Medico scolastico, Cristofari: riferimento prezioso per i ragazzi

Droghe, bullismo, disturbi psichici… Sono molteplici le problematiche (che spesso sfociano in gravi patologie) che tormentano l’universo giovanile. Un mondo che solo gli specialisti sanno esplorare ed, eventualmente, curare. Ecco perché l’Ordine dei Medici di Frosinone plaude alla reintroduzione della figura del “medico scolastico”.

Un tema che è stato recentemente affrontato in Regione, alla luce di un  ordine del giorno del Movimento 5 Stelle, che è stato approvato dal Consiglio. Con esso, si impegna la Giunta Regionale ad operarsi per reintrodurre la figura del medico scolastico in tutti gli istituti del Lazio.
Il  medico scolastico, in verità,  è una figura già prevista dalla normativa, in base al  Decreto 81 del 2008, ma che di fatto, a causa dei  tagli al sistema sanitario effettuati negli ultimi anni,  non ha mai visto la piena operatività.

L’intervento

“Sono molteplici i campi in cui potrebbe operare il medico scolastico – osserva il presidente dell’Ordine dei Medici di Frosinone, Fabrizio Cristofari – dai disturbi della sfera psichica della sessualità, al bullismo; dalle dipendenze dalla droga all’uso dei telefonini. L’educazione sanitaria veicolata da professionisti della materia permetterebbe di affrontare anche temi molto delicati come quelli della vaccinazione e della prevenzione”.

Il presidente Cristofari alza dunque lo sguardo sull’aspetto sociale:“É evidente che il medico scolastico sarebbe una figura di riferimento per quanto riguarda gli stili di vita, quello della obesità infantile legata a scorretta alimentazione e ad una scarsa attività fisica è un problema sempre più diffuso, ma non bisogna dimenticare anche la lotta alle dipendenze come droghe, fumo e alcol. Senza dimenticare – conclude  – che  potrebbero mettere a disposizione le proprie competenze nella lotta alle fake news nel campo della salute,  ovvero insegnare a riconoscere i siti autorevoli e accreditati, l’importanza della certificazione delle informazioni e del metodo scientifico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares