sabato 2 Marzo 2024
B1-970x250-TUNEWS24
HomeAttualitàLa buona accoglienza a Frosinone: i numeri e i dati del convegno

La buona accoglienza a Frosinone: i numeri e i dati del convegno

Attualmente sono 49 le persone straniere gestite, 17 accolte nel Comune di Frosinone,14 nel Comune di Castro dei Volsci e 18 nel Comune di Alatri. Ognuna con un percorso personalizzato che comprende lo studio della lingua italiana, il supporto psicologico, la formazione professionale e l’inserimento lavorativo.

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24

La rete tra enti pubblici, privati ed enti del terzo settore nella gestione dell’accoglienza dei migranti a Frosinone è in grado di creare maggior benessere e crescita economica per le comunità locali.

Sono queste le conclusioni del Convegno “La Buona Accoglienza a Frosinone” che si è tenuto presso la Sala Consiliare del Comune di Frosinone in cui sono stati presenti i risultati del progetto SAI Frosinone gestito dalla Cooperativa Diaconia.

- Pubblicità -

Il commento del sindaco Riccardo Mastrangeli

Il sindaco del Comune di Frosinone, Riccardo Mastrangeli ha aperto i lavori.

«È un grande privilegio per la città di Frosinone – ha dichiarato Mastrangeli – essere sede di un incontro importante sul tema delle migrazioni e sulle attività che vengono condotte in materia di accoglienza, alla presenza di S.E. il Vescovo Monsignor Ambrogio Spreafico, del viceprefetto e capo di gabinetto della Prefettura di Frosinone dottoressa Olimpia Cerrata, dell’assessore Fabio Tagliaferri, dei colleghi sindaci Maurizio Cianfrocca (Alatri) e Leonardo Ambrosi (Castro dei Volsci), unitamente al personale degli uffici dei servizi sociali comunali e della coop Diaconia. Oggi, attraverso una serie di cifre e dati, abbiamo fatto il punto su una tematica che a causa dell’insorgere di conflitti anche nella nostra Europa e dei cambiamenti climatici, con la desertificazione che questi comportano, interesserà sempre più persone che lasceranno i propri paesi d’origine alla ricerca di una vita migliore. È quindi necessario proseguire nel percorso virtuoso intrapreso per continuare ad assicurare, come suggerisce il titolo del convegno stesso, una buona accoglienza. La titolarità progetto SAI è in capo al Comune di Frosinone, come Ente del Sistema di Protezione per i Richiedenti Asilo e Rifugiati dal 2016. L’ambito territoriale di riferimento è quello comunale di Frosinone ma nella gestione degli interventi sono coinvolti quali Partner i Comuni di Castro dei Volsci e di Alatri sui cui territori sono ubicate altre due strutture di accoglienza – ha concluso il sindaco Mastrangeli –  L’obiettivo è superare le logiche e gli approcci emergenziali e adottare un modello di integrazione organico, adatto alla portata della sfida sociale che la presenza dei cittadini stranieri ha aperto nel nostro contesto, contrastando le forme di disagio e di rischio sociale esistenti sul territorio».

- Pubblicità -

Le parole dell’assessore al Welfare, Fabio Tagliaferri

«È motivo di orgoglio per la città di Frosinone ospitare, con il convegno di oggi, un momento di confronto e sintesi dell’attività svolta nell’ultimo triennio in materia di accoglienza – ha dichiarato l’assessore al Welfare, Fabio Tagliaferri – Un tema, questo, particolarmente delicato, anche in ragione dei nuovi scenari di guerra apertisi recentemente, che comporteranno un aumento dei flussi migratori dalle zone colpite. In questo contesto, è fondamentale la collaborazione tra istituzioni e un dialogo costante tra enti pubblici, privati e associazioni, tenendo conto del fatto che il supporto dell’Amministrazione comunale non verrà mai a mancare».

I vari interventi

Monsignor Spreafico ha spiegato come “La buona accoglienza aiuti a capire che anche chi viene da lontano e scappa da fame e guerre e non fa parte della nostra terra come origine può integrarsi se noi lo aiutiamo. Dobbiamo imparare a capire che ognuno ha una ricchezza che fa bene al territorio dove si trova a vivere e in cui è accolto. Sono grato alle città di Frosinone, Alatri e Castro dei Volsci coinvolte in questa buona accoglienza e spero che sia un segno anche per le altre città”.

- Pubblicità -

Sono seguiti gli interventi del sindaco del Comune di Alatri Maurizio Cianfrocca e il sindaco del Comune di Castro dei Volsci Leonardo Ambrosi, il Dirigente del Comune di Frosinone Andrea Manchi e la Funzionaria Francesca Fiorella e il vice prefetto Olimpia Cerrata.

A chiudere il convegno i contributi della Cooperativa Diaconia con Fabio Piccoli, Responsabile dell’Area Accoglienza della Cooperativa Sociale Diaconia, i coordinatori Simone Gatta e Marco Fiorini e il Direttore Generale di Diaconia Loreto D’Emilio.

“Oggi abbiamo celebrato un bilancio di successo del progetto di accoglienza SAI Frosinone e di un’accoglienza diffusa che favorisce la coesione sociale e la serenità della comunità locale – ha concluso lo stesso D’Emilio – come Diaconia vogliamo rafforzare la collaborazione tra pubblico e privato con nuovi strumenti, a partire dalla co-progettazione. L’orizzonte è creare delle filiere di protezione sociale stabili, per costruzione ricchezza e buona accoglienza nei territori”.

I dati

Attualmente sono 49 le persone straniere gestite, 17 accolte nel Comune di Frosinone,14 nel Comune di Castro dei Volsci e 18 nel Comune di Alatri. Ognuna con un percorso personalizzato che comprende lo studio della lingua italiana, il supporto psicologico, la formazione professionale e l’inserimento lavorativo.

Con un approccio multidisciplinare e con l’impiego di équipe specializzate di professionisti, la Cooperativa Diaconia ha attivato 60 corsi di formazione e 25 tirocini presso istituti di formazione ed aziende locali. Il dottor Andrea Marchi e la dottoressa Francesca Fiorella del Comune di Frosinone hanno presentato i dati degli stranieri presenti sul territorio frusinate, ribadendo la bontà di un’accoglienza diffusa che garantisce una maggiore integrazione e limita situazioni di criticità.

Nel comune 3858 stranieri quasi il 10% della popolazione totale, principalmente Albanesi, Rumeni e Cinesi, questi ultimi legati agli accordi siglati dall’Accademia delle Belle Arti. In città sono presenti persone provenienti da oltre 90 Paesi nel mondo.

- Pubblicità -
Monica D'Annibale
Monica D'Annibalehttps://www.tunews24.it
Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24