VEROLI – Festival della Filosofia, penultimo atto

Condividi la notizia!

Soddisfazione della delegata alla cultura Francesca Cerquozzi ideatrice insieme a Mauro Buschini della prima edizione. Giovedì sera chiusura con il botto con Emma Bonino

di Egidio Cerelli

Per la consigliera Francesca Cerquozzi con delega alla Cultura “è stata un’altra serata, quella di lunedì scorso, fatta di spunti e riflessioni su temi di attualità , proposta da Bruno Montanari e Giovanni Magrì, filosofi di prim’ordine. Hanno infatti catalizzato l’attenzione del pubblico su ‘’Popolo, Nazione ed esclusi’’, libro scritto proprio da Magrì, davanti ad pubblico numeroso e soprattutto giovane. Molte le riflessioni giungendo sulla necessità di ascoltare le giovani generazioni per renderle partecipi attivi di un cambiamento responsabile e necessario per il nostro Paese”.
Se la canta e se la suona la ‘filosofa’ di casa, se volete, anche con un pizzico di meritato orgoglio dopo le fatiche nel salire e scendere dal palco ogni sera, per poi fare le ore quasi ‘piccole’ per cene conviviali insieme con gli ospiti.

BRAVA ANZI BRAVISSIMA!

Una iniziativa eccellente quella del Festival con contorni sportivi che però sono stati come l’anno scorso un mezzo flop. Ma di questo ne parleremo domenica- Intanto questa sera sarà la volta del filosofo Paolo Quintili, come informa con meticolosa puntualità quotidiana, il dottor Mauro Ranelli funzionario responsabile del Comune di Veroli, nonché addetto stampa del sindaco e della sua truppa. L’appuntamento con la penultima lectio quasi ‘sacralis’ della filosofia è presso il chiostro agostiniano alle ore 21,00 dove il professore associato di Storia della filosofia all’Università di Roma “Tor Vergata” terrà una lectio su “Le Apocalissi culturali e le logiche di senso delle altre culture. Attorno a De Martino e al Covid-19”. Altre tematiche di forte attualità che saranno illustrate da Quintili, uno dei maggiori studiosi nella pratica dell’applicazione dei nuovi mezzi intermediali telematici (Internet, ipertesti, forum on-line, basi di dati) come risorse per la ricerca nel campo delle scienze umane, oltre che autore di innumerevoli pubblicazioni e tra i filosofi maggiormente apprezzati all’estero, in particolare in Francia dove ha avuto importanti incarichi scientifici presso i più autorevoli Dipartimenti di filosofia tra cui l’Università di Parigi 1 – Panthéon-Sorbonne.


Altra serata, quindi, che si preannuncia interessante e che segue quella di lunedì sera quando Bruno Montanari e Giovanni Magrì, entrambi impegnati nella filosofia del diritto e membri dell’associazione “Filosofia in Movimento”, hanno catalizzato l’attenzione di un numeroso pubblico su “Popolo, Nazione ed esclusi”, lanciando un ulteriore monito sulla necessità di dare valore e speranza alle giovani generazioni nel rispetto dell’altro a prescindere dalla provenienza, dalla religione e dalle proprie origini, nonché alla necessità di dover stare attenti all’impatti dei nuovi mezzi di comunicazione, specie i social e smartphone, che incidono negativamente sulla predisposizione della nostra mente a pensare, riflettere e confrontarsi con gli altri.

SODDISFAZIONE PER SINDACO E CONSIGLIERA

“Temi molto interessanti, di forte attualità di indubbio impatto socio-culturale – commentano il sindaco, Simone Cretaro e la Consigliera delegata alla Cultura, Francesca Cerquozzi–discussi con un pubblico caratterizzato da molti giovani. E questo è davvero interessante perché creare occasioni di confronto e riflessioni con la partecipazione ed il coinvolgimento dei giovani, come dimostrato dall’intervento nella serata da parte di un poco più che adolescente, è proprio uno degli obiettivi del festival della filosofia di Veroli”.
Dopo l’appuntamento con Paolo Quintili di questa sera, la prima edizione del festival della Filosofia di Veroli calerà il sipario con l’ultimo incontro in programma che vedrà la partecipazione dell’on. Emma Bonino, sempre al chiostro agostiniano giovedì 30 luglio questa volta alle 18.30, che interverrà sul tema: “Immigrazione, problematiche e opportunità” intervistata da Laura Collinoli. Una ‘pandemia’ filosofica benefica ed altamente culturale calata dal cielo della Pisana dal costo che manco vi sognate amici lettori. Ma anche di questo avremo modo di trattarne nei prossimi giorni ponendoci a voce alta molte ‘misteriose’ domande. Tanto paga… pantalone. Venerdì intanto comincia un altro festival, quello del consiglio comunale. Non nell’ex chiostro o in piazza Santa Salome, ma in aula consiliare ben sanificata. Tra l’altro tutti negli scranni e non già come in piazza Santa Salome con poltroncine per i patrizi o personalità del PD e sedie in plastica per il plebeo.

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *