Veroli, domenica al Teatro Comunale va in scena Molière con la Compagnia Teatro dell’Appeso

Condividi la notizia!

Dopo il sold out registrato la scorsa domenica, il Teatro Comunale di Veroli aprirà il sipario al carattere burlesco della commedia molieriana.

L’appuntamento

In scena, domenica 10 novembre, alle ore 18, “L’amore Medico” con Amedeo di Sora, Andrea Di Palma, Francesca Reina, Enzo Celani, Salvatore Munno, Vanessa Nicoli, Iacopo Scascitelli e Martina Verdat.

Regia di Amedeo di Sora, assistente regia Stefania Fiaschetti; maschere di Stefania Maciocia; traduzione e adattamento di Amedeo di Sora.

La locandina dell’evento

L’opera “L’amore medico” di Molière

Ne “L’amore medico” di Molière, originariamente una commedia-balletto in tre atti, che la Compagnia Teatro dell’Appeso (da trentanove anni impegnata in ambito territoriale e nazionale in una costante e multiforme attività spettacolare, pedagogica e culturale), sotto la direzione artistica di Amedeo di Sora, presenta con un cast rinnovato e in una versione perfezionata, in cui si ritrovano tutti i temi e i motivi distintivi del teatro molieriano: in primis la satira contro i medici e la stoltezza umana,  l’elogio dell’amore e dell’intelligenza.

In un rapido susseguirsi di scene divertenti e, non di rado, esilaranti, si possono rinvenire gli echi della tradizione popolare e della commedia dell’arte, ma sempre nel rispetto della parola e della centralità del linguaggio dialogato. Uno spettacolo che coniuga moralità e comicità, divertimento e riflessione.

Teatro e curiosità

Una curiosità: “L’Amore Medico” fu rappresentato per la prima volta a Versailles nel 1665 davanti al re Luigi XIII. Molière stesso vi interpretò il ruolo di Sganarello, in un costume rosso a fondo oro; sua moglie recitò la parte di Lucinde.

Sulle orme del genio teatrale, la Compagnia Teatro dell’Appeso, farà della risata un esorcismo del dolore e lascerà affiorare il sussulto nascosto dietro lo sberleffo. Solo il teatro riesce a sviscerare tutte le gradazioni dell’emozione; raccontare e celebrare la vita. Quella vita che a volte, beffarda, non trova l’incastro giusto, che non riesce ad esprimersi e rimane incompresa, fino ad imploderci dentro.

Il costo del biglietto per lo spettacolo teatrale è di 10 € a persona.

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Cassino con una tesi dal titolo “Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie”. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it” e con il settimanale cartaceo “Tu News”, dove all’interno cura anche la rubrica enogastronomica “Tu Food”. In passato ha collaborato anche con il quotidiano “Ciociaria Oggi” e con il quotidiano online “L’Unico – Quotidiano Indipendente di Roma”.

Condividi la notizia!

Monica D'Annibale

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cassino con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *