Batteriosi del kiwi, aziende in ginocchio: Coldiretti chiede stanziamenti urgenti alla Regione Lazio

La batteriosi del kiwi è un problema che ha colpito e sta continuando a colpire anche le nostre province. E sono pochi i mezzi in mano agli agricoltori per farvi fronte. Purtroppo, negli ultimi anni, tale malattia ha condizionato pesantemente la produttività. Servono, quindi, nuove misure per arginare le perdite economiche che stanno subendo i nostri imprenditori”. Lo evidenzia Carlo Picchi, direttore di Coldiretti Latina/Frosinone che lancia un appello alla Regione Lazio.

L’intervento

“Nel pontino  – fa notare – la coltivazione del kiwi ha anche una valenza storica e sono molti gli agricoltori che contribuiscono a portare la provincia di Latina tra i primi produttori in Italia e non solo. Spesso, però, a causa della malattia che sta interessando i frutteti, a loro non rimane nulla. Quindi non gli resta altro che l’estirpo totale.  Di sforzi tecnici messi in atto già da anni ne sono stati fatti tanti, ma la moria sta continuando a coinvolgere un numero sempre più elevato di ettari di kiwi”.

L’appello

“La Regione è al corrente della situazione, anche grazie all’incontro dello scorso agosto con l’assessore Enrica Onorati alla quale abbiamo dato la nostra disponibilità a fornire tutti i dati necessari alla ricerca che stanno portando avanti. La nostra nuova preoccupazione muove dalle numerose segnalazioni che ci arrivano anche in questi giorni. Quello del kiwi è un indotto irrinunciabile del comparto agricolo ed economico in generale del territorio. Da qui, la richiesta urgente di stanziare fondi in maniera urgente a sostegno dei nostri produttori”.

shares