Cig e mobilità in deroga: l’Ugl annuncia sit-in giovedì in Prefettura

Una manifestazione davanti alla prefettura per invocare il presidente del Consiglio, il Consiglio dei Ministri e la Regione Lazio a sanare alcune situazioni che stanno penalizzando oltremodo migliaia di lavoratori della nostra provincia e le rispettive famiglie.

Con queste motivazioni l’Ugl Frosinone ha indetto l’iniziativa di protesta che si svolgerà giovedì prossimo davanti al palazzo della Prefettura di Frosinone. “A distanza di ormai quattro mesi, – scrive il sindacato in una nota – ci sono ancora centinaia di lavoratori della provincia di Frosinone in attesa di ricevere l’assegno. La mancanza di liquidità delle aziende, aspetto anche questo da sottolineare, non ha consentito loro di anticipare l’ammortizzatore sociale, con il risultato finale di mandare in crisi profonda nuclei familiari senza reddito per troppo tempo. Una situazione che questa organizzazione sindacale non può accettare”.

ugl prefettura locandina

“Riteniamo indispensabile un’azione sugli ammortizzatori sociali affinché possano essere erogati da parte dell’Ente Previdenziale. Al fianco dei lavoratori senza cassa integrazione Covid, c’è l’altra ampia platea di ex lavoratori dell’Area di Crisi Industriale Complessa Frosinone-Anagni, circa 1000, in attesa di un nuovo accordo per la mobilità in deroga scaduto lo scorso 2 luglio 2020. In molti non hanno ricevuto i pagamenti mentre l’accordo raggiunto tra sindacati e Regione Lazio per estendere il provvedimento fino al 2 gennaio 2021 non ha ancora trovato le risorse. Il blocco dei licenziamenti scadrà il prossimo 17 agosto, secondo le ultime indicazioni sarà prorogato fino alla fine del 2020 ma non varrà per le aziende che chiuderanno le attività. Su questo aspetto l’Ugl Frosinone chiede di fare chiarezza per evitare speculazioni”.

Serve impegno per tutelare attività e posti di lavoro

“Occorrono poi – continua l’Ugl – politiche di sviluppo per dare una spinta alla ripresa dei settori produttivi fortemente penalizzati dall’emergenza sanitaria ma che rappresentano, per la provincia di Frosinone, un traino per l’intera economia. Ci riferiamo al comparto automotive e alla sua filiera relativa alla componentistica che vanta aziende importanti quasi tutte con il fiato corto: dalla Omron alla Tiberina fino all’Italtractor. C’è poi da intervenire per salvaguardare il comparto del turismo e quello del commercio che vedono tante imprese, agenzie, bar, ristoranti, sull’orlo della chiusura per via dell’impoverimento economico delle famiglie ciociare. La nostra provincia non può permettersi di perdere produzioni, attività commerciali e posti di lavoro, ed è per tutto ciò che noi dell’Ugl Frosinone chiediamo imminenti e decisi interventi di stanziamento di risorse economiche oltre al vero taglio della burocrazia da parte sia della Regione Lazio sia del Governo mirati a favorire il rilancio del mercato interno”.

“Quelli appena descritti sono soltanto alcuni dei punti focali ed attuali che l’Ugl Frosinone intende sottoporre all’attenzione del Prefetto affinché questo appello venga fatto giungere alla Presidenza del Consiglio e all’intero Governo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares