Boville Ernica – Le pagelle bocciano Perciballi e company

Condividi la notizia!


Dal declamato uno dei borghi più belli al Presepe più antico ci invita a provare ad esaltare le bontà, si fa per dire, degli amministratori. Palazzo Simoncelli annovera latitanti in cerca di gloria esterna nei bar e nelle piazze o sui cantieri stradali pensando ai camion di asfalto elettorale

di Egidio Cerelli

Azzardare pagelle agli amministratori ‘baucani’ non è cosa facile come qualcuno invece ha provato a scrivere. Questo qualcuno avrebbe spudoratamente evidenziato il nulla di buona parte di loro. Non è proprio così anche a se ‘a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina’.
O, come spesso abbiamo scritto, anche a Boville il PD si frantumò trasformandosi in una trilogia (Perciballi, Memmo Di Cosimo, Genovesi –Fabrizi) i quali apparivano come i ‘ladri di Pisa’ dividendosi poi le vesti di Cristo. A leggere i loro programmi elettorali appariva una sorta di ‘copia-incolla’ da far starnazzare le oche delle monache di clausura in cima alla città. Basta pensare al cimitero ed alle sue problematiche partorite da chi. Ora il materiale per le pagelle scaturisce da un mix di bozze del sindaco-feudatario , condivise in parte dai suoi ‘vassalli’, non tutti però convinti di ciò che facevano e fanno. Erano e sono costretti ad accodarsi per non essere ripresi come in alcuni casi anche durante l’assise pubblica con frasi.. ’stai zitto, tu di quello che stiamo parlando sai ben poco’. E solo la voglia o la tigna per proseguire alla fine gli ha fatto alzare al contestato gli occhi al cielo, come dire… ’mo ce lo do un ceffone’.
Stesso andamento che si è registrato durante questo anno quando per caso anche noi chiedevano una intervista al ‘sommo pontefice baucano’ il quale innescava quel ritornello da vodafon… ’scusa non posso parlare, ti richiamo io, oppure ora sono impegnato, ti richiamo dopo’. Tutto preso da una proposta di un organizzatore di sfilate cui aveva persino dato la sua massima disponibilità quale modello. Non gli manca di certo la faccia dopo che si è proposto a modello di sindaco. Lo vedi però sempre alle inaugurazioni, ricorrenze, festicciole, con tanto di vestito blu con cravatte Bumberry, Gucci, Marinella ma soprattutto Canali che… Siamo a fine anno e non siamo riusciti nemmeno a scambiarci gli auguri che noi abbiamo inviato al ‘capo dei capi’ senza che da parte sua avessimo ricevuto quantomeno un…buone feste. Ed allora prendendo spunto da alcune uscite del dottor Enzo Perciballi, sindaco di Boville Ernica, non certo per annunciare lavori per opere in corso evitandovi ulteriore noia e da dichiarazioni a volte filtrate siamo addivenuti a dare i voti ai nostri ‘affabili’ alunni ben tenendo conto anche del Covid che quasi è stato un refugium peccatorum per la non voglia di amministrare del nostro ingegnere che qualcuno ha in forma forse troppo sfacciata paragonato ad una sorta di ‘Salvini baucano’.
Non di meno però la non logorroica prestazione amministrativa delle opposizioni ripetitive e spesso dormienti ad eccezione di qualche microfono del perfetto impianto audio spesso accesso.



MAGGIORANZA

Enzo Perciballi: Sindaco riservandosi le deleghe ambiente, tutela territorio, polizia locale, viabilità e innovazione tecnologica
Molto latitante in sede, preferisce incontrare i cittadini  nei bar. Tant’è che è convinto di essere ancora in campagna elettorale. E sì perché prova a lanciare ancora tante rassicurazioni, tante promesse giacché i fatti non gli danno ragione. Nulla in cantiere e poco del programma realizzato. Se ne sono accorti gli stessi suoi compagni di ventura che, però, non possono gridare da lassù ai loro concittadini… ’noi non ne possiamo più. Venite voi in nostro soccorso. Comunque ridategli un addetto stampa perché soffre troppo quando scrive comunicati’. Dobbiamo dargli atto che ha saputo però informare i suoi ‘cari concittadini’ con comunicati dolorosi che confermavano gli attacchi del Coronavirus con decessi al paese. E non è questo un merito. VOTO 5 – – –
 


Benvenuto Fabrizi: Vice-Sindaco e assessore Urbanistica e LLPP
Il fido del suo padroncino. Ma pure lui costretto a non contraddirlo. E’ la vera sorpresa dell’amministrazione. Ed è molto intelligente. Tant’è che preferisce postare le memorie quasi quotidiane del suo sindaco più che far sentire la sua voce. Nonostante ciò è il vero leader di questa amministrazione. Dicono che le sue foto sui campi cantierati siano la strada nuova da lui intrapresa per diventare sindaco. Il suo popolo di amici e compari gli è grato! Anche perché il tentativo di feste e festicciole estive è partorito dalle serre di via per Scifelli dove opera da mane a sera costretto a volte ad ospitare colui che teme possa abbandonarlo. VOTO 6 +

Rocco Picarazzi: assessore al Bilancio, Tributi e Commercio
 Non può essere un amministratore della res publica. Troppo buono e mai che contraddica il suo sindaco, il quale, in pieno consiglio lo ha anche offeso coram populo. Un altro, non buono come lui, avrebbe persino usato frasi da cloaca maxima per mandarlo a quel paese. E’ un grande imprenditore che potrebbe dare alla politica baucana un buon segnale. Peccato, come detto, costretto ad accettare “ob torto collo” le scelte dei due che lo sovrastano. Potrebbe vendicarsi, lui un grande stilista, regalando su misura al sor Enzo di Casavitola un vestito ‘nero’ senza cravatte sgargianti. VOTO 6

Anna Verrelli: servizi sociali e personale
Sempre positiva, è l’unica finora che ha avuto meno mal di pancia… La più presente a palazzo Simoncelli con le sue due visite settimanali. Disponibile con tutti, non filtra alcun dissenso… nelle problematiche amministrative lei si rifugia nella sua campana di vetro, uscendo solo dopo la risoluzione. VOTO 6

Anna Maria Fratarcangeli: con deleghe alla Cultura e Biblioteca
E’ partita con entusiasmo… ma… l’ultimo anno è eclissata… qualche breve apparizione e poi, niente più. Si dice in giro dai rumors del centro che ha avuto forti contrasti con una delegata e… il sindaco ha fatto come Ponzio Pilato… Giustamente si aspettava più tutela!!! La cultura a Boville? Ne riparliamo nel post Covid. Per ora accontentiamoci del più vecchio presepe ritrovato a Sasso che ha richiamato le telecamere della Rai. VOTO 6 – –

Martina Bocconi: Delega al turismo, patrimonio culturale artistico, gemellaggio e Centro Storico
Wanted!!! Ha troppi impegni per dedicarsi alla politica, qualcuno ha dovuto addirittura spiegarle la differenza tra delegata al centro storico e assessore alla cultura! Centro Storico muore giorno dopo giorno. Non ha mai pensato… che ne so… ad uno sportello Bancomat. Come va con la collega Anna in fatto di Cultura? VOTO 6 – –

Luigi Onorati: Delega all’agricoltura e sviluppo e capogruppo di maggioranza
Simpatico e brillante ragazzo ma non un capo della sua band in Comune. Non capiamo però il perchè si sia candidato. Da sempre assente nel palazzo comunale, di media partecipa ad un consiglio comunale in un anno. Anche lui troppo oberato di impegni per dedicarsi alla politica? Credeva di potersi presentare con un ‘tanto pè cantà’ ed invece lo ha tradito anche il Covid. Niente concerti in aula consiliare! VOTO 5

Elisa Palombi: con deleghe all’Artigianato e piccole attività commerciali
Consigliere ed amica di tutti! Anche lei, dopo l’entusiasmo iniziale è sparita! Forse perchè si sente oscurata dal Vice territorialmente vicino? Si dice che in questi giorni per asfaltare una strada nella sua zona ha dovuto fare un bel braccio di ferro… Comprensibile il suo allontanamento!!! VOTO 5 + +

Giacomo Iozzi: Presidente del Consiglio con delega alle strutture sportive, ludico- motorie
Anche lui si vede solo a qualche consiglio( non tutti). Si dice che prova a tener testa al sindaco in nome e per conto del comitato Olimpia che rappresenta. Purtroppo però il sindaco, come spesso ripete l’olimpiaco, dando delega piena al suo vice, come detto il vero leader dell’amministrazione, si permetterebbe il bello ed il cattivo tempo, privilegiando talune zone a discapito di altre. Come tutti gli scontenti e latitanti, si dice che stìano aspettando i 2 anni e 1/2 per la turnazione. Intanto Boville attende di essere amministrato!!! VOTO 5 –

MINORANZA

Marta Diana: la giovane che andrebbe ricordata come la cavallerizza dai capelli ancora a treccia unica e lunga come il crine di una cavalla di razza. Oggi ha invece cambiato look. Chi non ricorda la sua ‘invenzione’ del primo e più coreografico e scenografico Premio Giotto? La sua arte sta tutta in quelle tre serate che i ‘baucani’ rimpiangono dopo i tentativi di riproposte da fake news?. E’ una delle poche voci che non ti annoiano in consiglio comunale dove, tra l’altro, ha saputo portare e spiegare una dozzina di emendamenti che la maggioranza ha puntualmente sempre respinto. VOTO 6 + +

Domenico di Cosimo: Gioca a guardie e ladri con il sindaco soprattutto sulle cappelle cimiteriali. Attende impazientemente la fine di questa consiliatura per potersela rigiocare magari a suon di urbanistica. Ma i due Enzo e Memmo non erano considerati come i due dioscuri della nouvelle vague della politica baucana. Almeno questo appare nel suo unico pensiero, quando esce allo scoperto se non da mandato alla sua gentile signora già amministratrice di Boville. VOTO 5

Stefania Venditti: svolge bene il suo ruolo, sempre attiva e preparata sugli argomenti. Peccato che la sua visibilità viene spesso oscurata dal suo capogruppo che è ovviamente quello di cui un attimo fa ne abbiamo lodalo le glorie del ‘de belli baucano’!! Comunque ha la stoffa politica ereditata dal suo ‘americano’. VOTO 5 +

Renato Genovesi: E’ un buono, rimane sempre composto nel suo ruolo, pochissime volte lo abbiamo sentito alzare la voce…. Si aspettava una politica dei fatti. Si è ritrovato all’opposizione di un’amministrazione delle promesse per fortuna che ha ancora nella sua mente i ricordi del suo teatro da raccontare storie di Boville già annunciate, suo malgrado, in campagna elettorale. Ed ora è pronto a sfornare un’altra pièce nel suo vernacolo sul suo Carro di Tespi. VOTO 5 +

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.