Monte San Giovanni Campano – ‘Pizzini’ omertosi e diffamatori in giro sul territorio

Condividi la notizia!

Vilipendio nel volantinaggio becero  contro personaggi locali: dagli amministratori a professionisti, a semplici cittadini. Le Forze dell’Ordine sono al lavoro per cercare di individuare gli autori di tale vigliaccheria

di Egidio Cerelli

Non avremmo voluto dare spazio a notizie uscite dai ‘pizzini’ tipo mafia siciliana, ma il paese ciociaro di MSGC è salito alla ribalta per i tanti ‘pizzini’ scaricati in ogni dove da mani omertose e soprattutto ‘vigliacche’ per colpire alcuni personaggi locali. Si va dagli amministratori vecchi e nuovi, a professionisti, a gente comune e per arrivare anche a chi è delegato alla gestione logistica della vita pubblica. Per questo stiamo provando a dire la nostra dopo i numerosi messaggi di amici monticiani che invitano a farlo. E’ una sorta  di mixage che potrebbe anche far rabbrividire la gente comune. Non certamente tocca le menti e stimola l’appetito del cronista se non per condannare colui o coloro che si nascondono dietro la generica firma (non firmata) del Popolo di MSGC.

Infangare  un padre di famiglia scrivendo fandonie è un peccato mortale

Come si fa ad infangare un padre di famiglia con quelle menzogne che ledono non solo l’immagine ma soprattutto toccano i cuori del genitore, del parente o dello zio, che ne so, di un ragazzo che va a scuola e quindi viene ‘commiserato’ e schernito dai suoi compagni di banco? Ci è giunta notizia che la Magistratura con le Forze dell’Ordine stia facendo i suoi passi. Cosa questa eccelsa! Ma non basta, amici di MSGC che credete ancora nella bontà delle persone che invece si son viste arrivare, come si dice da noi, tra capo e collo, certe vili insinuazioni che rovinano sia i destinatari interessati ed anche l’immagine di un paese e di una cittadinanza laboriosa e dalla vita onesta. Tutto questo forse perché si è vicini alle elezioni? Ma, signori, cui prodest tantum? Ed allora due le cose: o una mano occulta che ha mire politiche, oppure le dita ‘fetenti’ di un maniaco che pigiano incontrollate una tastiera che però riteniamo da solo non sarebbe capace di tanto. Scorrendo alcuni post apparsi su FB c’è qualche commento che vorremmo proporvi.

Le reazioni

Profondo lo sdegno di tanti cittadini che si dissociano dall’accaduto. Si va dal consigliere comunale di opposizione: dal gruppo ‘Progetto democratico’, Antonio Cinelli, ad Emilio Biancucci del M5S, dalla consigliera di maggioranza Lorella Biordi all’avv. Carlo Coratti già amministratore, a Giorgio Bottoni anche lui ex amministratore comunale. Tutti hanno condannato senza mezzi termini quanto avvenuto.

Premesso che non riportiamo volutamente i nomi degli accusati e presunti mascalzoni come da volantino ecco alcune dichiarazioni

Antonio Cinelli,  consigliere di minoranza e già sindaco  

Anche lui nel mirino del fantomatico ‘popolo di Monte san Giovanni Campano’

“Volantini anonimi e vigliacchi scritti in nome dei cittadini di Monte San Giovanni Campano… Un grazie alle tante persone che mi hanno espresso vicinanza e solidarietà. Non basta, bisogna reagire e collaborare con le Forze dell’ Ordine che stanno lavorando per individuare i responsabili. Rivolgo un appello affinché tutti i cittadini reagiscano al tentativo di coinvolgerli in atti intimidatori contro chi desidera fare politica liberamente, contro le Forze dell’Ordine, contro consiglieri comunali eletti dal popolo, contro donne in quanto tali, contro professionisti, imprenditori e cittadini liberi di esprimere il proprio pensiero. Chi ha visto e conosce, dia il proprio contributo per liberare la nostra città da atti biasimevoli posti in essere da soggetti che amano operare nell’anonimato, infangando la dignità e la cultura di un popolo”.

‘Quanto è accaduto oggi – scrive in una nota Progetto democratico – suona come campanello d’allarme poiché è finito il tempo in cui si discuteva di politica tranquillamente e lealmente senza ledere la dignità degli altri e senza aspettarsi volantini diffamatori ad opera di persone che non hanno il coraggio di esprimersi alla luce del sole ma si nascondono dietro l’anonimato firmandosi vigliaccamente a nome del popolo monticiano, offendendo in tal modo tutti noi cittadini. Esprimiamo piena solidarietà personale e politica nei confronti di tutte le persone coinvolte e delle loro famiglie e ci auguriamo che non si ripetano mai più questi gesti denigratori nel nostro territorio comunale”.

Carlo Coratti 

Carlo Coratti avvocato e già amministratore comunale. “ Ringrazio tutti coloro che mi hanno espresso la loro solidarietà per quanto accaduto.Coloro che pensano di   azzittire il libero pensiero, la critica politica ed il democratico dissenso attraverso questi attacchi ersonali, tanto squallidi quanto infamanti, sbagliano di grosso.I contenuti dei tali vili attacchi dimostrano che questi “signori” non hanno alcun argomento da contrapporre, se non le offese personali, gratuite, false ed infamanti. Ma se da un lato balza agli occhi ciò che è scritto, dall’altro non si può non evidenziare e rilevare la complicità (quantomeno morale) di chi è rimasto in silenzio dinanzi a questo scempio. La loro responsabilità è pari a quella di chi ha scritto e diffuso i volantini”

Giorgio Bottoni

L’ex amministratore non è nella lista dei ‘pizzini’ ma ha voluto dire la sua.

“Ok sulla solidarietà di rito, ma tutti dovremmo essere indignati perche potevamo e potremmo essere coinvolti in fatti di questo genere, senza volerlo. Certo alle porte del rinnovo del consiglio comunale questi atti intimidatori non fanno bene e chi si affaccia per la priva volta a questo appuntamento è un pò disorientato, ma farsi da parte vuol dire dare ragione a questi soggetti. Dobbiamo allora reagire e non aver paura di esprimere un pensiero, di confrontarci liberamente e di condividere un progetto per il nostro territorio” 

Lorella Biordi consigliera comunale

“Se fare politica vuol dire buttare fango sulle persone e screditarle pubblicamente dal punto di vista personale, io mi dissocio -dichiara la  consigliera Biordi- La politica è un’altra cosa, è mettersi al servizio del cittadino. Se si vuole fare confusione e distruggere personalmente gli avversari, questa non può definirsi politica, ma pura cattiveria. Sono solidale con tutti gli interessati per quanto accaduto  sul nostro territorio.
La vicenda già segnalata all’autorità giudiziaria segna profondamente una comunità che mai, come in questo periodo, sta vivendo un momento delicato. La politica che denigra l’avversario non è Politica”.

Emilio Biancucci  M5S

 “Non è attraverso la diffusione di volantini anonimi che si esprimono la critica e il dissenso -il consigliere del M5S, Emilio Biancucci- Condanno e isolo simili comportamenti destinati, unicamente, a imbarbarire la vita politica e a distrarre la cittadinanza da problematiche ben più importanti e urgenti da affrontare per  risolverli. L’impegno è quello di mantenere il confronto politico, anche aspro, ma pur sempre nell’ambito di una sana e civile dialettica”

Speriamo che chi sa o ha visto, oseremmo dire che ha solo qualche dubbio, possa offrire la collaborazione alle Forze dell’Ordine che hanno preso a cuore la vicenda.

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.