Isola del Liri al Dottorato di ricerca dell’Università degli Studi di Roma Tre

La candidatura di Isola del Liri stimola un dottorato di ricerca interdisciplinare, all’Università degli Studi di Roma Tre. Prosegue l’attività dei comitati per caratterizzare la candidatura di Isola del Liri nel Network delle Città Creative Unesco per le Media Arts.

A seguito dell’Accordo Quadro di collaborazione scientifico-operativa sottoscritto tra il Comune di Isola del Liri ed il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi ‘Roma Tre‘, si è svolto il 10 febbraio 2020 nella Sala De Vecchi in Via Madonna dei Monti 40, Roma, presso la facoltà di Architettura dell’università degli studi di Roma Tre, il Dottorato di ricerca ‘Paesaggi della città contemporanea: politiche tecniche e studi visuali’ coordinatore prof. Paolo Desideri e il Dottorato di ricerca ‘Architettura: Innovazione e patrimonio’, coordinatore professoressa Elisabetta Pallottino.

La prima giornata di lavoro

Il ciclo di attività ‘Azioni di sviluppo  del territorio su base culturale’ è curato dal professor Simone Ombuen e dalla professoressa Elena Battaglini. Questa prima giornata di lavoro è stata inaugurata dal professor Simone Ombuen con una relazione introduttiva, sul tema: ‘Politiche di sviluppo locale basate sul Cultural Heritage materiale e immateriale: paesaggi, cultura, tipicità e creatività’.

roma tre università il corriere della provincia
L’Università di Roma Tre

Dopo una attenta analisi del territorio ed un approfondimento sulle caratteristiche del patrimonio storico culturale della città di Isola del Liri, il professore ha sottolineato che il ciclo di attività proposto prende spunto dalla candidatura di Isola del Liri nel Network delle Città Creative Unesco per le Media Arts, dando seguito ad una serie di iniziative di animazione culturale e di rigenerazione urbana attivate da realtà associative locali presenti sul territorio.

Fra le varie attività di ricerca del Dipartimento, si prevede la partecipazione operativa degli studenti dei corsi di dottorato, all’interno delle iniziative di animazione culturale e di produzione di creative artworks previste nel percorso che porterà alla formulazione della candidatura nel giugno 2021.

Gli interventi

Nel corso dell’incontro con una relazione sono intervenuti Massimiliano Quadrini, sindaco di Isola del Liri; Vittorio Salmoni, coordinatore del Dipartimento Territorio e Città, Istituto di Studi Adriano Olivetti di Ancona e membro del Creative Cities Network di Unesco;  Marco Caracci della segreteria Presidenza del Consiglio regionale del Lazio; Manuela Giacobbi in rappresentanza di Lazio Innova; Delfina Santoro del Gamification Lab dell’Università Sapienza di Roma e componente del Comitato Scientifico Città Creativa Unesco Isola del Liri; Angela Tibaldi del Gruppo PTS Clas coordinatore candidatura Unesco Civita Bagnoregio; Angela Viscogliosi, presidente del Comitato Operativo Città Creativa Unesco Isola del Liri.

Il dibattito con gli studenti

Dopo le relazioni degli intervenuti, si è animato un dibattito con gli studenti del dottorato che hanno mostrato interesse sul notevole patrimonio monumentale, storico-culturale, paesaggistico ed ambientale che si addensa nell’ambito territoriale di Isola del Liri lungo il ricco sistema fluviale dell’alta valle del Liri e del Fibreno. Il corso si è concluso anticipando il tema del secondo ciclo di attività ‘Pianificazione strategica e reti di città: Città creative e Media Arts nelle iniziative Unesco’ che si terrà nella stessa università il 24 febbraio 2020, a cura della professoressa Elena Battaglini.

massimiliano quadrini isola del liri il corriere della provincia
Massimiliano Quadrini

All’iniziativa del Dipartimento di Architettura dell’università di Roma Tre, grande soddisfazione è stata espressa dal Sindaco di Isola del Liri, Massimiliano Quadrini, che ha ringraziato anticipatamente i docenti e gli studenti del dottorato per le analisi di approfondimento che faranno sul territorio e per il contributo che lasceranno alla candidatura, invitandoli a visitare la città per conoscere meglio il patrimonio culturale che la caratterizza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares