Frosinone, celebrato il 93° anniversario dell’istituzione a capoluogo

Condividi la notizia!

Si è tenuta presso l’aula consiliare del Comune di Frosinone, la celebrazione del 93° anniversario dell’istituzione a capoluogo della città di Frosinone, organizzata dall’assessorato al centro storico coordinato da Rossella Testa. Sono intervenuti il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, l’assessore al bilancio e alle finanze, Riccardo Mastrangeli, il segretario generale dell’ente, Angelo Scimè, la prof.ssa Alida Biagi del “Volta”, lo storico Francesco Antonucci e l’avv. Francesco Giralico.

 

Le parole del sindaco Ottaviani

Oggi celebriamo una data che ci ricorda l’importanza dell’identità e della coesione sociale – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – Chi è nato qui o chi è ciociaro d’adozione ben conosce il valore della tigna, una patologia diffusa che ha la particolarità di essere contagiosa ma non nociva. Senza dimenticare il coraggio e l’operosità dei cittadini frusinati, caratteristiche a noi riconosciute dall’intero territorio. Del resto, la città di Frosinone ha l’obbligo di porsi quale punto di riferimento: è un ruolo imposto dalla qualifica stessa di capoluogo. Siamo stati spesso vittime, in passato, di una iconografia – derivante da alcune produzioni cinematografiche certamente lontane dalla realtà dei fatti – che hanno fatto sì il nome della nostra terra fosse ingiustamente associato a dileggio  o perplessità. Poi, però, quanti osservavano da vicino quanto realizzato all’interno dei nostri confini, restavano colpiti dalle opere (nell’ambito dell’ornato urbano, della cultura…), dalle infrastrutture e dai servizi qui realizzati, persino con una celerità sconosciuta altrove”.

“È necessario, dunque, che sia sempre al centro del dibattito il modo in cui sono investite le risorse pubbliche, perché se ne parli soprattutto nelle scuole, ai nostri ragazzi. Vogliamo che questo messaggio sia trasmesso alle giovani generazioni perché non dimentichino mai che il concetto di patrimonio pubblico, in quanto bene collettivo, appartiene pro quota parte a tutti, ed è quindi nostra responsabilità tutelarlo e conservarlo. Da questa provincia – ha concluso il sindaco Ottaviani – è passato la Storia: si pensi al fatto che pochi capoluoghi possano vantare due santi patroni, due Papi, Silverio e Ormisda, che hanno tentato la riconciliazione tra Chiesa di Oriente e di Occidente. Celebriamo dunque, oggi, un anniversario importante che, ci auguriamo, costituisca un momento di riflessione e di crescita, specie per le giovani generazioni”.

L’intervento di Rossella Testa

L’assessore Testa ha sottolineato il fatto di come l’amministrazione, da sempre attenta alla data memoranda, abbia anche apposto una targa,a ricordo della ricorrenza, in piazza VI dicembre.

“Frosinone, faro per un vastissimo circondario, il 6 dicembre 1926 vedeva confermato dall’allora capo del Governo Littorio, quel ruolo storico di guida del territorio che per almeno ottocento anni aveva avuto. L’elevazione della città alla dignità di capoluogo di provincia altro non era se non il riconoscimento di un blasone che campeggiava non solamente nelle insegne dell’araldica civica, ma che aleggiava nell’humus storico, culturale della città”.

“Dopotutto, Frosinone già dal XIII secolo, aveva ospitato il rettore di Marittima e di Campagna, la provincia meridionale dello Stato Pontificio, nel cui contesto occupò nel tempo un ruolo sempre più rilevante sino a divenire, agli inizi dell’Ottocento, sede di delegazione apostolica. Va da sé che la scelta del Governo dell’epoca fu la riaffermazione di uno status in re ipsa. La Provincia di Frosinone, a partire dall’istituzione avvenuta, appunto, il 6 dicembre 1926, ha vissuto una storia ricca di avvenimenti e di cui i nuovi capitoli sono tutti da scrivere. Nel futuro di questo territorio, però, continueranno a dimorare il valore, il coraggio e quella tigna tutta ciociara che ha permesso ai ciociari, di nascita e di adozione, di trovare, dentro di sé, la forza per reagire, per far sentire la propria voce, per rialzarsi anche nei momenti più difficili. Oggi più che mai c’è bisogno dell’impegno totale e appassionato verso la nostra provincia, verso la nostra città”.

I presenti alla cerimonia

Gli studiosi presenti, Francesco Giralico e Francesco Antonucci, infine, hanno illustrato la ricostruzione dei fatti che hanno condotto alla istituzione del capoluogo, un riconoscimento del ruolo storicamente svolto dalla città di Frosinone.

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *