Casalvieri – Al via la seconda edizione del “Premio LeColuche”

Condividi la notizia!

La Città di Casalvieri si prepara alla seconda edizione del Premio “LeColuche”, iniziativa dell’associazione “Valcomino senza confini”, patrocinata dal Comune di Casalvieri e dalla Gemar.

L’appuntamento con il “Premio LeColuche” è per domenica 14 Luglio, alle ore 18, presso la Sala Consiliare del Municipio di Casalvieri.

La locandina dell’evento

La manifestazione

La manifestazione, a cadenza biennale, è nata con l’intento di riallacciare (ove fosse necessario) il legame con i tanti emigrati all’estero e fare da ponte spaziale tra le diverse comunità della Valle di Comino nel mondo.

È nota, infatti, la portata straordinaria del fenomeno migratorio che, sin dalla fine dell’Ottocento e soprattutto nella Prima Metà del secolo scorso, ha caratterizzato tutta la Valle di Comino, ed in particolare il Comune di Casalvieri, che conta una folta comunità di cittadini in vari Paesi del Nord e Sud America, in Francia, in  Belgio, in  Inghilterra.

Il significato del “Premio LeColuche”

Il “Premio LeColuche” è dedicato proprio ad uno dei figli di questa migrazione di massa: Michel Gerard Colucci, in arte “Coluche”, indimenticato attore, chansonnier, cabarettista e uomo di solidarietà, che divenne popolare in Francia tra gli anni ‘60 e gli anni ‘80, figlio di un casalvierano emigrato Oltralpe.

La prima edizione del Premio è stata celebrata nel 2017 con un evento che ha riscosso grande successo da parte del pubblico e ottenuto notevole risonanza sui media locali e nazionali.

A riceverlo furono allora i gemelli Dean e Dan Caten, meglio noti come Dsquared2, gli stilisti ideatori di uno dei più conosciuti brand della moda mondiale. A loro, oltre al Premio, furono consegnate le chiavi della città di Casalvieri, come gesto simbolico di vicinanza ed apertura, una sorta di abbraccio corale a due figli ritrovati.

Uno degli intenti della manifestazione è quello di promuovere la cultura dell’accoglienza, riportando agli attuali scenari le trascorse esperienze dei nostri emigrati e, contestualmente, valorizzare ed attingere dal serbatoio di energie, competenze e potenzialità da essi rappresentato. Tracciare un percorso, di idee e progetti, che possa contribuire, nel tempo, a nuove forme di sviluppo sociale, economico e culturale della Valle di Comino.

Le categorie dei premi e gli ospiti

L’evento di quest’anno non sarà meno emozionante. Il Premio, tradizionalmente suddiviso in due sezioni, andrà per la categoria “Nostoi-I ritorni”, a Bruno Colucci, casalvierano di origine, self made man, attualmente alla direzione di una delle più importanti aziende di commercializzazione di prodotti enogastronomici italiani in Francia, la Carniato Europe.

Colucci è l’ennesimo esempio di conterranei che hanno trovato affermazione all’estero senza dimenticare il filo imponderabile delle origini.

Bruno Colucci

Per la sezione “Alla Memoria”, il riconoscimento sarà conferito a Erminia Manfredi, moglie di Nino Manfredi.

L’attore, tra i più apprezzati interpreti della commedia all’italiana insieme a Mastroianni, Gassman e Tognazzi, era nativo di Castro dei Volsci e trascorse parte della sua infanzia a Pastena. Notevole la sua filmografia dedicata all’emigrazione, nella quale Manfredi traccia un ritratto fedele e dignitoso dei compatrioti all’estero.

Nino Manfredi con la moglie Erminia

 

Testimonial dell’evento sarà Fulvio Collovati, ex calciatore, poi dirigente sportivo, militante nella Nazionale Italiana durante il Mondiale del 1982, quando il trionfo dell’Italia allo stadio Bernabeu di Madrid contro la Germania, divenne l’urlo di vittoria e di riscatto per tanti connazionali emigrati che sovente, lontano da casa, avevano dovuto subire l’onta della ghettizzazione.

Fulvio Collovati

Le dichiarazioni del sindaco di Casalvieri, Franco Moscone

«La comunità è orgogliosa di ospitare tre personaggi che hanno saputo raggiungere traguardi importanti nei rispettivi settori di appartenenzadichiara il sindaco Franco MosconeColucci è un nostro figlio che si è distinto per le sue doti imprenditoriali; Manfredi è stato un attore brillante e intenso, un vanto per tutta la Ciociaria; Collovati è un campione e ci ha resi orgogliosi di essere italiani» conclude infine il sindaco di Casalvieri, Franco Moscone.

Il sindaco di Casalvieri, Franco Moscone

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Cassino con una tesi dal titolo “Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie”. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it” e con il settimanale cartaceo “Tu News”, dove all’interno cura anche la rubrica enogastronomica “Tu Food”. In passato ha collaborato anche con il quotidiano “Ciociaria Oggi” e con il quotidiano online “L’Unico – Quotidiano Indipendente di Roma”.

Condividi la notizia!

Monica D'Annibale

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cassino con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *