Italia Paese di sportivi: ecco gli sport nati in Italia e quelli che sono stati influenzati dal nostro Paese

Condividi la notizia!

L’Italia può vantare di essere stata la culla di molte invenzioni. Sono nostri i jeans, la radio, il telegrafo e la pila elettrica. Se molte di queste invenzioni sono tecniche e scientifiche, l’Italia ha contribuito a far nascere anche alcuni degli sport che oggi amiamo di più.

Gli sport nati in Italia

Noi italiani amiamo divertirci soprattutto quando ci riuniamo con amici e famigliari. Ne è la prova il fatto che è proprio nel nostro Paese che sono nati molti giochi da tavolo e giochi di carte. Come raccontato nella guida pubblicata da Casinos, questi sono ancora oggi così amati che molti casinò online stanno iniziando a renderli disponibili sulle loro piattaforme: tra i giochi di carte di origine italiana spiccano l’intramontabile briscola e l’amatissimo sette e mezzo, divenuto ormai un gioco natalizio. Ma non siamo celebri solo per essere la patria natia di giochi di carte. Sono infatti diversi gli sport che sono nati nel nostro Paese. In alcuni casi, però scoprire l’origine di uno sport può essere difficile perché questi si sono sviluppati lungo secoli e sono stati regolamentati solo recentemente. È il caso ad esempio del tennis: questo gioco riprende un passatempo di origine greco-romana in cui la palla veniva colpita con un guanto. Durante il Medioevo, grazie ai longobardi, il guanto venne sostituito con una racchetta. Anche il nome del gioco è tutto italiano: pare infatti venga da “tenez” parola urlata dai fiorentini al lancio della pallina.

Altro gioco italiano che si è poi diffuso in tutto il mondo è quello delle bocce. Nato anch’esso nell’Antica Roma, il gioco si è poi sviluppato nel nostro Paese per essere poi esportato all’estero. Sono stati infatti gli emigrati verso Australia e Stati Uniti a rendere le bocce celebri anche al di fuori dell’Europa. La prova ne è il nome stesso di questo sport nei Paesi anglofoni che è rimasto l’italiano bocce. Ancora oggi uno sport tradizionale italiano e poco praticato all’estero è il cosiddetto palio. Come gli altri sport, anche queste gare di corsa con i cavalli sono di origine romana. Diffusi in tutta Italia, i pali più famosi sono quello di Siena e quello d’Asti. Negli anni il palio si è sviluppato ed evoluto passando da una semplice gara di velocità e un evento culturale e di tradizione che unisce tutto un comune e coinvolge le diverse contrade.

Fonte: Pexels

Sport che sono stati influenzati dall’Italia

L’Italia ha anche contribuito allo sviluppo di sport che sono ufficialmente nati in altri Paesi. È il caso del calcio, che per antonomasia vede nel Regno Unito la sua terra natale. Pare che uno sport che prevedeva la presenza di una palla da calciare fosse arrivato nelle isole britanniche durante l’invasione romana e si fosse sviluppato poi in modo autonomo. Come molti sanno però a Firenze era, ed è ancora, molto viva la tradizione del calcio fiorentino, tanto che viene da alcuni considerato il primo sport di questo tipo a ricevere un riconoscimento ufficiale da un monarca, Piero de’ Medici. La discussione è quindi ancora aperta sul ruolo che il calcio fiorentino ha avuto nello sviluppo del calcio, ma per un certo periodo questo gioco ebbe enorme importanza almeno a livello nazionale.

L’Italia ha inoltre influenzato discipline come il biliardo: le varianti del biliardo internazionale a 5 quilles e Goriziana sono varianti del gioco tradizionale molti amate in Argentina, Francia e Germania. Le principali differenze hanno a che fare col numero di birilli, l’ordine di gioco e la presenza o assenza di buche. Il Gran Fondo è infine una variante del ciclismo su strada che ha avuto origine nel nostro Paese, nata negli anni ‘70 ma si rifà a una gara avvenuta alla fine dell’Ottocento tra Milano e Torino. Per questa ragione, la distanza del Gran Fondo è di almeno 120 km, cioè la distanza in linea d’aria tra queste città. Negli Stati Uniti le gare di Gran Fondo hanno iniziato a diffondersi a partire dal 2009 e la vittoria viene data a chi percorre la distanza in meno tempo senza prendere in considerazione l’ordine di arrivo. In Italia le gare di Gran Fondo vengono disputate da febbraio ad agosto e il calendario delle competizioni è disponibile sulla piattaforma Dalzero.

Fonte: Pixabay

Non solo Rinascimento: le invenzioni italiane non si limitano al mondo dell’arte. Siamo infatti fieri sportivi e il nostro Paese è la culla di alcune delle discipline e varianti oggi più amate.

Condividi la notizia!