Serie B – Frosinone-Spezia 2-1: tre punti di platino per la squadra di Nesta

Condividi la notizia!

Torna al successo dopo cinque gare di digiuno il Frosinone che al “Benito Stirpe” si impone 2-1 sullo Spezia. Apre le danze Salvi al quarto d’ora, Galabinov pareggia i conti a inizio ripresa su calcio di rigore, ma nel finale Paganini trova il guizzo vincente per consegnare i tre punti ai suoi.

LE FORMAZIONI – Mini rivoluzione in casa giallazzurra, con Nesta che opera cinque cambi rispetto alla sfida con il Chievo: dentro Brighenti, Salvi, Haas, Gori e Ciano per Ariaudo, Zampano, Maiello, Tabanelli e Dionisi. Risponde lo Spezia con il solito 4-3-3 nonostante le numerose defezioni: Italiano deve infatti rinunciare a Di Gaudio, Ramos, Reinhart, Mastinu e ai gemelli Ricci oltre a Bidaoui, determinante nel 2-0 della gara d’andata, che ha rifiutato il rinnovo con i liguri. In avanti dunque spazio al tridente composto da Gyasi, Galabinov e Nzola.

SALVI INTERROMPE IL DIGIUNO DEL FROSINONE – I liguri hanno un approccio aggressivo e sembrano poter mettere in seria difficoltà il Frosinone, che, però, con il passare dei minuti prende coraggio. Al 5′ Rohdén allarga per Salvi, cross al centro per la testa di Novakovich che non inquadra la porta. Quattro minuti dopo lo stesso americano viene servito in verticale da Gori, il suo diagonale dal limite dell’area si spegne a lato. Il forcing canarino viene premiato al minuto 14: Rohdén viene pescato in area da Gori e mette una precisa palla sul secondo palo per l’accorrente Salvi che deve solo spingere in rete. Al 20′ la formazione di Nesta sfiora il raddoppio con Rohdén che, dopo una gran palla in verticale di Haas, spara alto a tu per tu con Scuffet. Lo Spezia si fa vedere al 25′ con Gyasi che mette al centro dalla sinistra trovando Maggiore, il cui tentativo viene smorzato da Capuano ed è facile preda per Bardi. I ciociari spingono e al 40′ Haas approfitta di una dormita di Terzi e ci prova con un rasoterra da posizione defilata senza tuttavia centrare il bersaglio. Sul finire di frazione D’Elia pesca al centro Novakovich, che elude la marcatura avversaria e incrocia con il mancino, il pallone, però, finisce a pochi centimetri dal palo.

BRIVIDO GALABINOV, DECISIVO PAGANINI – L’avvio di ripresa sa di beffa per il “Leone”: al 50′ Capuano trattiene in area Galabinov, per Pezzuto è rigore e lo stesso bulgaro si incarica della trasformazione siglando il gol dell’1-1. La squadra frusinate accenna una timida reazione al 55′ con Haas, il cui tiro dal limite dell’area termina alto sopra la traversa. Al 62′ Capuano prova a farsi perdonare svettando di testa su angolo dalla sinistra di Ciano, decisiva la deviazione di Mora in angolo che però non viene assegnato da Pezzuto. Il tecnico spezzino Italiano si gioca la carta Acampora al 63′ ed il centrocampista si rende subito pericoloso con una gran botta mancina dalla distanza. Nesta getta nella mischia Dionisi per Ciano e Paganini per Novakovich. Proprio l’ingresso del numero 7 canarino è la svolta: all’85’ Salvi pennella un traversone per Paganini che di testa non lascia scampo a Scuffet. Nel finale Brighenti e compagni contengono bene il ritorno dello Spezia e portano a casa tre punti di platino.

FROSINONE-SPEZIA 2-1 (1-0)

Frosinone (3-5-2): Bardi; Brighenti, Szyminkski, Capuano; Salvi, Rohdén, Gori, Haas, D’Elia; Ciano (22′ st Dionisi), Novakovich (31′ st Paganini). A disp.: Iacobucci, Bastianello, Zampano, Maiello, Citro, Beghetto, Ariaudo, Matarese, Krajnc, Ardemagni. All.: Nesta.

Spezia (4-3-3): Scuffet; Vignali (32′ pt Ferrer), Terzi, Capradossi, Marchizza (1′ st Vitale); Maggiore (17′ st Acampora), Bartolomei, Mora; Nzola, Galabinov, Gyasi (38′ st Ragusa). A disp.: Krapikas, Desjardinis, Gudjohnsen, Bastoni, Erlic. All.: Italiano.

Arbitro: Pezzuto della sezione di Lecce.

Marcatori: 14′ pt Salvi (F), 5′ st rig. Galabinov (S), 40′ st Paganini (F).

Note: partita a porte chiuse. Ammoniti: Salvi (F); Vignali, Capradossi (S). Recuperi: 3’ pt; 5’ st.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *