VOLLEY – Bella prova del Sora che vola in finale dove incontrerà la Tonno Callipo Vibo Valentia

Condividi la notizia!

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – BCC CASTELLANA GROTTE 3-1

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 6, Miskevich 17, Caneschi 11, Scopelliti 5, Grozdanov 18, Joao Rafael 17, Sorgente (L), Alfieri 1, Van Tilburg 2, Fey, Battaglia, Mauti (L). I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 7; B/P 25; muri: 10.
BCC CASTELLANA GROTTE: Fabroni 2, Morelli 16, Vedovotto 9, Moreira 8, Esposito 7, Cubito 5, De Pandis (L), Quartarone, Del Vecchio, De Togni n.e., De Santis (L) n.e., Cascio, Imbesi n.e., Agrusti n.e.. I All. Vincenzo Mastrangelo; II All. Giuseppe Barbone. B/V 2; B/P 10; muri: 6.
PARZIALI: 23-25 (‘25); 25-17 (‘24); 29-27 (‘30); 25-7 (‘18).

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si aggiudica la prima semifinale del “Torneo Tonno Callipo Calabria” battendo 3-1 la BCC Castellana Grotte, e oggi alle ore 20 incontrerà per la finalissima che mette in palio il trofeo, la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia che ha superato per 3-0 la Peimar Calci.
“In avvio di gara – analizza coach Colucci -, siamo stati condizionati dai troppi errori fatti in battuta ma comunque siamo rimasti in partita grazie a un ottimo cambio palla. È proprio questa la nota positiva dell’incontro, la percentuale altissima nel cambio palla.


Dal secondo set in poi abbiamo cominciato a fare meno errori e questo, assieme all’ottima efficienza nel cambio palla, ci ha consentito di vincere il match. Sono soddisfatto della prestazione di tutti i ragazzi e anche di aver rivisto in campo Joao Rafael, fermo da un bel pezzo, e Scopelliti, entrambi hanno fatto bene e retto tutta la partita. Miskevich è apparso un po’ affaticato dato il carico di lavoro che sta facendo ma, nonostante si sia unito al gruppo da soli dieci giorni, nel corso dei set è cresciuto molto mostrando anche una buona intesa con i compagni”.
Al PalaValentia coach Colucci, di fronte a mister Mastrangelo come in quel memorabile pomeriggio del 15 maggio 2016, scende in campo con la diagonale Radke-Miskevich, i centrali Scopelliti e Caneschi, i martelli Joao Rafael e Grozdanov, e il libero Sorgente. La guida tecnica della BCC risponde con Fabroni in cabina di regia opposto a Morelli, Vedovotto e Moreira in posto 4, Esposito e Cubito al centro della rete, mentre in seconda linea De Pandis.
Begli attacchi seguiti da errori al servizio nella metà campo sorana, mantengono il punteggio in equilibrio 6-6. Prosegue così il primo set, punto a punto fino al 12-12. La prima a provare a mettere il naso avanti è Castellana con il +4 del 13-17 che suggerisce a coach Colucci l’interruzione del gioco. Alla ripresa le bocche da fuoco di entrambe le bande, mettono a segno un parziale di 4-0 che ristabilisce la situazione sul 17-17. L’equilibrio in campo è tanto, i sestetti vorrebbero scappare ma nessuno trova il break point fino al 23-23 quando Vedovotto porta i suoi al set ball e Morelli dai nove metri completa l’opera per il 23-25.


In avvio del secondo game, la BCC continua a viaggiare sulle ali del precedente portandosi avanti 3-7 con Esposito e Vedovotto sugli scudi. Immediata la reazione sorana con Grozdanov in attacco e a muro su Morelli, e Miskevich all’ace per il 7-8. La parità arriva con un altro block, stavolta firmato da Scopelliti sulle intenzioni di Moreira, mentre per il sorpasso Radke si affida al suo capitano e all’altro posto 4 che ribaltano la situazione fino al 14-12. Richiama il sestetto coach Mastrangelo che però, nonostante le indicazioni, non riesce a contenere la furia di Joao Rafael che, mostrando i suoi migliori colpi d’attacco, solca un significativo varco tra le contendenti. Con addosso un 21-15 difficilissimo da sovvertire, la panchina pugliese prova a spingere i suoi, ma dopo l’attacco di Vedovotto, la Globo punta dritta all’obiettivo con l’ace di Alfieri subentrato nel fondamentale a Scopelliti. 25-17 e 1-1 in fatto di conteggio set.
Tutto da rifare per entrambi i sestetti che tornano in campo senza variazioni. Sora preme subito sull’acceleratore per il 6-2 e Castellana Grotte con pazienza ricuce un pochino lo strappo con Morelli per il 10-7. Ma Murilo sale imperioso a muro inchiodando per due volte consecutive Moreira e con un nuovo parziale positivo di 4-0 è 14-7. Per i ragazzi di Mastrangelo la rincorsa è piena e, aiutati da qualche fallo avversario, sul 18-18 riescono a rimettere tutto di nuovo in discussione. Si prosegue sul filo dell’equilibrio con le guide tecniche a dare indicazioni per sbloccare la situazione, Grozdanov porta Sora al set ball ma Morelli decide che si va ai vantaggi. Un punto per parte fino al 27-27 con la Globo a fare il bello e il cattivo tempo, e poi decide di prendersi il bello con Miskevich e Caneschi sulla rete a sigillare il 29-27 che vale il 2-1.
Il quarto game si apre con un monologo sorano che fa salire il tabellone fino all’11-3. La mattanza continua al 14-4 e al 20-5 con lo staff tecnico pugliese che prova in tutti i modi a far svegliare i propri ragazzi dal torpore, ma la Globo è carica a pallettoni e così in 18 minuti mette fine al set 25-7 concedendo all’avversario di mettere a segno un solo punto. Coach Colucci ne ha approfittato per dare spazio a tutta la sua rosa con i nuovi entrati che comunque hanno continuato e finito il lavoro iniziato dai compagni.

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *