Coppa Italia Primavera – Frosinone-Ascoli 5-0: storica qualificazione agli ottavi per i canarini, adesso c’è l’Inter

Condividi la notizia!

FROSINONE-ASCOLI 5-0

Frosinone: Trovato, Nigro (59’ Coccia), Tonetto, Santi, Verde, Giordani, Venturini (82’ Lauro), Santarpia, Luciani (66’ Altobello), Obleac (82’ Orlandi), Vitalucci (66’ Morelli). A disp.: Salvati, Maugeri, Mattei, Selvini. All.: Luigi Marsella.

Ascoli: Novi, Pulsoni, Felicetti (43’ D’Agostino), Alagna, Alessandretti (46’ Zenelaj) Scorza (62’ Markovic), Maurizi, Piliukaitis (62’ Statev), Franzolini (59’ Olivieri), Matos, Intinacelli. A disp.: Radano, Zizzania, Luciani, Lenoci. All.: Guillermo Abascal Pérez.

Arbitro: Francesco Carrione della sezione di Castellammare di Stabia.

Marcatori: 28’ Venturini, 42’ Obleac, 49’ Tonetto, 59’ Obleac, 78’ Altobello.

Note – Ammoniti: Nigro, Santarpia, Lauro (F); Felicetti, Markovic, Intinacelli (A). Espulso: 88’ Radano (A) dalla panchina per proteste. Recuperi: 2’ pt; 3’ st.

FERENTINO – Dopo aver eliminato a domicilio l’Udinese nel primo turno di Coppa Italia, la Primavera del Frosinone fa fuori anche l’Ascoli nei sedicesimi di finale. Ad attendere i ciociari agli ottavi – traguardo mai raggiunto prima d’ora – ci sarà la blasonata Inter. Tra le mura amiche della “Città dello Sport” di Ferentino la squadra di Luigi Marsella rifila una manita ai bianconeri di Abascal. Una vittoria di prestigio contro la compagine che è attualmente in vetta al girone B del campionato di Primavera 2 con ben sette successi in otto uscite. I giallazzurri si prendono una bella rivincita dopo la sconfitta di misura dello scorso 2 novembre sul campo del Picchio, decretata dalla rete del fuoriquota Beretta. Tornando al match, l’avvio è equilibrato con i marchigiani che puntano sul possesso palla, mentre i frusinati hanno un assetto più guardingo e cercano di ripartire in contropiede appena riconquistato il pallone. Al minuto 9 ripartenza canarina e occasione per l’italo-giapponese Hide Vitalucci che fa fuori due difensori e calcia verso la porta, ma il palo grazia Novi. Al 28’ il bianconero Felicetti perde palla ingenuamente nei pressi del vertice sinistro dell’area, ne approfitta Venturini che però viene steso dallo stesso difensore ascolano. Il numero 7 canarino si incarica della punizione e trafigge Novi anche grazie alla deviazione di Alagna. Il Frosinone insiste e al 42’ un’ottima combinazione tra Tonetto e Luciani libera al tiro Obleac che firma il raddoppio con un mancino da appena fuori l’area di rigore. L’Ascoli accusa il colpo e al 49’ capitola: azione straordinaria di Tonetto che recupera palla nella propria metà campo, fa fuori mezza squadra ospite e a tu per tu con Novi lo batte freddamente. Una perla per il numero 3 giallazzurro che anche nell’uscita precedente con il Lecce era apparso tra i migliori. Il Frosinone ha diverse occasioni in contropiede, al 55’ però Luciani arriva stanco dalle parti di Novi e non riesce a superarlo. Il poker è nell’aria e arriva puntualmente quattro minuti dopo con Obleac che sigla così la sua doppietta personale. C’è gloria anche per il nuovo entrato Altobello che, servito dall’altro neo ingresso Morelli, firma la rete del definitivo 5-0. Al fischio finale è grande festa a Ferentino: il prossimo 18 dicembre la formazione canarina affronterà l’Inter allo stadio “Ernesto Breda” di Sesto San Giovanni, in palio un posto nei quarti di finale della Primavera Tim Cup.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.