Verso Frosinone-Cosenza: l’ex Braglia cerca punti allo “Stirpe”

Condividi la notizia!

Terzultimo in graduatoria con appena due punti in cascina, il Cosenza arriva alla sfida del “Benito Stirpe” animato da una gran voglia di rivalsa. I lupi della Sila sono attesi da un match difficile contro un Frosinone ferito dopo la sconfitta di Perugia. A guidare i rossoblù c’è una vecchia conoscenza dell’ambiente ciociaro, quel Piero Braglia che nella Serie B 2008/2009 condusse il club a una tranquilla salvezza trascinato dal talento dell’italo-brasiliano Éder. L’allenatore grossetano è alla terza stagione sulla panchina calabrese, con cui finora ha centrato una promozione dalla C alla B tramite play-off e un ottimo decimo posto nello scorso campionato cadetto.

Foto: ilcosenza.it

Il tecnico classe ’55 ha dimostrato di non avere uno schieramento tattico fisso; anzi, come ha rivelato in conferenza stampa, per lui “i moduli non contano. servono cattiveria e determinazione”. Caratteristiche che il mister rossoblù non ha riscontrato nella sfida del “Marulla” con il Livorno e che conta di vedere domani pomeriggio allo “Stirpe”. Contro i giallazzurri Braglia dovrebbe confermare la difesa a tre, da sciogliere, invece, il dubbio sull’utilizzo del 3-5-2 o del 3-4-3.

Tra i pali troviamo il classe ‘92 Pietro Perina, con Umberto Saracco a svolgere il ruolo di secondo. Il terzetto difensivo sarà composto dal roccioso Salvatore Monaco dall’ex Casertana Riccardo Idda e dal portoghese Aníbal Capela. Appare difficile, invece, il recupero dell’ex giallazzurro Raffaele Schiavi, reduce da una forte botta al piede che lo ha costretto a svolgere un programma personalizzato in settimana. Passando alle corsie esterne, sulla destra capitan Angelo Corsi è favorito su Luca Bittante, mentre a sinistra l’infortunio occorso ad Achraf Lazaar favorisce l’avanzamento di Matteo Legittimo sulla linea mediana. Cerniera di centrocampo che sarà completata da Daniele Sciaudone, Franck Kanouté e, in caso di 3-5-2, da Mirko Bruccini. Verso la panchina, invece, Jérémie Broh, Leandro Greco e Ben Lhassine Kone.

Il reparto avanzato sarà orfano dell’infortunato Gianluca Litteri, ma mister Braglia può contare su diverse opzioni: dai francesi Zinédine Machach e Emmanuel Rivière all’uruguaiano Jaime Báez oltre all’ex Ternana Mirko Carretta e al classe ’98 Nicholas Pierini, determinante con il suo gol a tempo scaduto per raggiungere il pareggio nell’ultimo turno contro il Livorno. Il giovane in prestito dal Sassuolo al momento appare l’unico certo del posto. In caso di 3-4-3 dovrebbero trovare spazio anche Rivière e uno tra Carretta e Báez, mentre con il modulo a due punte dovrebbe toccare all’ex Monaco affiancare Pierini. Tante alternative per Braglia che proverà a mettere i bastoni tra le ruote alla sua ex squadra e rilanciare la classifica dei suoi.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.