venerdì 12 Aprile 2024
B1-970x250-TUNEWS24
HomeAmbientePontecorvo – L’abbandono di rifiuti diventa fattispecie penale: ammende con importi fino...

Pontecorvo – L’abbandono di rifiuti diventa fattispecie penale: ammende con importi fino a 10.000 euro e segnalazione alla Procura della Repubblica

Chiunque si renda responsabile di abbandono di rifiuti è punito con ammenda che va dai 1.000 a 10.000 euro (prima era prevista sanzione amministrativa pecuniaria con importo da 300 a 3.000 euro) con pena fino al raddoppio se i rifiuti abbandonati siano pericolosi.

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24

L’abbandono illegale dei rifiuti diventa condotta penalmente perseguibile. È entrata in vigore la legge 137/2023 che prevede la applicazione di un’ammenda penale, non più di una sanzione amministrativa, per i cittadini che abbandonano rifiuti.

La sanzione

Chiunque si renda responsabile di abbandono di rifiuti è punito con ammenda che va dai 1.000 a 10.000 euro (prima era prevista sanzione amministrativa pecuniaria con importo da 300 a 3.000 euro) con pena fino al raddoppio se i rifiuti abbandonati siano pericolosi.

- Pubblicità -

Le parole del sindaco Anselmo Rotondo

«Più che per l’inasprimento delle multe – commenta Anselmo Rotondo, sindaco di Pontecorvo – la nuova legge si caratterizza per il cambio di rotta nella valutazione della condotta del cittadino, perché abbandonare i rifiuti da oggi è una fattispecie che assume profilo penale. Invito chi ancora non fa la differenziata a valutare le pesanti conseguenze di questa forma di inciviltà».

Anselmo Rotondo, sindaco di Pontecorvo

Il commento dell’assessore comunale alla Transizione ecologica, Katiuscia Mulattieri e del presidente della municipalizzata Asm, Roberto Di Schiavi

«Resta immutata la gravità morale dell’atto di gettare illegalmente i rifiuti, che è una forma di disprezzo verso la città, i cittadini e verso l’ambiente che per tutti, ma per molti solo a parole, è il primo bene pubblico. Sono cambiate però – dice l’assessore comunale alla Transizione ecologica, Katiuscia Mulattieri – le conseguenze di tale vergognosa condotta. Quando dalle immagini delle telecamere gli agenti della polizia locale risaliranno alla identità di chi abbandona rifiuti, scatterà la segnalazione alla procura della repubblica e poi all’organo giudicante che valuterà sanzioni pecuniarie o pene alternative come l’affidamento ai servizi sociali. Abbandonare rifiuti, odiosa forma di inciviltà, diventa anche condotta perseguita penalmente».

- Pubblicità -
L’assessore comunale alla Transizione ecologica, Katiuscia Mulattieri

«Abbiamo attivato 78 isole ecologiche – ricorda Roberto Di Schiavi, presidente della municipalizzata Asm – disseminate in tutta la città. Le postazioni sono ovunque. È facile conferire i rifiuti domestici, rispettando la procedura e soprattutto i principi della raccolta differenziata.  Grazie ad essa recuperiamo, per poi riciclare, tonnellate di materiali preziosi come carta, vetro e plastica. Basta davvero poco per fare bene la differenziata, mantenere pulita la città ed evitare multe».

Roberto Di Schiavi, presidente della municipalizzata Asm
- Pubblicità -
Monica D'Annibale
Monica D'Annibalehttps://www.tunews24.it
Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24