Lorenzo Fiorini, scuola e canto le sue passioni

Condividi la notizia!

Un anno importante per il giovane cantante verolano, pronto a proporsi al grande pubblico Covid permettendo. Dopo i tre inediti ne è pronto un altro che presenterà al Festival Internazionale della canzone su RTV la più grande TV albanese

di Egidio Cerelli

Lorenzo è l’ultimo dei giovani cantanti sfornati da un talent scout non più in cerca d’autore. Ma non da solo giacchè con lui hanno avuto un gran da fare fonici, musicisti, autori, produttori e discografici. “Li saluto tutti con un abbraccio gridando forte ‘grazie di cuore’’. A tutte le persone che mi seguono voglio inviare i miei più sinceri auguri di buone feste; che sia un anno migliore per tutti e che sia un nuovo anno di ripartenza per poter ricominciare con cautela a vivere quella vita che prima ci sembrava tanto scontata, ma che in fondo tanto scontata non lo era”.

Un momento stressante

Hai lavorato tra tante difficoltà sia per i video che per le registrazioni.
“E’ vero! Per me questo anno non è stato del tutto negativo perché grazie a molte persone ho avuto modo di realizzare una parte di quello che era il mio sogno: ovvero quello di avere tutte per me canzoni inedite, sogno che aspettavo da molto tempo e che per fortuna sta diventando un po’ alla volta realtà. Almeno in parte!”
Purtroppo, come dicevamo, stai vivendo in un periodo dove non si possono fare concerti. Che è la parte più bella e concreta per un cantante.
“Aggiungerei la parte più bella di quello che è la mia passione, che con tanto impegno sto cercando di farla diventare un vero e proprio lavoro”.

Un anno va via e ne arriva un altro

Quello ormai agli sgoccioli possiamo definirlo un anno di semina. La raccolta la faremo a partire dalla primavera, se tutto andrà bene.
“Da questo nuovo anno mi aspetto sicuramente di crescere ancora di più sia a livello artistico, che umano, emozionarmi e farvi emozionare, e perché no!? fare anche concerti e cantare le mie canzoni in mezzo a tutte le persone che mi hanno sostenuto e seguito in questo periodo”.
Avevi sempre sperato di fare un primo concerto nella tua città nel giorno della festa della Patrona.
“E rimane il mio sogno, Covid permettendo”

Spotify e tante altre piattaforme lo stanno premiando

Hai spopolato con i tuoi primi tre inediti.
“Quasi non credo ancora a questa bella verità, sono troppo emozionato perché mai avevo immaginato di arrivare a tanto. Stiamo per superare quota settantamila”
Non è poca cosa per un giovane sconosciuto come te. Quali i titoli dei primi tre inediti?
“Giovane Idea, il Desiderio di te” e quella che più mi sta dando maggiore soddisfazione “Vivi e lascia vivere”. E qui il mio ringraziamento va agli autori, Marino (Rino) Gaetano e Christian Epifano, allo studio di registrazione di Angelo Loffredi, ai miei musicisti, su tutti il chitarrista maestro Carlo Romano Grillandini e poi a tanti altri che sono stati al mio fianco”.
Beh, non puoi non mettere in un angolino i tuoi genitori.
“Senza di loro non avrei fatto nemmeno il primo passo quando mi hanno iscritto alla Accademia del maestro Graziano Cedroni”.
Non possiamo nascondere anche il contributo dei due main sponsor che sono la dottoressa Alessandra Papaleo della Farmacia Nuova” e Ottica di Paola Federico, una cara tua zia.

Canta Tiziano Ferro

Tu sei stato scoperto durante l’evento a livello regionale del ‘Premio Veroli alla memoria’ con una canzone di un cantante a te caro.
“E’ vero! Cantai ‘In mezzo a questo inverno’ di Tiziano Ferro e qualcuno di cui non faccio il nome mi volle nel suo team di giovani”.
Quella sera c’erano personaggi del mondo dello spettacolo, come il giornalista e critico nonché collaboratore della RAI, Daniele Mignardi e l’arch. Gaetano Castelli.
“Lasciami ringraziare lo scenografo Castelli il quale subito mi disse che mi avrebbe presentato ad un grande della Televisione, al Pippo Baudo delle TV di Albania”.

Ed ora il volo per la più grande TV in Albania con il quarto inedito

Che cosa è successo poi?
“Un giorno è arrivata la notizia che non mi sarei mai aspettato dopo che avevo inviato la mia canzone ‘Vivi e lascia vivere’ ad Ardit della TV RTVKLAN albanese. Venni infatti chiamato per essere presente ad uno dei suoi programmi di cui è presentatore e produttore ‘Domenica In ed al Festival internazionale della musica. Per un giovane come me… Ovviamente sempre Covid permettendo dovrei stare negli studio di Domenica In a marzo e quindi a maggio partecipare al Festival Internazionale della canzone. Tutto questo se finirà sta maledetta pandemia”.
Quanti salti tripli hai fatto?
“Ovvia la mia felicità e così con gli autori ed i miei musicisti con il fonico mi sono messo al lavoro e stiamo realizzando un altro inedito che presenterò in Albania. Tutto però dipende, lo ripeto, dal Covid”.

Si lavora anche per il primo album

Non solo, stai lavorando anche per il tuo primo album
“E’ vero anche questo. Sarà per me una tappa molto importante e spero tanto di riuscirci magari in una bellissima location con tutti i miei “fan”, accompagnato ovviamente dal mio gruppo. Sarà una bella sorpresa con 5 canzoni inedite ed cover di Tiziano Ferro e dei Nomadi”.
Ti abbiamo visto anche su alcune Tv locali e regionali.
“Sono stati due momenti molto belli, sia su Extra Tv e sui canali del Gruppo Sciscione da Lazio Tv a Gold Tv”
Diciotto anni. La scuola come va? Quest’anno anche gli esami liceali.
“Speriamo di fare un bell’ambo”

Gli auguri di Buone Feste

I tuoi auguri agli amici ed a quanti ti seguono pur non conoscendoti
“Spero abbiate trascorso un buon Natale ed ora sotto con l’anno nuovo e vi mando un abbraccio virtuale. Tutto andrà bene perché alla fine del tunnel c’è sempre la luce, ma tutto questo però sarà possibile solo se tutti noi rispetteremo le regole”.
Bravo!

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.