Azione invita alle candidature condivise e senza imposizioni. Obiettivo: battere la destra

“Ora dobbiamo sconfiggere gli amici di Orban e Putin in Italia, Meloni-Salvini-Berlusconi. Il segretario nazionale di Azione, Carlo Calenda, ha fissato l’obiettivo del partito. L’accordo raggiunto da +Europa/Azione con il PD rappresenta il momento di svolta nella campagna elettorale per le prossime politiche. Noi, come Azione, non ci siamo mai rassegnati alla sconfitta, i risultati delle urne sono cosa diversa dai sondaggi”. Lo evidenzia la segreteria provinciale. “Abbiamo cercato questo accordo ponendo delle condizioni, non perché depositari della verità politica, ma perché abbiamo posto tematiche che interessano gli italiani, il futuro di questo Paese. L’ Agenda Draghi deve rappresentare la stella polare della coalizione, continuare il lavoro fatto finora. Per questo abbiamo chiesto che chi non ha votato la fiducia al governo Draghi, come il M5S, non possa fare parte di questa alleanza, così come i leader di forze politiche con proposte agli estremi del centrosinistra non siano candidati sui collegi uninominali. La condivisione dell’alleanza la chiediamo anche in provincia di Frosinone, con la scelta di candidati, ai collegi uninominali Camera (Sora-Frosinone, Cassino-Formia) e Senato (Frosinon-Latina), che vadano bene all’intera coalizione, e non imposti da un partito, qualunque esso sia. Le premesse per un’alleanza forte nel centrosinistra ci sono, anche in vista delle prossime elezioni Regionali. Però essa sia paritaria e rispettosa delle diverse sensibilità nel campo. Azione ci sta, ma con la sua identità di un forte riformismo ed autonomia”.

REDAZIONE LaProvinciaQuotidiano.it

Seguici anche su Telegram: CLICCA QUI

REDAZIONE LaProvinciaQuotidiano.it ha 4376 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di REDAZIONE LaProvinciaQuotidiano.it