Sei milioni di euro a fondo perduto per le Pmi in area Asi. De Angelis: “Da Zingaretti, Orneli e Leodori grande attenzione alle nostre realtà produttive”.

Sei milioni di euro a fondo perduto per le micro, piccole e medie imprese in aree Asi penalizzate a causa della pandemia da Covid-19. La Giunta Regionale ha infatti approvato oggi una delibera – proposta dall’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-up e Innovazione, Paolo Orneli, di concerto con il vicepresidente e assessore alla Programmazione Economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio, Daniele Leodori – che stanzia 6 milioni di euro per un avviso pubblico con il quale verranno concessi contributi a fondo perduto alle Mpmi insediate nelle Aree di Sviluppo Industriale del Lazio o che comunque usufruiscono dei servizi erogati dai Consorzi Asi.

L’intervento

Soddisfazione è stata espressa da Francesco De Angelis, presidente del Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Frosinone e commissario per il Consorzio Unico. “Un contributo importante e che potrà essere di sostegno alle micro, piccole e medie imprese che insistono sui territori dei Consorzi. La Regione Lazio – ha commentato De Angelis – e in particolare il presidente Nicola Zingaretti, l’assessore per lo Sviluppo Economico e le Attività Produttive, Paolo Orneli, e l’assessore al Bilancio e alla Programmazione Economica, Daniele Leodori, stanno dimostrando grande attenzione nei confronti delle imprese”.

Quello che stiamo vivendo è un momento drammatico. I contributi a fondo perduto, soprattutto per le realtà più piccole, possono rappresentare una boccata d’ossigeno fondamentale. Un bel segnale di vicinanza e di sostegno alle impese. Del resto tutto il nostro lavoro, oggi come Consorzio Asi di Frosinone e domani come Consorzio Unico, è e sarà finalizzato agli interessi delle imprese che insistono sul nostro territorio e, di conseguenza, ai lavoratori. Anche le infrastrutture che stiamo per realizzare, frutto della collaborazione con Regione Lazio ed Astral, vanno esattamente in questa direzione. Su questa strada – ha concluso Francesco De Angelis – si muoverà, nel prossimo futuro, il Consorzio Unico regionale, attraverso concreti strumenti di sostegno alle imprese e al territorio”.

Le modalità

Cinque milioni sono parte del residuo non utilizzato dello stanziamento PO FESR Lazio 2014-2020 relativo all’avviso “Ristoro Lazio Irap”. Fondi ai quali è stato aggiunto un milione di euro relativamente alla competitività delle imprese e quindi agli investimenti che saranno messi in atto dalle stesse. Il contributo a fondo perduto sarà riconosciuto nella misura massima di 15.000 euro, destinato alle imprese che usufruiscono dei servizi erogati dai Consorzi industriali in rapporto agli oneri versati nel 2020 o da versare nella stessa annualità.  Le micro, piccole e medie imprese interessate ai contributi devono possedere, alla data della pubblicazione dell’avviso pubblico, alcuni requisiti. 

Intanto avere la propria sede legale nel Lazio ed esercitare l’attività nel territorio di competenza dei Consorzi per lo sviluppo industriale o comunque di usufruire dei servizi degli stessi; essere iscritte ai registri camerali come impresa attiva; essere in possesso della certificazione, da parte del Consorzio industriale di appartenenza, degli onori versati nel 2020 ed essere in possesso dell’attestazione di regolarità contributiva – il DURC – o di altra documentazione comprovante la stessa regolarità. In mancanza di questi dell’attestazione rilasciata dall’INPS di rateizzazione del debito contributivo. 

Il bando verrà pubblicato entro il mese di aprile e sarà gestito dalla società in house regionale Lazio Crea. 

shares