Crescono gli infortuni sul lavoro a sud del Lazio. Uil: più controlli e più sanzioni

“C’è un’area della nostra regione che sta diventando sempre più rischiosa per i lavoratori e le lavoratrici. Quest’aria è a sud di Roma e coinvolge la provincia pontina e quella ciociara. In questa zona più che altrove si sono registrate infatti le crescite percentuali più elevate di infortuni sul lavoro e di malattie professionali”.

I numeri aumentano

Lo dicono in una nota congiunta Luigi Garullo e Anita Tarquini, rispettivamente segretari della Uil di Latina e della Uil di Frosinone, commentando i dati dell’Inail elaborati nel 2019: rispetto al 2018 in Ciociaria gli infortuni sul lavoro sono aumentati dell’1,6 per cento (44 in più) pari a 2.715 mentre le malattie professionali hanno toccato quota 801 con una variazione del più 7,1 per cento (erano state 748 nel 2018).

I segretari sul mancato rispetto delle norme

“Cifre che fanno tremare i polsi – dicono gli esponenti della Uil – In tutto il territorio laziale nell’ultimo anno sono stati quasi 45 mila gli infortuni sul lavoro. E se la maggior parte sono avvenuti a Roma e nel suo hinterland – dato prevedibile, visto le dimensioni della città, della sua provincia e della forza lavoro – Gli incrementi che abbiamo rilevato nelle nostre aree confermano che per quanto riguarda il lavoro, la sua sicurezza, c’è un capitolo che deve essere aggiornato, perché il mancato rispetto delle regole si traduce in una violazione della libertà per lavoratori e lavoratrici e in un aumento del rischio di perdere la vita”.

 

anita tarquini il corriere della provincia
La segretaria territoriale della Uil Frosinone Anita Tarquini

 

Più sanzioni ma meccanismi premianti per aziende virtuose

Sia Tarquini che Garullo sottolineano la necessità di “più regole e controlli, più sanzioni, meccanismi premianti per le aziende virtuose – concludono – perché nell’anno appena concluso ha posto la provincia di Latina in prima posizione in termini di lutti e vite spezzate, passando infatti gli infortuni mortali da 8 nel 2018 a 14, con un indice pari a 3,7 ogni 100 mila infortuni denunciati (erano stati 2,2 l’anno precedente), sottraendo così il primato a Rieti che fino al 2018 aveva occupato il primo posto di questa livida graduatoria e che invece ora scivola in quarta posizione. Frosinone invece è terza, con un indice di mortalità pari a 2,9 pressoché invariato rispetto all’anno precedente, in presenza di un analogo numero di vittime, pari a 8 unità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares