Cassino, operaio minaccia il suicidio: provvidenziale l’intervento della polizia

Nel pomeriggio di ieri, presso una fabbrica della Città Martire, un operaio di 57 anni è salito su una torretta, all’interno dell’opificio dove lavora, minacciando di gettarsi nel vuoto. L’uomo nella circostanza avvertiva, disperato, telefonicamente il figlio.

L’episodio

Sul posto sono intervenuti immediatamente gli agenti del Commissariato di P.S. di Cassino, i Vigili del Fuoco ed il 118. Dopo  una lunga ed estenuante trattativa i poliziotti sono riusciti a far desistere l’uomo dal mettere in atto l’insano gesto e a farlo scendere dalla torretta su cui si era arrampicato.

A spingere il 57enne a questa forma estrema di protesta è stata la comunicazione di licenziamento. L’azienda ha fatto sapere che sta rivalutando la posizione lavorativa del dipendente, per una successiva riassunzione.

shares