Castro dei Volsci, Ambrosi: ecco la campagna elettorale che vorrei

Le elezioni amministrative di Castro dei Volsci saranno fissate in una data tra il 15 settembre ed il 15 ottobre 2021 e il vicesindaco Leonardo Ambrosi, forte dei risultati e dell’esperienza maturata in questi anni, ci ha raccontato la sua campagna elettorale ideale, lontano dalle polemiche e dagli insulti personali. Spazio invece per le idee e i programmi.

“Con l’impegno e la passione di sempre”

“Sono trascorsi quasi dieci anni – dice Ambrosi – dalla mia prima elezione. Un tempo che mi ha permesso di acquisire una perfetta conoscenza della macchina amministrativa e di scoprire ogni angolo del nostro complesso territorio, con le sue ricchezze e le sue problematiche.

Gli ultimi 14 mesi sono stati un periodo davvero duro in cui noi amministratori abbiamo sentito forte il peso di dover affrontare questo virus prima sconosciuto. Con la diligenza del buon padre di famiglia abbiamo dovuto interpretare la giungla di decreti che quotidianamente venivano emessi, prendere decisioni ed assumerci responsabilità che spesso venivano affidate agli enti locali. Tante le iniziative messe in campo in questo periodo. Mi sento di dire che non abbiamo lasciato indietro nessuno”.

L’appello ad abbassare i toni

“Proprio perché impegnato a fronteggiare l’emergenza sanitaria che sta toccando intere famiglie castresi positive al Covid-19, non ho avuto molto tempo per rispondere al vociare di qualche invisibile per il quale parlano le vicende giudiziarie ed i magri risultati della sua esperienza amministrativa. Non risponderò alle provocazioni, alle storie inventate ed alle diffamazioni e lo invito a riflettere sulle modalità con cui si affronta una campagna elettorale per non incappare in altri guai con la giustizia. Non c’è bisogno di avvelenare il clima in questa maniera. Non lo si dovrebbe mai fare, tantomeno in un momento storico così delicato“.

“Non scenderò mai nel loro fango. Da parte mia ci sarà sempre quella noiosa maniera di raccontare cosa abbiamo fatto, quali difficoltà abbiamo incontrato sulla nostra strada e cosa vogliamo fare per il paese”.

In campo per una rinnovata continuità

“Mi candido a sindaco, infatti, per continuare a costruire un paese sempre più a misura di cittadino, con sempre più servizi e con una qualità della vita sempre più alta. Ho scelto di esserci ancora seppur in una veste diversa per portare avanti le molte cose positive che abbiamo fatto in questi anni e che hanno permesso al paese di cambiare marcia e di ritrovare la propria identità”.

Amministrare significa per me anche occuparmi delle esigenze di ogni singolo cittadino: è una passione, qualcosa che sento dentro, un modo per restituire con il mio tempo, con la mia disponibilità e con le mie idee tutto quello che questa terra mi ha dato negli anni. Penso di averlo dimostrato con il mio impegno, con i miei risultati e con la mia presenza giorno e notte quando è stato necessario”.

Programma e idee chiare

“Quello della lista in costruzione – conclude Ambrosi – piuttosto che un semplice programma sarà un impegno solenne con gli elettori. Presenteremo piccole misure per migliorare la vita quotidiana dei cittadini, ma anche progetti ambiziosi ed in grado di generare economia. Il programma diventerà, all’indomani delle elezioni ed in caso di vittoria, il libro sacro della mia squadra che dovrà impegnarsi a realizzarlo secondo tempi certi. Non sarà un libro dei sogni: laddove possibile indicheremo anche con quali linee di finanziamento intendiamo attuare ciascun punto“.