Serie B – Frosinone imbarazzante, il Pordenone vince 2-0

Condividi la notizia!

Al “Guido Teghil” di Lignano Sabbiadoro il Pordenone si aggiudica lo scontro salvezza con il Frosinone imponendosi 2-0 grazie alla doppietta di Ciurria. 

Il tecnico neroverde Domizzi ritrova Camporese al centro della difesa. In mediana Scavone viene preferito a Magnino, mentre in attacco vengono confermati Ciurria e Musiolik. Nel Frosinone Grosso rispolvera Salvi sulla corsia destra difensiva e Carraro in mezzo al campo. A supporto della punta centrale Iemmello agiscono Rohdén, Ciano e Kastanos. Il primo squillo di gara è proprio del cipriota che al 6′ tenta la fortuna dalla distanza, Perisan si distende e blocca la sfera. La partita è equilibrata ma al 19′ arriva la svolta: sugli sviluppi di un angolo un colpo di testa di Musiolik favorisce l’inserimento di Ciurria che scatta alle spalle di Brighenti e insacca. Tre minuti dopo i ramarri raddoppiano sfruttando un’incomprensione tra Salvi e Carraro in fase di impostazione. Zammarini è bravo a intercettare il pallone e a guidare il contropiede, l’ex Pisa serve poi Ciurria che incrocia con il mancino prendendo in controtempo Bardi. Si rivede il Frosinone al 32′ con un’azione personale di Rohdén che da fuori area calcia alto sopra la traversa. Al 40′ Zammarini rientra dalla sinistra e crossa in mezzo per Ciurria, il cui colpo di testa si spegne di poco fuori. Si conclude così una prima frazione in cui i friulani hanno dominato un Frosinone in difficoltà e privo di idee.

La ripresa si apre con un doppio cambio nel Frosinone: Grosso inserisce Tribuzzi e Millico per Carraro e Ciano. È il Pordenone, però, a rendersi pericoloso con il solito Ciurria, la cui conclusione stavolta è facile preda di Bardi. Al 56′ punizione dalla destra di Maiello, svetta Kastanos ma la palla finisce di poco a lato. Al 71′ Novakovich riceve palla al limite, se la porta sul mancino e spara verso la porta, è decisiva la deviazione di Camporese che alza in angolo. Nel finale mister Grosso si gioca anche la carta Parzyszek. Al minuto 87′ il polacco viene trattenuto in area da Vogliacco, l’arbitro Maggioni gli fischia fallo contro scatenando la rabbia del numero 30 che viene così ammonito. Finisce 2-0 per il Pordenone, notte fonda per il Frosinone che si ritrova sestultimo con soli tre punti di margine sui play-out. Sale a sette il numero di gare senza vittorie per i ciociari che, con l’arrivo di Grosso, hanno raccolto appena due punti in quattro sfide. La classifica comincia ad essere preoccupante, la partita di martedì con il Pisa diventa fondamentale per risollevare le sorti del “Leone”.

PORDENONE-FROSINONE 2-0 (2-0)

Pordenone (4-3-1-2): Perisan; Berra, Camporese, Barison, Falasco; Misuraca (85′ Vogliacco), Calò (55′ Magnino), Scavone; Zammarini; Ciurria (85′ Biondi), Musiolik (73′ Butic). A disp.: Bindi, Stefani, Banse, Pasa, Bassoli, Mallamo, Chrzanowski, Rossetti. All.: Domizzi.

Frosinone (4-2-3-1): Bardi; Salvi (86′ Brignola), Brighenti, Szyminski, Zampano; Maiello, Carraro (46′ Tribuzzi); Rohdén (59′ Novakovich), Ciano (46′ Millico), Kastanos; Iemmello (78′ Parzyszek). A disp.: Iacobucci, Marcianò, Capuano, Curado, Gori, D’Elia, M. Vitale. All.: Grosso.

Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco.

Marcatori: 19′ e 22′ Ciurria.

Note: partita a porte chiuse. Ammoniti: Misuraca, Calò, Musiolik (P); Rohdén, Salvi, Parzyszek, Brignola, Tribuzzi (F). Recuperi: 0′ pt; 4′ st.

Foto: Pordenone Calcio.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.