Cassino, insulti alla polizia su Facebook: scoperti e denunciati i responsabili

Condividi la notizia!

Gli investigatori della Polizia del Commissariato di Cassino hanno identificato un uomo che aveva pubblicato su Facebook vari post, nei quali lamentava il fatto che il proprio figlio fosse stato oggetto di un controllo da parte di una Volante, a suo dire avvenuto in maniera arbitraria e fuorilegge.

Negli stessi post, secondo la ricostruzione degli investigatori, si proferivano minacce all’indirizzo dei poliziotti, si offendeva l’Istituzione che essi rappresentano e si offriva una somma di denaro quale ricompensa a chiunque gli avesse procurato foto e filmati ritraenti appartenenti alle Forze dell’Ordine di Cassino nell’atto di compiere azioni illegali.

E sotto anche una serie di commenti da parte di altre persone ed in particolare un soggetto, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari, che incitava a uccidere gli agenti.

Le indagini

Effettuati i dovuti  accertamenti  in merito all’attività svolta da parte del personale della Squadra Volante e, appurato che il controllo era avvenuto nel pieno rispetto delle procedure e delle norme di legge, è stato individuato tra i nominativi delle persone fermate un ragazzo che poteva essere il protagonista della vicenda.

Grazie alle investigazioni informatiche, effettuate con la collaborazione della Sezione Polizia Postale di Frosinone, sono stati individuati gli autori. I quali,  sentiti in merito alla paternità dei commenti apparsi sui social, sono stati denunciati per oltraggio ed istigazione a delinquere.

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *