CALCIO, SERIE B – Focus sull’avversario: l’Ascoli di Zanetti punta a stupire

Condividi la notizia!

La stagione del nuovo Ascoli targato Paolo Zanetti è iniziata nel migliore dei modi. Tra le mura amiche del “Del Duca” la squadra bianconera si è infatti imposta 3-1 sul Trapani. A sbloccare l’incontro è stato Scamacca con un pregevole destro a giro che si è infilato sotto il sette. I siciliani hanno poi acciuffato il pari con Ferretti, ma nel finale il neoentrato Da Cruz ha infilato l’uno-due vincente, salvo poi farsi espellere insieme al granata Scognamillo per reciproche scorrettezze. Dopo il tredicesimo posto della scorsa stagione sotto la guida di Vincenzo Vivarini, il “Picchio” è ripartito da un tecnico emergente come Paolo Zanetti. Già in forza all’Ascoli da calciatore nella stagione di Serie A 2006/2007, l’ex centrocampista ha iniziato la carriera da allenatore nel 2016 guidando la Berretti della Reggiana. Approdato al Südtirol in Serie C, ottenendo un secondo e un sesto posto nella regular season uscendo rispettivamente in semifinale e al secondo turno dei play-off. L’ottimo biennio in Alto Adige gli è valso la chiamata dal sodalizio marchigiano che gli ha fatto sottoscrivere un accordo biennale.

Il tecnico classe ’82 schiera i suoi con il 4-3-1-2, lo stesso modulo di mister Nesta. Tra i pali c’è il ciociaro doc Ivan Lanni, con Andrea Fulignati a svolgere il ruolo di secondo. Sulla corsia destra difensiva il neoacquisto Raffaele Pucino sarà preferito a Lorenzo Laverone, mentre a sinistra fiducia a Salvatore D’Elia. Al centro del pacchetto arretrato scalpita per rientrare l’ex Latina Riccardo Brosco che si gioca il posto con l’ex canterano del Barcellona Erick Ferigra per affiancare l’argentino Nahuel Valentini. Completano il reparto Cristian Andreoni e Danilo Quaranta. In cabina di regia ecco l’ex Manchester United Davide Petrucci, con Alberto Gerbo, approdato in bianconero dopo lo svincolo dal Foggia, e Michele Cavion come mezzali. Alternative da sfruttare a gara in corso il croato Petar Brlek, l’esperto Michele Troiano e l’ex Lugano Mario Piccinocchi.

Sulla trequarti il serbo Nikola Ninković è una certezza, pronto a dargli il cambio il belga di origini marocchine Moutir Chajia, già mattatore del Frosinone con la maglia del Novara nell’ottobre 2017. Con Da Cruz squalificato, si va verso la conferma della coppia d’attacco composta da Matteo Ardemagni e Gianluca Scamacca. Partiranno dalla panchina i due scuola Juventus Davide Di Francesco e Lorenzo Rosseti. Un organico relativamente giovane quello a disposizione di Zanetti, che nei primi tre incontri ufficiali – tra campionato e Coppa Italia – ha ottenuto altrettanti successi. Al “Benito Stirpe” si prospetta un match piuttosto complicato per il Frosinone, determinato però a riscattarsi dopo la pessima figura di Udine.

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it”, con il settimanale “Tu Sport” e con il quindicinale “Alé Frosinone” oltre che con i portali “CalcioMercato.com” e “MondoSportivo.it”, di cui è caporedattore.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *