lunedì 6 Febbraio 2023
B1-970x250-TUNEWS24
HomeAttualitàAnagni – Inaugurato il Monumento ai Caduti di Nassiriya nel piazzale della...

Anagni – Inaugurato il Monumento ai Caduti di Nassiriya nel piazzale della Scuola “De Magistris”

Il sindaco Daniele Natalia ha commentato così l'evento: “È un momento che non scorderemo, importante perché abbiamo “ridato memoria” ai nostri eroi, storico perché anche Anagni ha finalmente uno spazio dedicato a loro. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato e che hanno portato la loro testimonianza”.

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24

Questa mattina, presso il piazzale della Scuola “De Magistris” di Viale Regina Margherita, è stato inaugurato il Monumento ai Caduti dell’attentato di Nassiriya ad opera dell’Amministrazione Comunale.

La cerimonia

Il sindaco di Anagni, Daniele Natalia ha commentato così l’evento: “Nel corso di una emozionante cerimonia, alla presenza di autorità civili, militari e religiose e degli alunni delle nostre scuole, abbiamo inaugurato il Monumento dedicato ai Caduti dell’attentato di Nassiriya. È un momento che non scorderemo, importante perché abbiamo “ridato memoria” ai nostri eroi, storico perché anche Anagni ha finalmente uno spazio dedicato a loro. Grazie a chi ha partecipato, a chi ha portato la sua testimonianza, a chi ha voluto esserci per ricordare il dramma del 12 novembre 2003 ed ha voluto commemorare insieme a noi i Caduti di Nassiriya e ringraziare le nostre Forze Armate”.

Il discorso del sindaco Daniele Natalia

- Pubblicità -

Questo è il testo del discorso pronunciato dal sindaco Daniele Natalia per l’occasione:

“Oggi, 21 dicembre 2022, per la nostra città è una data storica. Inauguriamo, infatti, il Monumento ai Caduti dell’attentato di Nassiriya, compiuto da mano codarda ed assassina il 12 novembre 2003.

- Pubblicità -

Quel giorno la base italiana di Nassiriya fu colpita da un vile attentato causando 28 morti, 19 italiani e 9 iracheni.

Molti altri militari restarono feriti nell’esplosione ed ancor oggi portano i segni di quella terribile esperienza sulla pelle.

- Pubblicità -

Per la prima volta, dopo tanti anni, ci sentimmo colpiti al cuore, capimmo che i nostri militari impegnati in missione di pace potevano essere considerati come obiettivi.

Era come se fossimo stati costretti a fare i conti con la parola “guerra”, con il suo significato, vedendo che effettivamente le missioni di pace non erano semplici “impegni formali”, ma che i nostri soldati impegnati fuori area davvero rischiavano la vita giornalmente.

Quelli erano gli anni della rinnovata presenza internazionale dell’Italia a servizio della stabilizzazione e della pace in terre lontane e sfortunate.

Noi vogliamo rendere onore ai Caduti di Nassiriya ed a tutti i militari italiani impegnati nelle missioni di pace oggi, perché riteniamo che il valore della memoria di chi è morto rappresentando e difendendo la nostra bandiera sia sacro e vada onorato nel quotidiano da ogni cittadino.

Agli uomini e alle donne in divisa delle nostre Forze Armate è dedicato questo monumento che è il ringraziamento scolpito su marmo di tutta la comunità cittadina di Anagni.

Nelle primissime settimane dopo l’attentato di Nassiriya, da tante parti d’Italia ci si mobilitò per dedicare spazi e monumenti a quei valorosi Caduti. Ad Anagni sentivamo la mancanza, dunque l’esigenza, di uno spazio del genere. Abbiamo scelto di installare, a perpetua memoria, questa stele marmorea nel piazzale di una scuola, considerando l’alto valore simbolico ma anche educativo che un monumento commemorativo degli eroi della nostra Italia può avere per le giovani generazioni, la cui coscienza civica si forma giorno dopo giorno anche alla luce di esempi solenni come quello che diedero i Caduti di Nassiriya.

Essi non sono lontani da noi nel tempo e nei valori, ma proprio persone come noi, nelle quali “rispecchiarsi” ogni giorno come cittadini e come uomini.

È con commozione e con un moto di fierezza che ringrazio quanti oggi sono qui presenti, ricordando che anche nostri concittadini, che hanno indossato o ancora indossano l’uniforme, erano presenti quel giorno a Nassiriya e sono stati impegnati in missioni internazionali in scenari a rischio, mettendo la loro vita a servizio dell’Italia e degnamente rappresentando la nostra nazione nel mondo.

A loro va la nostra riconoscenza ed eterno ricordo dell’eroismo e della dedizione alla causa della patria e della pace”.

- Pubblicità -
Monica D'Annibalehttps://www.tunews24.it
Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24