lunedì 17 Giugno 2024
B1-970x250-TUNEWS24
HomeAttualitàAggressione e panico al Pronto soccorso dell’Ospedale di Cassino. La Cisl Fp:...

Aggressione e panico al Pronto soccorso dell’Ospedale di Cassino. La Cisl Fp: «Bisogna dire basta a questi episodi di violenza, la Regione intervenga»

Il Segretario Generale della Cisl Fp Frosinone, Antonio Cuozzo e la Responsabile Cisl Fp Polo D, Rosaria Piscopo hanno affermato: «Pazienti e operatori sanitari vengono abbandonati e lasciati al proprio destino e tutto questo è assolutamente inaccettabile».

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24

Una giornata d’inferno quella vissuta nel Pronto soccorso dell’Ospedale Santa Scolastica di Cassino dove è stata registrata l’ennesima aggressione ai danni di operatori sanitari e pazienti.

La vicenda

Qualche giorno fa un paziente psichiatrico è stato trasportato dall’Ospedale di Frosinone a quello di Cassino. Giunto nel nosocomio della città martire ha dato in escandescenza aggredendo un infermiere, una Oss e lanciando un monitor e qualunque oggetto si trovasse dinanzi nella sala rossa.

- Pubblicità -

Danni e paura nel Pronto soccorso di Cassino dove erano presenti anche alcuni bambini rimasti coinvolti in un incidente stradale che si sono fortemente spaventati per quanto stava accadendo. Per sedare gli animi e bloccare l’uomo è stato necessario l’intervento di sette persone.

Il commento del Segretario Generale della Cisl Fp Frosinone, Antonio Cuozzo e della Responsabile Cisl Fp Polo D, Rosaria Piscopo

«Quello che è accaduto sabato pomeriggio è l’ennesimo episodio di violenza che si registra all’interno delle strutture sanitarie della provincia di Frosinone – hanno affermato il Segretario Generale della Cisl Fp Frosinone, Antonio Cuozzo e la Responsabile Cisl Fp Polo D, Rosaria Piscopo – Una situazione che, ormai, è all’ordine del giorno e per la quale non vengono posti in campo i giusti provvedimenti. Sabato pomeriggio erano presenti all’interno del Pronto soccorso anche dei bambini già spaventati per l’incidente in cui erano rimasti coinvolti che si sono ulteriormente spaventati per la furia di quest’uomo che ha lanciato ogni oggetto in tutto il reparto. Episodi del genere non possono essere tollerati e non si può accettare che una situazione come questa passi nel silenzio più totale dell’istituzione che dovrebbe vigilare e assicurare provvedimenti: la Regione Lazio. Oggi Cassino vive la situazione più difficile essendo l’unico centro Spdc ancora aperto in provincia di Frosinone, a questo si aggiunge l’assenza di una vigilanza attiva per tutto il giorno, in ogni giorno dell’anno. Pazienti e operatori sanitari vengono abbandonati e lasciati al proprio destino e tutto questo è assolutamente inaccettabile. Ci auguriamo che dalla Regione Lazio arrivino le giuste risposte. È ora di dire basta a questi episodi di violenza, è ora di supportare e proteggere gli operatori sanitari. Come organizzazione sindacale continueremo la nostra battaglia, torniamo a chiedere con forza l’immediata convocazione di un tavolo tecnico per analizzare i provvedimenti da mettere in campo».

Il Segretario Generale della Cisl Fp Frosinone, Antonio Cuozzo
- Pubblicità -
Monica D'Annibale
Monica D'Annibalehttps://www.tunews24.it
Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24