Frosinone – Incendio alla Mecoris, ecco di che rifiuti speciali si tratta

461790

Condividi la notizia!

Si tratterebbe prevalentemente di CER 19 12 12. È questo il codice di classificazione dei rifiuti contenuti all’interno dello stabilimento Mercoris di Frosinone andato a fuoco oggi pomeriggio. Finora, infatti, si è parlato genericamente di rifiuti speciali: ne esistono, però, di ogni tipo.

 

Stando alla documentazione, nello stabilimento frusinate venivano conferiti prevalentemente carta e cartone provenienti dalle raccolte differenziate dei Comuni nonché da altre raccolte differenziate di attività commerciali e industriali. Dalle attività di selezione e recupero di questi rifiuti, finalizzate alla produzione di materia prima secondaria, derivano scarti non riciclabili qualificati come rifiuti speciali non pericolosi (CER 19 12 12) e destinati al recupero energetico (inceneritori) o allo smaltimento in discarica.

mecoris incendio fabbrica stabilimento rifiuti speciali fumo tossico nube frosinone ciociaria vigili del fuoco nicola ottaviani ordinanza sindaco

Per avere un corretto inquadramento e dimensione del settore, alcuni dati pubblicati in un rapporto dell’Ispra, la produzione dei rifiuti speciali non pericolosi si attesta 125,5 milioni di tonnellate, cioè 2.070,9 kg/abitante per anno (la produzione pro capite dei rifiuti urbani è pari a 497,1 kg/ab*anno). Quelli ricadenti nel Capitolo 19 – rifiuti prodotti dal trattamento dei rifiuti –comprendono anche quelli provenienti dal trattamento dei rifiuti urbani. Si tratta quindi di una quantità ben superiore alla produzione dei rifiuti urbani. I rifiuti di questo capitolo sono in aumento per l’incidenza dei rifiuti speciali del sub-capitolo “19 12” – rifiuti prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti. Se si scende ancora di più nel dettaglio i rifiuti classificati con il CER 19 12 12 rappresentato circa il 29% del totale dei rifiuti del capitolo 19.

mecoris incendio fabbrica stabilimento rifiuti speciali fumo tossico nube frosinone ciociaria vigili del fuoco nicola ottaviani ordinanza sindaco

Naturalmente, fin quando l’incendio non verrà completamente spento dai vigili del fuoco e non si procederà con le dovute analisi, non si avrà la certezza matematica che all’interno dello stabilimento erano stoccati solamente rifiuti classificati come CER 19 12 12, ma questo è quello che, almeno in teoria, dovrebbe essere contenuto nell’azienda.

target="_blank"

mecoris incendio fabbrica stabilimento rifiuti speciali fumo tossico nube frosinone ciociaria vigili del fuoco nicola ottaviani ordinanza sindaco

Rimane, comunque, l’allerta. Ed è importante continuare ad attenersi alle disposizioni del Comune e dei Vigili de Fuoco, che consigliano finestre chiuse e impianti di condizionamento spenti, almeno fino a domani. Lasciare la zona per chi è residente nel raggio di 2 chilometri come comunicato dal sindaco Nicola Ottaviani, invece, è stato impossibile per la maggior parte delle persone, che non avrebbero saputo dove andare a trascorrere la notte. E in molti rimangono preoccupati per amici e parenti ricoverati in ospedale, che devono obbligatoriamente passare la notte all’interno del nosocomio, anch’esso, in linea d’aria, nel raggio di un paio di chilometri dalla Mecoris.

 

(Foto di Ferdinando Potenti)

Condividi la notizia!

Marco Ceccarelli

Marco Ceccarelli è giornalista e fotoreporter, attualmente Direttore Responsabile di TuNews24.it. La sua carriera inizia nel 2004 presso il quotidiano Ciociaria Oggi, occupandosi prima di cultura e spettacolo come collaboratore e passando successivamente alla cronaca come redattore, quindi diventando responsabile della cronaca nera provinciale fino al 2014. Nel frattempo ricopre anche il ruolo di Direttore Responsabile di alcune riviste locali, come Beautycase, ed è corrispondente del quotidiano nazionale Il Giornale per le province di Frosinone e Latina. Quindi, dopo aver fondato nel 2013 la società di Comunicazione e Marketing Globalpress S.r.l., entra a far parte del Gruppo Editoriale Perté, ricoprendo in un primo momento il ruolo di Direttore Editoriale del mensile Perté Magazine e di Radio Perté, successivamente anche del settimanale cartaceo Perté Week e del quotidiano web Perté Online. Sempre nell’ambito di tale progetto, presta servizio presso l’emittente Lazio Tv, dove idea diverse trasmissioni televisive e radiotelevisive. Dopo tali esperienze, nel 2015 decide, con l’avvento del Frosinone Calcio in serie A, di fondare il settimanale Tu Sport di cui è Direttore Responsabile e, pochi mesi dopo, dà vita anche al settimanale generalista Tu News. Nel frattempo accetta l’incarico di Direttore Responsabile della rivista mensile "Frosinone In Vetrina”. Quindi dà vita al quindicinale cartaceo Non Solo Annunci,  alla rivista mensile poket patinata Ciociaria da Vivere e ai quotidiani online TuNews24.it e Il Corriere della Provincia. In ultimo intraprende la gestione del canale provinciale di Frosinone di Lazio Tv e accetta l'incarico di Direttore Responsabile del mensile web nazionale Valori e Cultura e riporta in vita lo storico marchio dell'informazione ciociara La Provincia Quotidiano.