Milan-Frosinone, due pareggi negli ultimi precedenti: il Diavolo teme il Leone

Condividi la notizia!

Il Milan arriva alla sfida con il Frosinone nella condizione di non poter sbagliare più un colpo. Le vittorie contro Bologna e Fiorentina mantengono i rossoneri in corsa per la Champions League, anche se le due precedenti sfide – in cui sono arrivati un pareggio con il Parma e un ko con il Torino – hanno minato le possibilità di qualificazione della squadra di “Ringhio” Gattuso. Il “Diavolo” ha raccolto complessivamente 62 punti, frutto di 17 vittorie e 11 pareggio a fronte di 8 sconfitte. 34 le reti incassate dai meneghini, che hanno perforato per 50 volte le difese avversarie.

Nel match di “San Siro” mister Gennaro Gattuso opterà ancora per il 4-3-3. Tra i pali fiducia al titolare della Nazionale Gianluigi Donnarumma, con l’ex Napoli Pepe Reina e il fratello di “Gigio” Antonio Donnarumma a completare il roster dei portieri. Il pacchetto arretrato sarà guidato da Alessio Romagnoli, al suo fianco agirà uno tra l’argentino Mateo Musacchio e il colombiano Cristián Zapata. Sulla corsia destra Ignazio Abate è pronto a scalzare Andrea Conti, mentre a sinistra Ricardo Rodríguez va verso la conferma. Ai box per infortunio, invece, Mattia Caldara, Davide Calabria, Ivan Strinić e Giacomo Bonaventura.

Dopo il gol vittoria siglato con la Fiorentina, Hakan Calhanoglu sarà riproposto ancora da mezzala sinistra, con l’ivoriano Franck Kessié che andrà a posizionarsi sulla destra. In cabina di regia Tiemoué Bakayoko parte favorito sull’acciaccato Lucas Biglia per una maglia da titolare. Out per squalifica il brasiliano Lucas Paquetá, partiranno dalla panchina l’italoargentino José Mauri e l’ex Genoa Diego Laxalt. Ai margini della squadra, ormai, Andrea Bertolacci e l’ex capitano Riccardo Montolivo, ancora a secco di presenze in stagione e fuori dal giro delle convocazioni da un mese e mezzo.

Il tridente offensivo farà leva sul bomber Krzysztof Piatek, approdato a gennaio dal Genoa al posto di Gonzalo Higuaín e autore di 8 gol in 16 presenze con la maglia rossonera. Il polacco sarà affiancato dallo spagnolo Suso e dall’ex Sunderland Fabio Borini, mentre l’ex Villarreal Samu Castillejo e l’attaccante dell’Under-21 Patrick Cutrone sono carte in più da giocare a gara in corso.

Gli ultimi due precedenti tra Milan e Frosinone si sono conclusi in parità: 0-0 nella gara d’andata di quest’anno al “Benito Stirpe” e 3-3 al “Meazza” il 1° maggio 2016. Un risultato pirotecnico e sorprendente per i giallazzurri, che per due volte si sono trovati in una situazione di doppio vantaggio: 0-2 a fine primo tempo e 1-3 fino a un quarto d’ora dal termine. Soltanto un rigore dubbio assegnato nel recupero per fallo di mano di Pryyma e trasformato da Ménez ha evitato una sconfitta clamorosa ai rossoneri. Nonostante la retrocessione già acquisita da due settimane, il “Leone” proverà a fare un altro scherzo al “Diavolo”. Scherzare con il fuoco? Sì, si può.

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it”, con il settimanale “Tu Sport” e con il quindicinale “Alé Frosinone” oltre che con i portali “CalcioMercato.com” e “MondoSportivo.it”, di cui è caporedattore.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *