Frosinone Calcio e la scalata alla zona playoff

Condividi la notizia!

Migliorare la classifica per un cammino di post-season più agevole

L’attesa è quasi finita: pochi match ancora e andranno finalmente in scena i playoff di serie B 2019-2020. La squadra vincitrice di questa serie di incontri agostani, lo ricordiamo per chi ancora non lo sapesse, farà compagnia alla prima (Benevento) e alla seconda forza del torneo cadetto (Crotone) che hanno già ottenuto il pass per la prossima edizione del massimo campionato di calcio italiano. Mai come quest’anno chiudere la stagione regolare al terzo/quarto posto rispetto al quinto/ottavo farà la differenza: nel primo caso il team che avrà conquistato tali piazzamenti accederà direttamente alle semifinali di post-season, mentre nel secondo caso sarà tenuto a disputare anche un turno preliminare. Il Frosinone lo sa bene e per questo motivo proverà nel corso dei restanti 180 minuti a migliorare la propria classifica, stando ovviamente attento a non farsi superare al fotofinish dalle équipe rivali che incombono. Riprendere a calciare il pallone il 4/5 agosto invece dell’8/9, con un avversario in meno da affrontare, non è proprio la stessa cosa, dunque i giallazzurri devo rimanere concentrati poiché hanno ancora tanto da perdere e altrettanto da guadagnare dall’attuale manifestazione di B. I Ciociari, così come Cittadella, Salernitana ed Empoli tanto per citare alcuni competitor diretti, se la stanno giocando punto a punto e basterà davvero un nonnulla per modificare le liquide gerarchie di una competizione che non ha finito di stupirci; nuovi black out come quello avuto nel primo tempo contro il Benevento potrebbero risultare deleteri mentre convincenti exploit simil gara vinta con lo Spezia garantirebbero un inizio di playoff sicuramente in discesa. Vedremo se la formazione allenata da mister Nesta deciderà di mostrarsi durante gli ultimi istanti di gara con il volto affidabile del Dottor Jekyll o con quello cupo di Mister Hyde.

Alla caccia del terzo/quarto posto

Giunti come siamo alla conclusione di questo avvincente campionato di B, seppur dominato in lungo e in largo dalla corazzata giallorossa Benevento, è quasi tempo per i team classificatisi tra il terzo e l’ottavo posto di prepararsi per la post-season. E tra questi ci sarà, salvo cataclismi, il Frosinone Calcio desideroso di gettare il cuore oltre l’ostacolo per provare a realizzare un bellissimo sogno: quello di ottenere la promozione in serie A. I Canarini, squadra abbastanza giovane (27,5 anni di media) quadrata e formata da buoni giocatori, su tutti Dionisi, Ciano e Novakovich, al fine di raggiungere tale ambizioso obiettivo dovranno a nostro avviso puntare tutto sulla forza del gruppo. Senza disporre infatti di un fuoriclasse alla Balotelli, atleta con la palla al piede in potenza il più decisivo della nostra epoca e in atto uno dei più eccentrici del panorama calcistico, vien da sé come la differenza potrà farla l’armonica e al contempo arrembante trama offensiva piuttosto che il colpo da biliardo in grado di infilare in buca anche la bilia peggio posizionata sul verde terreno. Mister Nesta, essendo consapevole di ciò, sta lavorando sulle gambe e sulla testa dei suoi ragazzi in modo da spronarli a scalare quella cima chiamata playoff che eviterebbe loro di disputare un turno preliminare che potrebbe rivelarsi insidioso. Posizionarsi terzi o quarti avrebbe infatti il sapore delle semifinali e permetterebbe ai Ciociari di riposare almeno un giorno in più rispetto alla formazione sua avversaria. Se la classifica ancora oggi arride ai giallazzurri, attenzione ai possibili sgambetti da parte dei redivivi Empoli, Chievo e Pisa che non hanno smesso di crederci. Nel calcio tutto può succedere, certo è che Il Frosinone ha letteralmente il destino nelle proprie mani: vietato sbagliare!

Maggior attenzione e subire meno goal: ecco in cosa migliorare

Il Frosinone per accedere ai playoff passando dalla porta principale dovrà lavorare in queste ultime battute finali su due aspetti: prendere meno goal e giocare con maggiore concentrazione. Gara contro il Benevento docet: al di là della forza del gruppo di Inzaghi, i Ciociari a un certo punto del match hanno spento l’interruttore permettendo al forte avversario di spadroneggiare. Non solo: troppe le reti subìte con estrema facilità, conseguenza del fatto che la squadra a tratti appare eccessivamente sbilanciata. Ovviando a tali problematiche, la formazione diretta da Nesta potrà non solo accedere alla post-season ma anche recitare un ruolo da assoluta protagonista. La scalata è impervia ma ancora assolutamente alla portata, o almeno fino al prossimo black-out.

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *