Frosinone, al lavoro per la riapertura delle scuole

Si è tenuto, presso il Comune di Frosinone, il vertice organizzato dal sindaco, Nicola Ottaviani, con i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi presenti sul capoluogo, i professori Lorenzo De Simone, Mara Bufalini, Monica Fontana e Giovanni Guglielmi.

L’impegno

Alla riunione, hanno preso parte anche gli assessori Fabio Tagliaferri e Valentina Sementilli, rispettivamente per i lavori pubblici (edilizia scolastica) e la pubblica istruzione, unitamente ai dirigenti Antonio Loreto e Giuseppe Sorrentino, rappresentando come l’Ente di piazza VI dicembre abbia previsto uno stanziamento di circa 60.000 euro per ogni istituto comprensivo, allo scopo di procedere agli adeguamenti tecnici e strutturali, per garantire il distanziamento sociale degli alunni. I lavori dovranno essere effettuati a partire dai prossimi giorni, oltre che nel mese di agosto, pur con le difficoltà connesse al periodo feriale delle aziende.

nicola ottaviani sindaco frosinone il corriere della provincia
Il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani

L’intervento del sindaco

“La soluzione più semplice – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – sarebbe stata quella di ridurre da 60 a 50 minuti l’orario delle singole lezioni, per la prima metà della classe, arrivando a completare le sei ore al mattino entro le 13.30 e riprendendo, attraverso una turnazione settimanale, il turno pomeridiano dalle 14 alle 19, per l’altra metà della classe garantendo, in tal modo, il pieno distanziamento e il recupero della coesione sociale degli studenti. Purtroppo, però, la semplicità e l’efficacia di alcune soluzioni si scontrano con lo scarso pragmatismo del ministro Azzolina e di altre autorità centrali, che non possono pretendere di ricevere il doppio delle prestazioni dai docenti e dal personale non docente, con gli stipendi che rimangono immutati, senza contare il fatto che la riduzione dell’orario, da 60 a 50 minuti, continui, per il Governo, a rimanere un incomprensibile tabù”.

“Queste inerzie e pastoie burocratiche non fermeranno, comunque, l’attività dei Comuni, dei dirigenti scolastici e di tutti gli operatori del settore scolastico, per cercare di normalizzare la vita di relazione dei nostri ragazzi negli istituti del capoluogo e dell’intera penisola, come già avvenuto in piena emergenza Covid, allorquando è stata sostenuta la didattica e la crescita culturale degli studenti con ogni mezzo e con i sacrifici di tutti, comprese le famiglie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares