Alatri – Mario Testani, un ‘militare’ al servizio della gente

Condividi la notizia!

Candidato nella lista ‘Alatri Comunità’, coalizione di Centrodestra che vede Maurizio Cianfrocca correre per la fascia

di Egidio CERELLI

Da molto tempo fa parte delle forze dell’ordine. Ora ha deciso di mettersi in gioco per la sua città.
“Dopo una attenta riflessione sulla proposta di amici compaesani di scendere in campo in questa tornata elettorale ebbene, parlando anche con i miei colleghi di lavoro, sono sceso in campo”.

Perché la discesa in campo?

Che cosa l’ha spinta a questo passo così impegnativo?
“Il mio lavoro- a parlare è lui Mario Testanti, il quale si propone nella lista civica ‘Alatri Comunità’ che ha come candidato a sindaco Maurizio Cianfrocca- il mio lavoro dicevo mi ha permesso ed ancora mi permette di conoscere tutto il territorio comunale. Ed aggiungo anche le numerose problematiche della mia terra. Poiché vivo quotidianamente le ansie dei miei concittadini ho deciso insieme anche alla mia famiglia di diventare nei limiti delle mie possibilità protagonista per la gente”.


Un azzardo, una sfida oppure tanta voglia di lavorare?
“Non mi sono mai tirato indietro nell’impegno che la mia professione mi ha imposto sinora e sa bene lei che ho girato un po’ tutta la nostra penisola. Dunque, il lavoro impegnativo non mi spaventa”.

Lista civica e non partito politico

Non ha però scelto una lista con un logo partitico.
“Nelle amministrative conta l’uomo e non già il partito che comunque deve anche essere vicino alla lista perché senza appoggi politici è inutile farsi illusione per il futuro della nostra terra. E poi vorrei ricordare a chi mi legge (forse esagero un po’) che l’uomo di partito guarda alle elezioni, mentre lo statista guarda oltre il naso pensando ai figli non solo suoi ma di tutti. Io non sono uno statista ma le mie idee solo le stesse”.
Alatri propone una marea di candidati con numerose liste. Lei stesso fa parte di una coalizione che ne configura sei.
“Con Maurizio Cianfrocca sindaco, oltre alla nostra Alatri Comunità ce ne sono altre cinque, di cui tre politiche come Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega e due ancora liste civiche”.

Ben 18 liste e 308 candidati

Può un Comune come Alatri proporre 18 liste con oltre 300 candidati?
“Questo è vero, ma la nostra coalizione, quanto minimo andrà al ballottaggio se non vinceremo al primo scrutinio”.


Quali i punti cardini del suo programma?
“Potrei sintetizzarli in sicurezza, lavoro, viabilità, turismo, commercio. Abbiamo due svincoli autostradali che non riusciamo a sviluppare come commercio. Basti solo questo per far capire alla gente che cosa non hanno saputo fare gli amministratori negli ultimi anni. In periferia, come al centro ce ne sono di problemi. Io non ho il potere di accollarmi tutte le problematiche dei cittadini, quantomeno però posso portarle in discussione”.

Mario Testani e la sua gente

La gente che ha incontrato anche durante la campagna elettorale, che pensa della candidatura di Mario Testani?
“Mi sono reso conto che mi stima e che è contenta di essere sceso in campo. Non voglio illudere nessuno, ma il mio lavoro mi insegna che non devo mai fare inutili promesse, ma di essere pragmatico ed è quello che vorrei essere se venissi eletto”.

Non solo la mia frazione ma tutto il territorio è il mio obiettivo

Tecchiena che raccoglie l’hinterland di diverse frazioni potrebbe essere considerato un Comune a sé.
“Io che vivo da quelle parti non voglio staccarmi dalla mia città, ma lavorare affinchè tutta la Comunità di Alatri possa crescere tenendo conto delle vere potenzialità di tutto il territorio”.


La sua lista guarda caso si chiama “Alatri Comunità”.
“E’ vero! Ripeto il mio impegno non è per una zona ma per tutti i cittadini che purtroppo vivono da diversi anni con problematiche vieppiù acuite. Sarà difficile essere eletti. Lo so e non mi illudo, ma aggiungo che non è impossibile”.


In bocca al lupo

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.