Oggi l’ultimo consiglio provinciale: due nuove scuole a Sora e Ferentino

Ultima seduta del consiglio provinciale, quella che si è svolta in mattinata, prima delle elezioni del prossimo 18 dicembre 2021. Nove i punti all’ordine del giorno che sono stati affrontati, discussi e votati in aula.

In apertura dei lavori, il presidente Pompeo ha voluto ringraziare i consiglieri provinciali uscenti per il lavoro portato avanti in questi due anni di consiliatura, assicurando il proprio impegno a continuare il percorso di collaborazione e condivisione da lui intrapreso sin dal 2014.

Tra le variazioni sul bilancio e le imposte provinciali (Ipt, RcAuto e Addizionale provinciale Tarsu), che sono rimaste invariate nelle tariffe, particolarmente degne di nota le delibere relative alla costruzione di due nuove scuole sul territorio. Ad illustrare il grande e continuo lavoro della Provincia di Frosinone nel settore dell’edilizia scolastica è stato lo stesso presidente, Antonio Pompeo, in un bilancio generale dei finanziamenti ottenuti dall’ente di Piazza Gramsci per interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, adeguamento e miglioramento sismico e realizzazione di nuove costruzioni che ospiteranno istituti di istruzione superiore.

Il grande lavoro in tema di edilizia scolastica

“Il settore dell’edilizia scolastica è stato sicuramente quello su cui la Provincia ha più investito in questi anni – commenta il presidente Pompeo – portando a casa oltre 70 milioni di euro di finanziamenti per ammodernare, adeguare e costruire nuove scuole sul territorio provinciale. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro fatto da UPI sui tavoli nazionali e reso fattibile grazie all’impegno e alla dedizione dei nostri uffici”.

consiglio provinciale 2021
Il tavolo della presidenza durante l’assise di oggi

Quindi l’annuncio della costruzione di due nuove scuole, a Sora e Ferentino, consentendo di abbattere i costi delle locazioni a carico dell’Amministrazione provinciale.

Un passaggio importante, inoltre, merita il capitolo sulle azioni di valorizzazione dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Con l’approvazione del punto 6 e relativo emendamento, la Provincia ‘sana’ una situazione che da oltre vent’anni necessitava di essere affrontata e risolta: la regolarizzazione, attraverso un contratto di comodato d’uso, dell’utilizzo dell’immobile di viale Marconi, a Frosinone, da parte dell’Accademia di Belle Arti, una prestigiosa istituzione didattica e culturale che, specialmente in questi ultimi anni, si è caratterizzata per un’offerta formativa ampia e qualificata, capace di attrarre allievi provenienti da ogni parte d’Italia e da paesi esteri, superando le 800 iscrizioni.

Grazie, quindi, all’approvazione dell’accordo contrattuale, non solo l’Accademia avrà il titolo giuridico per l’utilizzo di un bene del patrimonio provinciale, ma avrà la possibilità di usufruire di ulteriori rinnovi quinquennali, assumendosi tutti gli oneri di gestione e manutenzione.

vacana pompeo maura
Da sinistra Vacana, Pompeo e Maura

Approvata, infine, la delibera sulla conclusione del periodo di sperimentazione dell’Agenzia Frosinone, Formazione e Lavoro: nei prossimi giorni, peraltro, il presidente Pompeo incontrerà l’assessore regionale alla Formazione, Claudio Di Berardino, per definire insieme alla Regione LAZIO le possibili strade da percorrere in tema di formazione professionale.

Una seduta che non ha mancato di registrare l’emozione dei consiglieri provinciali uscenti, i quali hanno ringraziato il presidente, la struttura amministrativa e i colleghi per il percorso condiviso.