Frosinone, Palladino traccia la rotta per le comunali: no a fughe in avanti e sì a programmi e primarie di coalizione

Poco più di un anno per la ‘reconquista’ del comune capoluogo. Il Pd affila le armi al fine di evitare che il centrodestra metta a segno un storico triplete. Il rischio che si corre, come avvenuto nel passato, è che non si trovi una sintesi. A tracciare la rotta è Andrea Palladino, segretario cittadino dei Dem. Chiede di evitare fughe in avanti, ribadisce che l’unica strada da seguire sia quella delle primarie e invita tutti a un percorso condiviso con la coalizione.

L’intervista

Segretario, ancora nessun nome ufficiale, oltre le indiscrezioni. Per ora sembra esserci in campo solamente Mauro Vicano. Qualcuno sostiene anche Michele Marini. Quale crede debba essere il percorso del Pd di preparazione alle comunali di Frosinone?

“Il PD ha già iniziato il percorso che ci porterà alle amministrative di Frosinone del 2022, stiamo preparando il programma che dovremmo poi condividere con la coalizione, per la scelta del candidato a sindaco fin dal primo giorno della mia elezione a segretario di circolo ho sempre sostenuto le primarie, che sono nel nostro statuto da sempre. Credo che siano l’unica strada da seguire. Non ci dovranno essere fughe in avanti, sono certo che sia il modo migliore per allargare le alleanze, presentare il programma ed avviare la campagna elettorale. Primarie di coalizione, aperte, dove saranno i cittadini del capoluogo a decidere il candidato a sindaco”.

Il centrodestra si è aggiudicato per ben due volte lo scettro di sindaco, anche grazie a guerre civili all’interno del suo partito, che sembra essere un eterno Giano Bifronte. Come evitare gli errori del passato? 

“In politica le divisioni si superano con il dialogo e il confronto, forse questo è mancato in passato, ma oggi credo che dobbiamo lasciarci alle spalle le polemiche sterili, imparare dagli errori commessi per non ripeterli più. Dobbiamo fare tesoro delle tante cose fatte nei 14 anni delle amministrazioni Marzi e Marini. Ritrovare la voglia e lo slancio di quei governi che hanno cambiato la città di Frosinone. Vede direttore a riprova di quanto affermo le dico che il gruppo consiliare del PD, nonostante le critiche, è l’unico che non è mai cambiato dall’inizio della consiliatura. Da qui dobbiamo ripartire per mettere in campo una lista del Partito Democratico, forte e competitiva”.

Senta Ottaviani non sarà della partita ma di certo opererà dietro le quinte. Il centrodestra punta comunque al triplete. Come giudica i suoi avversari senza la guida dell’attuale primo cittadino? 

“Sicuramente quando si ha in campo il sindaco uscente la partita è diversa, questa volta non sarà cosi, quindi per noi è un’occasione da cogliere e sfruttare al meglio. Vedo molta confusione nello schieramento che governa la città, consiglieri che passano da un gruppo all’altro quasi tutti i giorni, molte assenze, troppi personalismi e pochissimi fatti. È sotto gli occhi di tutti lo stato della città di Frosinone, sono tutti impegnati sul proprio futuro e non vedono niente altro”. 

Ormai è assodato che i partiti, senza le aggregazioni civiche, hanno poche speranze di aggiudicarsi le amministrative.  A Frosinone, inoltre, c’è sempre un Psi che conta. Si procede ancora in ordine sparso, oppure state lavorando a un asse comune? 

“Stiamo lavorando a formare una coalizione di centrosinistra forte, allargata a tutte quelle forze civiche e della società civile che vedano in noi un alleato serio e credibile, penso alle tante associazioni che operano nella città di Frosinone o anche a quelle liste civiche che non si ritrovano più in un amministrazione inconcludente, con tutti loro apriremo un dialogo sul programma e sul futuro del Capoluogo. Il PD ed il PSI sono le basi portanti del centrosinistra a Frosinone, con il PSI il legame è storico ed è molto forte, il dialogo non si è mai interrotto ed è costante”.

Gianluca Trento

Giornalista dei quotidiani online "LaProvinciaQuotidiano.it" e "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News". In passato è stato anche Direttore Editoriale de "La Provincia", Direttore Responsabile del quotidiano "Ciociaria Oggi", Condirettore de "Il quotidiano della Ciociaria", giornalista di "Paese Sera", del settimanale "L’Inchiesta" e del quotidiano online "Il Corriere della Provincia".

Gianluca Trento ha 277 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianluca Trento

shares