Sanità – D’Amato: «Lazio dalla parte delle donne, aumentano screening tumore alla mammella»

Condividi la notizia!

Il Lazio è una Regione dalla parte delle donne. Nel 2018 sono aumentati gli screening alla mammella che hanno raggiunto quota 160 mila in aumento di 5 mila unità rispetto all’anno precedente e i dati parziali di quest’anno proseguono in questo trend di crescita. È un fatto davvero importante che premia il lavoro svolto sulla prevenzione e la sensibilizzazione. Grazie ai programmi di screening lo scorso anno è stato possibile individuare 983 tumori maligni in donne asintomatiche”.

Incontro con associazioni volontariato e Breast Unit

Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato che ieri mattina, in vista dell’inizio della Campagna Ottobre Rosa il mese della prevenzione con iniziative importanti di prevenzione e informazione sul tumore al seno in tutto il territorio regionale, ha incontrato le associazioni di volontariato che offrono assistenza alle donne colpite dal tumore al seno e i professionisti della Breast Unit.

D’Amato: “La Regione Lazio ha l’obiettivo di implementare iniziative di sviluppo della Rete senologica”

“La Regione Lazioprosegue l’Assessore D’Amato – ha l’obiettivo di studiare, implementare e coordinare ogni iniziativa utile allo sviluppo del sistema della Rete senologica. In questo senso sarà molto importante il supporto, oltre che dei professionisti e delle strutture, offerto dal mondo del volontariato”.

I dati

Nel 2018 sono stati effettuati oltre 6 mila interventi chirurgici nel Lazio e di questi il 73% in centri senologici della Brest Unit regionale. In aumento anche la percentuale degli interventi chirurgici effettuati in strutture con alto volume di attività, ovvero più di 150 interventi l’anno, che raggiungono l’85% del totale (69% nel 2012).

Tutte le informazioni sui Centri senologici della rete regionale sono disponibili sulla App ‘Salutelazio’ nella quale è anche disponibile il servizio di geolocalizzazione dei centri sul territorio regionale.

Hanno partecipato all’incontro della Rete Senologica il Direttore generale della Sanità, Renato Botti e il Direttore del Dipartimento di Epidemiologia, Marina Davoli.

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Cassino con una tesi dal titolo “Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie”. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it” e con il settimanale cartaceo “Tu News”, dove all’interno cura anche la rubrica enogastronomica “Tu Food”. In passato ha collaborato anche con il quotidiano “Ciociaria Oggi” e con il quotidiano online “L’Unico – Quotidiano Indipendente di Roma”.

Condividi la notizia!

Monica D'Annibale

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cassino con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *