Salvini condivide Amata

Condividi la notizia!

Il leader della Lega Matteo Salvini ha condiviso sulla sua pagina Facebook, con oltre 4 milioni di follower, l’articolo di Andrea Amata “L’Ong ha violato la legge, ma a processo ci va Salvini”. L’intervento di Andrea Amata, opinionista de Il Tempo e del blog di Nicola Porro, è stato inondato da migliaia di like (oltre 46.000), risultando il post più apprezzato e condiviso della pagina ufficiale di Matteo Salvini.

Il Capitano leghista introduce l’articolo con una sua personale riflessione: «Mentre l’Italia è invasa da finti profughi infetti che fuggono e aggrediscono le Forze dell’Ordine, andrò a processo per aver fermato gli sbarchi. Ma so di avere dalla mia parte la maggioranza degli italiani». Andrea Amata nel suo articolo ricostruisce la vicenda dell’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, accusato dal Tribunale dei ministri di sequestro di persona per aver interdetto lo sbarco degli ospiti della Open Arms, con un’analisi esaustiva tanto da essere stata divulgata dallo stesso leader del Carroccio.

E parrebbe che ieri, in giornata, ci sia stata stata anche una telefonata tra il “capitano” ed Amata, in cui si sarebbe parlato della questione scambiandosi idee ma anche commenti sull’articolo uscito. E poi della situazione politica del Paese.

Di seguito alcuni estratti dell’intervento di Amata: «Il comandante della nave ha violato la legge e negato la disponibilità a collaborare con le autorità spagnole ed italiane, mettendo in pericolo i migranti, ma il tribunale dei ministri ha ritenuto di dover processare Salvini, che ha operato nel perimetro della legalità autorizzando, peraltro, lo sbarco e l’assistenza sanitaria a chi ne aveva diritto (minori e malati). Pretendere che la legge, che vieta l’ingresso, il transito e la sosta nel mare territoriale italiano, venga rispettata è già in sé un preminente interesse pubblico da riconoscere all’azione dell’ex ministro Salvini. Mandarlo a processo ha significato abdicare al primato della politica, riconoscendo alla magistratura la prerogativa di censurare le scelte del governo con ipotesi di reato dissociate dalle norme e dalla razionalità. Infatti, non può esistere il sequestro di persona, imputabile a Salvini, con il comandante della nave dell’Ong spagnola Open Arms che rifiuta di percorrere le alternative indicate da Malta, Spagna e Italia».

E ancora: «Per configurarsi il sequestro coloro che lo subiscono dovrebbero essere vincolati in un luogo senza possibilità di mobilità, mentre nel caso in esame all’Ong era stata concessa la facoltà di scegliere itinerari di navigazioni per assicurare lo sbarco in sicurezza dei migranti. Il vero sequestratore, semmai, è il comandante che ha obbligato i suoi ospiti alla precarietà della situazione nonostante le soluzioni di stabilità prefigurategli. La verità è che gli sbarchi con Salvini sono scesi dell’80% con l’effetto positivo di aver scoraggiato le partenze e i conseguenti lutti in mare. Un merito che andrebbe riconosciuto e non vessato dall’accanimento giudiziario. Gli arrivi finora sono triplicati, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e in queste ore è stato registrato un nuovo focolaio di coronavirus a Treviso a seguito di test eseguiti nel centro di accoglienza dell’ex caserma Serena. Sono risultati positivi 134 migranti che confermano la correlazione tra immigrazione e Covid».

Condividi la notizia!

Marco Ceccarelli

Marco Ceccarelli è giornalista e fotoreporter, attualmente Direttore Responsabile di TuNews24.it. La sua carriera inizia nel 2004 presso il quotidiano Ciociaria Oggi, occupandosi prima di cultura e spettacolo come collaboratore e passando successivamente alla cronaca come redattore, quindi diventando responsabile della cronaca nera provinciale fino al 2014. Nel frattempo ricopre anche il ruolo di Direttore Responsabile di alcune riviste locali, come Beautycase, ed è corrispondente del quotidiano nazionale Il Giornale per le province di Frosinone e Latina. Quindi, dopo aver fondato nel 2013 la società di Comunicazione e Marketing Globalpress S.r.l., entra a far parte del Gruppo Editoriale Perté, ricoprendo in un primo momento il ruolo di Direttore Editoriale del mensile Perté Magazine e di Radio Perté, successivamente anche del settimanale cartaceo Perté Week e del quotidiano web Perté Online. Sempre nell’ambito di tale progetto, presta servizio presso l’emittente Lazio Tv, dove idea diverse trasmissioni televisive e radiotelevisive. Dopo tali esperienze, nel 2015 decide, con l’avvento del Frosinone Calcio in serie A, di fondare il settimanale Tu Sport di cui è Direttore Responsabile e, pochi mesi dopo, dà vita anche al settimanale generalista Tu News. Nel frattempo accetta l’incarico di Direttore Responsabile della rivista mensile Frosinone In Vetrina e in seguito anche di Ciociaria & Cucina Excellence". Quindi dà vita al quindicinale cartaceo Non Solo Annunci,  alla rivista mensile poket patinata Ciociaria da Vivere e ai quotidiani online TuNews24.it e Il Corriere della Provincia. Negli anni 2019 e 2020 intraprende la gestione del canale provinciale di Frosinone di Lazio Tv, accetta l'incarico di Direttore Responsabile del mensile web nazionale Valori e Cultura e riporta in vita lo storico marchio dell'informazione ciociara La Provincia Quotidiano. Da ultimo (ma solo per ora) prende la direzione della testata culinaria Il Pappamondo.