Pané incanta con il suo nuovo singolo “Soli insieme”, inno alla speranza e all’unione in questa emergenza globale

Condividi la notizia!

Dalla Ciociaria un inno alla speranza e all’unione, seppur “virtuale”, durante questa terribile emergenza dovuta alla pandemia del virus Covid-19. È quello cantato e messo in musica da Matteo Panetta, in arte Pané, arrangiatore e polistrumentista della provincia di Frosinone, che in appena 48 ore dal lancio sfiora già i duemila clic su Youtube.

Nel videoclip 60 comparse per infondere buonumore

“Soli insieme”, è questo il titolo del suo nuovo singolo già divenuto virale in Ciociaria, mostra nel videoclip circa 60 comparse tra amici e conoscenti: ben 60 persone che, mentre cantano, rivelano momenti di vita reale e quotidiana della quarantena a cui tutti siamo sottoposti in questi giorni. Ognuno, però, con il sorriso sulle labbra, perché è proprio questo lo spirito e l’obiettivo della canzone: mettere un pizzico di buonumore in queste giornate tristi e infondere speranza e voglia di andare avanti, pensando al futuro, che sarà certamente più roseo di questo tragico presente.

“Uniti come nel 2009 per l’Abruzzo”

Costruita un po’ sulla falsa riga di “Domani”, la canzone incisa nel 2009 da 56 grandi artisti per raccogliere fondi a sostegno degli interventi di ricostruzione post-terremoto che flagellò l’Abruzzo, “Soli insieme” è anche ricca di arrangiamenti delicatamente funk e rap, tipici dello stile di Panè, che rendono la melodia contagiosa e trascinante. Il terremoto, tra l’altro, viene anche citato nella canzone: l’autore, infatti, chiede a tutti, in musica, di rimanere uniti come nel 2009 per l’Abruzzo.

Un testo ironico ma anche riflessivo e pieno di sentimenti

Ma diamo una letta al testo, sicuramente meritevole di attenzione grazie al significato profondo e ad ogni scelta lessicale, non lasciata di certo al caso, tra l’altro composto dallo stesso Panetta in collaborazione con tanti amici che hanno seguito le sue dirette e suggerito argomenti e frasi da inserire: dopo un po’ di ironia iniziale, immancabile nei brani di Panè, in cui sarcastico tocca i temi di attualità che più hanno fatto parlare (autocertificazioni, amuchina, regina), Matteo diventa in un primo momento riflessivo (parlando dei problemi economici e della difficoltà di stare soli in casa) e, intorno alla metà del brano, persino sentimentalista: “Distanti oggi più di ieri ma con gli stessi desideri… non è facile stare da soli, dai siamo sinceri… il vento porta spavento, non l’avevamo messo in conto, andrà tutto bene e questo sarà solo un racconto”.

Trarre insegnamenti per apprezzare la vita

E poi, ancora, l’autore vuole far capire l’importanza di trarre insegnamenti da questa triste storia, per apprezzare meglio i bei momenti della vita: “Di nuovo all’aria aperta per una normalità diversa, il calore di un nuovo sole, nuovo ossigeno da respirare… il profumo della vita avrà un altro odore, una pizza con gli amici una nuovo sapore, quest’aria di primavera sarà la prima vera, un sole dopo la tempesta e più nessuna protesta”.

Un fermo immagine del videoclip del nuovo singolo “Soli insieme”

Si possono addirittura sfiorare le lacrime nel coro (fatto insieme alle voci delle sorelle Enrica e Ludovica Panetta) che introduce l’ultimo minuto della canzone, che potrebbe definirsi forse il fulcro del brano stesso, in cui il climax ascendente raggiunge l’apice: “Stringimi quando sarà il momento… ora siamo distanti ma torneranno quegli istanti, fra abbracci abbondanti e sorrisi smaglianti. Daremo un senso al nostro tempo, sapremo come usarlo, diventerà come un pennello in mano a Giotto o Caravaggio”.

La conclusione, prima del ritornello finale, è un vero e proprio inno ai sentimenti senza alcuna reticenza né vergogna: “Vestiti non di corazza ma di spensieratezza, ogni piazza piena di una nuova forza… nessuna mascherina, tutto come prima, darsi il cinque come medicina… ad avere la corona sarà solo la regina”

Enrica e Matteo Panetta in formazione con archi e fiati durante una recente esibizione

Lo scanzonato Panetta ha raggiunto una notevole maturità artistica… grazie anche all’amore?

Non c’è che dire, Panetta in questo nuovo singolo dimostra sicuramente di aver raggiunto una maturità artistica che lo porta ad unire al suo inconfondibile stile scanzonato qualcosa di molto profondo: specchio, questo, di un mutamento anche a livello personale. E, forse, di un amore che sta condizionando la sua vita, come racconta lui stesso nella precedente creazione artistica, “Mezzaluna”, ricca di riferimenti ad una storia importante: “In fondo è una vita che aspettavo tutto questo e adesso spero non vada tutto al cesso e io non sia quel solito stronzo che dice a se stesso di non essere pronto, spero di consegnarti il mondo racchiuso in uno scrigno chiuso a doppia mandata dall’interno… il mio paradiso dopo una vita d’inferno… come quando nei film ci si promette amore eterno, sarai il mio ultimo quaderno”.

LEGGI ANCHE: Terremoto, da Frosinone l’abbraccio all’Abruzzo: il video è virale

E: Frosinone – Al Parco Matusa Panè e la sua orchestra chiudono in musica il Ciociaria Street Food

Condividi la notizia!

Marco Ceccarelli

Marco Ceccarelli è giornalista e fotoreporter, attualmente Direttore di TuNews24.it. Ha iniziato la sua carriera nel 2004 presso il quotidiano Ciociaria Oggi, occupandosi prima di cultura e spettacolo come collaboratore e passando successivamente alla cronaca nera come redattore, quindi responsabile della cronaca nera provinciale fino al 2014. Nel frattempo ha ricoperto il ruolo di Direttore Responsabile di alcune riviste locali, come Beautycase, diventando poi corrispondente del quotidiano nazionale Il Giornale per le province di Frosinone e Latina. Quindi, dopo aver fondato nel 2013 la società di Comunicazione e Marketing Globalpress S.r.l., è entrato a far parte del Gruppo Editoriale Perté, ricoprendo in un primo momento il ruolo di Direttore Editoriale del mensile Perté Magazine e della web radio Radio Perté, successivamente anche del settimanale cartaceo Perté Week e del quotidiano web Perté Online. Sempre nell’ambito di tale progetto ha prestato servizio presso l’emittente Lazio Tv, dove ha ideato diverse trasmissioni televisive e radiotelevisive. Dopo tali esperienze nel 2015 ha deciso, con l’avvento del Frosinone Calcio in serie A, di fondare il settimanale “Tu Sport” di cui è Direttore Responsabile e, pochi mesi dopo, ha dato vita anche al settimanale generalista Tu News. Nel frattempo ha accettato l’incarico di Direttore Responsabile della rivista mensile Frosinone In Vetrina” In ultimo (ma solo per ora) nel ha dato vita al settimanale Non Solo Annunci,  alla rivista mensile poket Ciociaria da Vivere e ai quotidiani web IlCorriereDellaProvincia.it e TuNews24.it, aggiornatissimo portale d'informazione al quale verrà affiancata anche un'app per smartphone, per trasformare un innovativo progetto editoriale in un ambizioso esperimento web che affonda le proprie radici nell'informazione ma si prefigge di trattare molti altri temi e allargare le vedute oltre i confini e le barriere che oggi molte testate giornalistiche online si costruiscono intorno per barricarsi in un anacronistico tugurio d'autorevolezza. Poco costruttivo, poco democratico, poco Tu News 24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *