Frosinone – Gli auguri, poi il duro monito del prefetto: agli ipocriti che fingono di tutelare l’ambiente

Condividi la notizia!

Come ogni anno, in questo periodo, il prefetto della provincia di Frosinone lancia un messaggio di auguri alla cittadinanza. Questa volta, però, il messaggio contiene un monito, un avvertimento a coloro che fingono di essere ciò che non sono. Ignazio Portelli ce l’ha con chi, in Ciociaria, vuole ostentare operatività nel delicato tema ambientale ma in realtà è totalmente fermo. E chissà poi perché…

 

Il prefetto fa gli auguri nella speranza che ognuno di noi faccia sempre più e meglio per la nostra terra “e che si sappia distinguere fanfaroni e chiacchieroni da chi, invece è motivato da sani principi. Ce l’ho – ribadisce – con coloro i quali dicono e non fanno, vogliono apparire e invece non sono: contro le forme di ipocrisia”.

 

 

Il riferimento chiaro è al tema ambientale, a chi è solito farsi bello trattando questo argomento, con tante chiacchiere, ma poi non agisce. E sempre sull’ambiente conclude: “Qua quant’è, quarant’anni che si aspetta?” lasciando intendere proprio che coloro che fanno trasparire impegno su questo tema, poi non lo fanno realmente: tutto rimane lettera morta, chiacchiere di facciata e… tanta ipocrisia. E questo territorio continua a morire e a portare morte.

 

Il prefetto non fa nomi nè riferimento a persone specifiche. Sicuramente, però, la classe dirigente ciociara non è esclusa dalla cerchia dei “sospetti”. In un territorio in cui le commistioni tra politica e imprenditoria non sono mai mancate, e tanti sono stati gli interessi fruttati a chi non ha seguito la retta via danneggiando sempre più questa provincia. È la storia di questo territorio, la raccontano le inchieste giudiziarie che si sono susseguite anno dopo anno, non riuscendo, però, mai a mettere veramente freno ad una situazione giunta quasi ad un punto di non ritorno.

 

La ballata del Sacco dei Brigallè
Un fermo immagine del videoclip dei Brigallè

 

Fortunatamente in tanti, negli ultima anni, si stanno mobilitando in provincia per l’ambiente, e questo è senz’altro un bene. La canzone di sottofondo all’intervista, ad esempio, è “La ballata del Sacco” dei Brigallè, gruppo musicale ciociaro che ha tentato, anche tramite la musica, di sensibilizzare gli animi della popolazione verso un problema che oggi, più di tutti, rischia di distruggere, nel silenzio più assordante, la nostra adorata terra.

Condividi la notizia!

Marco Ceccarelli

Marco Ceccarelli è giornalista e fotoreporter, attualmente Direttore di TuNews24.it. Ha iniziato la sua carriera nel 2004 presso il quotidiano Ciociaria Oggi, occupandosi prima di cultura e spettacolo come collaboratore e passando successivamente alla cronaca nera come redattore, quindi responsabile della cronaca nera provinciale fino al 2014. Nel frattempo ha ricoperto il ruolo di Direttore Responsabile di alcune riviste locali, come Beautycase, diventando poi corrispondente del quotidiano nazionale Il Giornale per le province di Frosinone e Latina. Quindi, dopo aver fondato nel 2013 la società di Comunicazione e Marketing Globalpress S.r.l., è entrato a far parte del Gruppo Editoriale Perté, ricoprendo in un primo momento il ruolo di Direttore Editoriale del mensile Perté Magazine e della web radio Radio Perté, successivamente anche del settimanale cartaceo Perté Week e del quotidiano web Perté Online. Sempre nell’ambito di tale progetto ha prestato servizio presso l’emittente Lazio Tv, dove ha ideato diverse trasmissioni televisive e radiotelevisive. Dopo tali esperienze nel 2015 ha deciso, con l’avvento del Frosinone Calcio in serie A, di fondare il settimanale “Tu Sport” di cui è Direttore Responsabile e, pochi mesi dopo, ha dato vita anche al settimanale generalista Tu News. Nel frattempo ha accettato l’incarico di Direttore Responsabile della rivista mensile Frosinone In Vetrina” In ultimo (ma solo per ora) nel ha dato vita al settimanale Non Solo Annunci,  alla rivista mensile poket Ciociaria da Vivere e ai quotidiani web IlCorriereDellaProvincia.it e TuNews24.it, aggiornatissimo portale d'informazione al quale verrà affiancata anche un'app per smartphone, per trasformare un innovativo progetto editoriale in un ambizioso esperimento web che affonda le proprie radici nell'informazione ma si prefigge di trattare molti altri temi e allargare le vedute oltre i confini e le barriere che oggi molte testate giornalistiche online si costruiscono intorno per barricarsi in un anacronistico tugurio d'autorevolezza. Poco costruttivo, poco democratico, poco Tu News 24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *