chiudiamo le attività”.

Quattro infermieri del Santa Scolastica positivi al Covid

A Cassino 4 infermieri di cardiologia UTIC sono risultati positivi al Covid-19. Lo rende noto l’UGL Sanità di Frosinone che denuncia la disorganizzazione e le mancate separazioni tra i positivi al virus e i malati di altre patologie.

pronto soccorso cassino ospedale santa scolastica il corriere della provincia
Il pronto soccorso dell’ospedale Santa Scolastica di Cassino

“Le apparecchiature elettromedicali – spiega l’organizzazione sindacale – sono eseguite con gli stessi apparecchi (elettrocardiogramma – ecocardiogramma) si per i malati Covid che quelli di altre patologie. In pronto soccorso ci sono solo 2 letti Covid, gran parte dei pazienti positivi stazionano negli spazi comuni non essendoci “zone grigie”. I percorsi dedicati sono divisi solo da strisce adesive poste a terra senza una vera separazione”.

Intanto dalla Asl fanno sapere che le ultime due persone decedute a causa del Covid sono un 90enne residente a Ferentino e un 67enne residente a Castrocielo.

Redazione

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Instagram: Tu News 24 e Tu Sport 24
Youtube: Tu News 24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE

Redazione ha 8294 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Redazione