CERVARO – Gianluca Decina e Umberto Tramonte all’Ironman Italy 2019

Condividi la notizia!

You are an Ironman, questa volta però non si tratta di Tony Stark e la sua armatura rossa, il personaggio fantastico creato dalla mente geniale di Stan Lee nel 1963 e diventato famoso grazie alla sagra degli Avengers si tratta di uno sport il Triathlon. Siamo su un isola della Hwaii sullo sfondo l’oceano pacifico e tre marines, correva l’anno 1977 quando seduti di fronte un falò si discuteva su quale potesse essere per un uomo la prova di resistenza più difficile da superare, l’allora comandante della marina John Collins decisi di combinare tre prove il nuoto, il ciclismo e la corsa in una distanza che da li a poco sarebbe divenuta un ritornello, 3,8 km di nuoto in acque libere, 180,2 km di bici e 42 km di corsa, chi sarebbe riuscito ad arrivare all’arrivo sarebbe divenuto un uomo d’acciaio un Ironman. Su quell’isola chiama Kona ogni anno da 40 anni ormai i migliori Ironman del mondo tornano per sfidarsi in una gara che decreta chi è il più forte Ironman del mondo. Diventare un Ironman significa sacrificio, dedizione e passione per uno sport il Triathlon che ti segna e come spesso mi piace raccontare, ti cambia la vita. Le competizioni da affrontare sono diverse c’è lo Sprint il più corto ma sicuramente il più veloce, la distanza Olimpica quella che fa capo ai Campionato Europeo e Mondiali di questa specialità che si sviluppa in 1,5km di nuoto, 40km di Bici e 10 km di corsa, poi ci sono i Triathlon Medi le distanza doppio di un Olimpico 1.9 Km di nuoto, 90 km di bici ed una mezza maratona di corsa. Nel circuito Ironman questa distanza viene chiamata 70.3 che è la somma dei miglia che le tre discipline forma, per finire c’è lui l’Ironman 140.6 che corrisponde esattamente al doppio di una distanza Media. Eccoci a Cervia, la terra dei motori e dei sognatori, Ironman Italy approda nella città romagnola per la terza edizione, un evento mondiale che porta sulla spiaggia della Romagna oltre 3000 atleti da tutto il mondo, pronti a diventare Fisher. L’Ironman Italy è soltanto una delle tante tappe che il Circuito Internazionale Ironman prevede, Australia, Stati Uniti, Cina, Giappone, Europa e tante altri posti meravigliosi dove migliaia di atleti tutti gli anni provano a guadagnare la famosa M rossa.

Quest’anno della starting List di Ironman Italy 2019 ci sono due ragazzi di Cervaro

Gianluca Decina e Umberto Tramonte
Gianluca Decina e Umberto Tramonte

Gianluca Decina e Umberto Tramonte che proveranno ad oltrepassare la Finish Live, che proveranno a sfidare mare e terra, per stringere al petto una medaglia che si porta con se sacrificio, sudore, passione, dedizione ed un pizzico di follia che non guasta mai. Dopo la tappa del Portogallo e della Spagna il 21 Settembre alle 6.00 del mattino, quando la sabbia è ancora umida ed il sole si fonde con il mare all’orizzonte il suono di una campana darà il via all’Ironman ITALY 2019, oltre terminal concorrenti da tutto il mondo, tanti i volti sconosciuti che si perdono nell’infinito, ma tutti con lo stesso sogno, attraversare quell’arco, il tempo di sistemare gli occhialini e la cuffia, di guardare il tuo amico di fianco e fare un cenno con la testa è si parte, 3,8 km di nuoto, la frazione di nuoto non sai mai se spingere da subito e preservare le energia per il secondo giro di boa, una cosa è certa non ti abitui mai a quella sensazione di paura e adrenalina e puntuale come un orologio svizzero appena dopo poche bracciata una voce dall’interno ti chiede se c’è la farai anche questa volta, il tempo di raccogliere tutte le forze per uscire dall’acqua e sei in T1 la zona si transizione dove toglie la muta, indossi casco e corri più veloce che puoi verso la tua bici, sali in sella, tanti i km da fare da Cervia, verso Ravenna fino ad arrivare al parco della saline, tante le domande che in queste ore che sarai solo con te stesso proveranno a trovare risposta, nel Ironman rispetto alle gare di ciclismo non è consentita la scia quindi l’unico vero avversario con cui combattere sei tu. Ora basta pensare, raccogli le ultime forze per arrivare più veloce che puoi in T2, lasci la bici, la guardi e sotto voce le dici grazie per averti accompagnato in questo viaggio, togli casco, indossi calzini e scarpe, occhiali, controlli di avere in Gel con te e si parte, 42195 sogni, a Cervia la maratona prevede 4 giri da 10 km per arrivare su quel tappeto rosso. Ci sei quasi, le ore passate ad allenarti, pioggia vento, freddo e salite che sembravano non finire mai, ma ora tutto inizia ad essere più chiaro, guardi quell’arco con una M sopra, raccogli le ultime forze per alzare le braccia al cielo, corri tra la gente che esulta e batte le mani, senti il tuo nome ed una frase You Are an Ironman, ora tutto è più chiaro, ora tutto ha un senso. Ora vado è tempo di allenarsi diventare un Ironman richiede impegno, sacrificio e tanta forza di volontà, ci si allena dalle 15 alle 25 ore settimanali, nuoto, bici, corsa, palestra non tralasciando alimentazione e soprattutto motivazione, ne servirà tanta quando le gambe avranno finito la loro energia sarà solo cuore e motivazione che ti porteranno alla fine. Ci vediamo alla Finish Line Gianluca & Umberto

Condividi la notizia!