VOLLEY – Sora lascia tutta la posta in palio a Verona

Condividi la notizia!

CALZEDONIA VERONA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 3-0

CALZEDONIA VERONA: Franciskovic 4, Boyer 21, Birarelli 9, Solè 10, Asparuhov 6, Marretta 6, Bonami (L), Spirito n.e., Kluth n.e., Chavers n.e., Cester n.e., Zanotti n.e., Donati (L) n.e.. I All. Radostin Stoytchev; II All. Dario Simoni. B/V 7; B/P 11; muri: 10.
GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 3, Miskevich 12, Caneschi 7, Scopelliti 1, Joao Rafael 6, Grozdanov 10, Sorgente (L), Mauti (L), Alfieri, Van Tilburg n.e., Di Martino 2, Fey, Battaglia n.e.. I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 3; B/P 12; muri: 6.
PARZIALI: 25-19 (‘26); 25-20 (‘24); 25-17 (‘33).
I ARBITRO: Marco Braico.
II ARBITRO: Gianfranco Piperata.
ADDETTO VIDEO CHECK: Cristiano Cristofaretti.
MVP: Franciskovic.

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora saluta il suo esordio in SuperLega Credem Banca all’AGSM Forum di Verona lasciando l’intera posta in palio ai padroni di casa della Calzedonia, ma torna a casa con un’unità di misura del gioco che le permetterà di capire qual è la direzione che il lavoro deve prendere per affrontare il campionato di massima serie.
Il match è terminato 3-0 in favore dei ragazzi di Stoytchev che hanno affrontato la gara con la strategia giusta per superare l’avversario di giornata e facendo emergere il loro alto tasso tecnico soprattutto nelle fasi decisive dei set. A Sora di certo non è mancata la grinta e la voglia di vedersela a viso aperto con chiunque fosse dall’altra parte della rete, ma questo non è bastato contro i valori tecnici della Calzedonia Verona che festeggia anche il suo MVP Franciskovic.
“C’è un po’ di rammarico – commenta a caldo Coach Colucci – perché la partita poteva andare diversamente, potevamo fare molto di più. L’attacco di palla alta ha funzionato a tratti, li abbiamo messi in difficoltà in fase di ricezione punto, però poi siamo mancati abbastanza nella fase break”.
Allo starting players mister Stoytchev mostra al suo pubblico il sestetto formato dal palleggiatore Franciskovic opposto a Boyer, i centrali Solè e capitan Birarelli, la coppia di schiacciatori Asparuhov-Maretta, e libero Bonami.
Coach Colucci gli contrappone la diagonale Radke-Miskevich, i posti 3 Caneschi e Scopelliti, le bande Grozdanov e capitan Joao Rafael, e i liberi Sorgente nella fase di ricezione, e Mauti in quella di difesa.


La battuta di Solè apre il match e Scopelliti dal centro ne segna il primo punto. Asparuhov e Boyer subito in bella mostra per il +3 del 5-2 con capitan Joao Rafael che prova a spezzare il buon gioco avversario ma all’8-4 coach Colucci è costretto a richiedere il time out discrezionale. Alla ripresa, due attacchi di Miskevich (6 pt/set con il 75% in attacco) e l’ace di Radke rimettono le cose in equilibrio 8-7 ma Verona ha la risposta pronta e con due break point è nuovamente alla conduzione 12-8. Si prosegue punto a punto con Sora a fare il suo bello e cattivo tempo così, sul 18-13, la guida tecnica bianconera richiama nuovamente a se i suoi ragazzi e poi manda in campo Di Martino al posto di Scopelliti. Capitan Joao blocca sulla rete le intenzioni di Marretta e poi colpisce in diagonale per cercare di accorciare le distanze 19-16 ma il regista della Calzedonia si affida ai suoi centrali per correre dritta verso il suo obiettivo che raggiunge al 25-19.
Con i suoi battitori Verona in questo primo set, ha sempre cercato Joao Rafael e Grozdanov per disturbare la loro fase offensiva: su 20 battute totali ben 8 sono state indirizzate sul capitano e altrettante sul compagno di squadra, i quali però, assieme agli altri ricettori, hanno ben saputo rispondere al fuoco amico totalizzando un 40% di positività in ricezione contro il 31% della Calzedonia.
Più equilibrato l’avvio di secondo set con i padroni di casa che per primi imprimono l’accelerata al 6-5 per il 9-5 segnato dall’ace di Marretta e dal muro di Asparuhov. Ferma il gioco l’allenatore sorano e stavolta i suoi ragazzi seguono attentamente le istruzioni trovando, con Di Martino confermato in campo, la chiave per rosicchiare lunghezze importanti per la parità dell’11-11. È Stoytchev allora a richiedere un minuto di colloquio con il sestetto che al rientro in campo mette la freccia e sorpassa l’avversario 15-12. Al 19-15 cambia le carte in tavolo mister Colucci inserendo Fey al posto di Joao Rafael ma la Globo riesce a tenere botta solo fino al 22-19, il muro di Solè porta la Calzedonia al set ball, Caneschi annulla la loro prima possibilità ma il palleggiatore gialloblu inchioda sulla rete l’attacco avversario per il 25-20 che si traduce nel 2-0 in fatto di conteggio set ma soprattutto nel primo punto guadagnato da Verona in questo nuovo campionato.


La Globo Banca Popolare del Frusinate sa di avere la sua ultima possibilità di tenere viva la gara allora, dopo il 5-2, cerca di sfruttarla al meglio mettendo il set in parità 6-6 con il braccio armato di Grozdanov e Miskevich e il muro di Caneschi. Il palleggiatore di Verona richiama i suoi all’ordine e, dopo l’ace, smista bene il gioco per permettere agli attaccanti di guadagnare nuovamente margine. Ma Sora non ci sta e allora continua a rincorrere e ricucire bene il 14-11 trasformandolo in 14-14. Sale in cattedra capitan Birarelli che con la sua esperienza, prima a muro e poi dai nove metri, segna il break positivo di 3-0 che rimette Verona avanti 17-14. Radke di seconda intenzione interrompe la striscia positiva ma Sora non trova il doppio passo così i ragazzi di Stoytchev decidono che è arrivato il momento della stoccata finale. Con Franciskovic al servizio a creare scompiglio, Marretta a muro e Boyer in attacco, è di 6-0 parziale che comincia a scrivere la parola fine su set e match al 23-15. Sora trova l’orgoglio solo per un altro paio di punti prima che l’opposto francese archivi 25-17.

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *