Basket Serie A, la Virtus Roma pronta a giocarsi la stagione del Cinquantenario

Condividi la notizia!

La nuova stagione del massimo torneo di pallacanestro nazionale è già entrata nel vivo con il gustoso antipasto della Supercoppa, primo titolo che si assegnerà nel corso di questa annata. Il trofeo tricolore ha visto già scendere in campo la maggior parte delle squadre e gli equilibri tra le varie compagini, per quanto visto dalle prime battute, sembrerebbero essere ben definiti.

Formula rinnovata quest’anno in Supercoppa: si festeggia il Cinquantenario della fondazione della Legabasket. A partecipare saranno, infatti, tutte le sedici squadre del massimo campionato di basket italiano, raggruppate in quattro gironi da quattro formazioni. Al termine della prima fase, le vincitrici di ogni concentramento si giocheranno la Final Four nella Virtus Arena di Bologna. Le gare dei gironi della prima fase, come detto, serviranno a decretare i nomi delle quattro finaliste. I raggruppamenti sono stati selezionati in base a criteri geografici. E così, Milano è finita nel girone lombardo (A) con Brescia, Varese e Cantù, mentre le due società di Bologna (Virtus e Fortitudo), con Reggio Emilia e la giovane Cremona di Peppe Poeta disputeranno il girone emiliano (B), Treviso, Venezia, Trieste e Trento in quello del Triveneto (C).

La Virtus Roma di coach Piero Bucchi è stata inserita nel gruppo D (che si giocherà interamente al Geo Village di Olbia) con Dinamo Sassari, Brindisi e VL Pesaro. I giallorossi, dopo aver ultimato l’iscrizione al campionato di Serie A in extremis (a fine luglio), sono riusciti a completare in poco più di due settimane un roster degno di tale nome. Tuttavia, la Virtus Roma potrebbe presentarsi alla Supercoppa con più d’una assenza nel roster, con il primo turno di Supercoppa di Olbia che, secondo i pronostici basket, alla fine potrebbe risolversi come un mero allenamento per gli atleti di Bucchi.

basket

Come facilmente preventivabile, l’Olimpia Milano ha già impresso il proprio marchio sul trofeo tricolore, con una vittoria schiacciante all’esordio. I test match estivi della compagine meneghina, in effetti, avevano già mostrato tutto il potenziale di fuoco della squadra allenata da Ettore Messina. I nuovi arrivati all’ombra del Duomo, tra cui Malcom Delaney, Zach LeDay, Kyle Hines, Kevin Punter, Shavon Shields e l’ex campione di Eurolega con il Fenerbahce Gigi Datome (di ritorno in Italia dopo sette anni), si sono subito messi in mostra, chiudendo la partita d’esordio in doppia cifra di punti. Quest’anno ci si attende molto da Milano, in particolar modo in Eurolega dove, dopo diverse stagioni segnate dall’anonimato, è chiamata a conquistare le Final Four e competere per un titolo che da quelle parti (e in Italia) manca da tanto, troppo tempo.

Parimenti, la Virtus Bologna, principale contendente di Milano nella lotta scudetto e in Supercoppa secondo gli addetti ai lavori, è partita con il piede giusto, spinta dal genio e dal talento di Milos Teodosic. Molto suggestivo anche il roster messo su dalla Fortitudo Bologna di coach Meo Sacchetti che, quest’anno in squadra, vedrà i migliori marcatori dello scorso campionato, ovvero Adrian Banks (che ha lasciato Brindisi non senza polemiche) ed Ethan Happ.

La quiete dopo la tempesta: che Roma sarà?

La tormentata vicenda estiva dell’iscrizione in Serie A della Roma, se non altro, ha restituito allo storico sodalizio capitolino la possibilità di disputare l’ennesima stagione nel massimo campionato di basket in Italia con un rinnovato ottimismo in vista dei prossimi impegni. Senza dubbio, società e dirigenti giallorossi hanno dovuto fare i salti mortali per riempire in pochi giorni tutte le caselle del roster in vista dei primi appuntamenti della nuova annata.

Quella che debutterà in Sardegna per la Supercoppa prima e, quindi, in campionato a fine settembre in casa contro la Fortitudo Bologna, sarà una Virtus del tutto rinnovata, grazie agli ingressi di Riccardo Cervi da Trieste e di Luca Campogrande da Brindisi. Completano la formazione allenata da Bucchi l’ala americana (già vista in Italia con Trapani e Scafati) Chris Evans, l’esperto play Gerald Robinson, la guardia Anthony Beane, Damir Hadzic​ (di ritorno in Italia dopo quattro anni), Jamil Wilson e il veterano Dario Hunt, centro che ha già calcato i parquet di A in Italia con le casacche di Capo d’Orlando, Brescia e Caserta.

Condividi la notizia!