Pastena, accordo tra regione e comuni per la conservazione e valorizzazione delle grotte

Condividi la notizia!

L’assessore regionale all’Agricoltura Enrica Onorati e il Presidente del Consiglio Regionale Mauro Buschini presentano, insieme ai sottoscrittori, l’Accordo per la regolamentazione delle iniziative destinate alla conservazione e valorizzazione del Patrimonio Speleologico delle Grotte di Pastena e Collepardo.

Presentato oggi l’accordo di valorizzazione su Grotte di Pastena e Collepardo

L’accordo, sottoscritto dalla Regione Lazio, dal Comune di Pastena, dal Comune di Collepardo, dal Parco naturale regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi e da LAZIOCrea S.p.a., ha l’obiettivo di definire termini e modalità delle attività di conservazione e valorizzazione del Patrimonio Speleologico delle Grotte di Pastena e Collepardo, che a partire dal prossimo 15 luglio verranno svolte dalla Regione Lazio attraverso la propria società in house LAZIOCrea S.p.a.

In questo modo si avvia a soluzione l’annoso problema della gestione del sito speleologico, fino ad oggi garantita da un Consorzio istituito all’uopo nel 1989, che da anni vive condizioni di grande sofferenza economico/finanziaria e che verrà liquidato.

Le Grotte di Pastena

L’accordo, di durata ventennale, regola anche il trasferimento del personale proveniente dal Consorzio, in capo alla LAZIOCrea S.p.a., al fine di garantire la piena e totale salvaguardia degli attuali livelli occupazionali del personale del Consorzio.

Sarà inoltre istituita una Cabina di Regia costituita dai rappresentanti dei sottoscrittori dell’accordo ed integrata con la presenza del Presidente della Provincia di Frosinone, al fine di coordinare la strategia di valorizzazione del sito speleologico con l’indispensabile contributo della comunità locale.

Alla conferenza stampa hanno preso parte il Capo di Gabinetto della Regione Lazio Albino Ruberti, il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, il consigliere regionale Sara Battisti, il Direttore Regionale della Direzione Capitale Naturale, Parchi ed Aree Protette Vito Consoli, il Presidente del Parco Naturale regionale dei Monti Ausoni Bruno Marucci, il commissario liquidatore del Consorzio Gianni Ferraccioli, il sindaco del Comune di Pastena Arturo Gnesi e il sindaco Collepardo Mauro Bussiglieri.

Le dichiarazioni dell’assessore regionale all’Agricoltura, Enrica Onorati

«Con la delibera regionale dello scorso 18 giugno si apre una nuova era per le grotte di Pastenaha detto l’assessore Onorati Come Regione abbiamo stanziato 500mila euro per la gestione del pregresso del vecchio consorzio in liquidazione, poi ci saranno altri interventi economici per la valorizzazione delle grotte che constano di 180mila euro per l’anno corrente e 360mila euro ogni anno per i prossimi venti anni» ha concluso infine l’assessore regionale all’Agricoltura, Enrica Onorati.

L’assessore regionale all’Agricoltura, Enrica Onorati

Il commento del Presidente del Consiglio regionale, Mauro Buschini

«Siamo riusciti – ha spiegato il Presidente del Consiglio regionale Buschini – a coronare il sogno iniziato nel 2014, quando pensammo a un emendamento con cui inserire queste grotte in un contesto più ampio per dare certezze ai lavoratori e fare in modo che diventassero centrali nell’offerta turistica del Lazio. Si apre una nuova pagina per il territorio» ha concluso il Presidente del Consiglio regionale, Mauro Buschini.

Il Presidente del Consiglio regionale, Mauro Buschini

Le parole del consigliere regionale, Sara Battisti

«La settimana prossima – ha dichiarato il consigliere regionale Battisti – depositeremo in Consiglio una modifica alla vecchia legge, con un ampliamento per la valorizzazione delle grotte e la crescita delle guide speleologiche, così potremo dare un contributo a chi sceglie di investire in questa professione. Credo che questo sia un punto di partenza importante per quello che ritengo possa essere un volano per il nostro territorio, ovvero lo speleoturismo» ha concluso infine il consigliere regionale, Sara Battisti.

Il consigliere regionale, Sara Battisti

Pompeo: «Fondamentale il ruolo della Provincia e dei Comuni per la soluzione dei problemi»

«Se oggi siamo arrivati a dare una nuova prospettiva al futuro delle Grotte di Pastena e di Collepardo, oltre alla volontà e al lavoro della Regione Lazio, lo si deve anche all’impegno del territorio. Infatti, dopo l’approvazione della legge regionale 7/2018 diversi erano i problemi da affrontare, a partire dagli oneri che avrebbero dovuto assumersi gli enti indicati come soggetti liquidatori – la Provincia, il Comune di Pastena e quello di Collepardo – senza contare il rischio di perdita del posto di lavoro per i dipendenti del Consorzio. Abbiamo fatto squadra allora, la Provincia ha svolto un efficace ruolo di coordinamento, ponendo all’attenzione della Regione tali problematiche. Diverse sono state le riunioni a Roma, costante è stato il coinvolgimento dei consiglieri regionali del territorio. Nel contempo è stato insediato un commissario liquidatore e ringrazio gli Uffici della Provincia che insieme a quelli dei Comuni hanno svolto un ruolo di primo piano nella definizione del percorso amministrativo. Tutto ciò ha permesso di arrivare al risultato di oggi, un risultato che evidenzia la necessità di un maggiore raccordo tra la Regione, le Province e le Amministrazioni locali per dare efficacia e forza agli atti che vengono adottati, perché sono proprio questi ultimi enti ad essere sul territorio e a conoscerne le necessità. Ci si augura che, forti di questa esperienza e del ruolo che abbiamo svolto, si possa aprire una pagina nuova per il futuro. Intanto oggi possiamo sicuramente essere contenti perché abbiamo posto le basi per valorizzare importanti siti turistici della nostra provincia e soprattutto abbiamo dato certezza ai lavoratori». È quanto dichiara il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonio Pompeo.

Il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonio Pompeo

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Cassino con una tesi dal titolo “Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie”. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it” e con il settimanale cartaceo “Tu News”, dove all’interno cura anche la rubrica enogastronomica “Tu Food”. In passato ha collaborato anche con il quotidiano “Ciociaria Oggi” e con il quotidiano online “L’Unico – Quotidiano Indipendente di Roma”.

Condividi la notizia!

Monica D'Annibale

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cassino con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *