Frosinone – Bike sharing e ascensore inclinato fermi? Cialone si discolpa: “Le responsabilità sono del Comune, noi subiamo solo le conseguenze economiche”

Condividi la notizia!

Il gestore del Tpl ribatte anche sulla notizia del bus trovato “positivo” al Covid dai Carabinieri del Nas: “Una percentuale così bassa di dipendenti contagiati (1,45%) conferma la bontà del nostro operato”. Peccato che l’indice Rt è circa 0,8 e quindi circa la metà rispetto agli autisti di Cialone che hanno beccato il virus

Si discolpa e punta il dito contro il Comune, Cialone Tour Spa, il gestore del trasporto pubblico Locale di Frosinone, al quale avevamo contestato con un articolo che “incassa tre e fornisce uno” (incassa non denaro ma la vittoria dell’appalto, che prevedeva tre servizi, anche se ne sta fornendo solo uno: quello dei bus). (LEGGI ANCHE: Frosinone – Appalto per il trasporto pubblico, bike sharing e ascensore inclinato al palo: Cialone incassa 3 e fornisce 1)

“Non è previsto alcun corrispettivo per i servizi dell’ascensore inclinato e del bike sharing – spiega la Cialone Tour in una nota – Il corrispettivo che il Comune paga all’impresa affidataria riguarda esclusivamente il trasporto pubblico locale su gomma e si tratta di importi che provengono dalla Regione Lazio mediante il Fondo Regionale Trasporti. L’ascensore inclinato e il bike sharing sono stati messi a gara insieme al Tpl senza prevedere alcun finanziamento pubblico: per questi servizi l’affidatario riceve un corrispettivo solo dall’utenza, che li acquista al prezzo calmierato previsto per i biglietti”.

Quindi l’attacco frontale al Comune di Frosinone: “Il Comune paga uno e prende uno, mentre la Cialone Tour sostiene i costi per 3, poiché pur non potendo vendere i servizi dell’ascensore inclinato e del bike sharing all’utenza, ne sopporta i costi del personale, della manutenzione ordinaria e, in generale, i costi di esercizio. Il mancato esercizio dei servizi in questione non è imputabile alla Cialone Tour poiché dipende da difetti strutturali dell’impianto ascensore e dalla mancata messa a disposizione di ciclostazioni e bici. La scrivente da questa situazione non sta traendo alcun vantaggio ma solo pregiudizi”.

Quindi Cialone, sempre sull’articolo: “Si fa riferimento a 4 mezzi su cui sarebbe stato rinvenuto il virus, mentre, invece, si è trattato di un solo mezzo sui 70 impiegati giornalmente”. In realtà sul nostro articolo c’è scritto che sono 4 i mezzi ciociari trovati “positivi”: da nessuna parte c’è scritto che sono tutti e 4 di Cialone.

Si legge ancora sulla nota: “Il fatto che una percentuale così bassa di dipendenti abbia contratto il virus (1,45%) non fa che confermare la bontà dell’operato della scrivente”. Peccato che l’indice Rt nazionale medio attualmente si attesta intorno allo 0,8: ne consegue che gli autisti contagiati sono circa il doppio della media.

LEGGI ANCHE:

Condividi la notizia!

Redazione

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Instagram: Tu News 24 e Tu Sport 24
Youtube: Tu News 24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE