Folla commossa per l’addio all’ispettore della Polizia Locale Giuseppe Diana, eroe della normalità

Condividi la notizia!

Una folla commossa ha preso parte, martedì pomeriggio, al funerale dell’ispettore della Polizia Locale di Frosinone Giuseppe Diana, venuto improvvisamente a mancare lo scorso 2 giugno a causa di un malore improvviso. “Peppe”, come era conosciuto da tutti, aveva prestato il suo ultimo servizio di pattuglia proprio poche ore prima. Poi, una volta finito e tornato a casa, la tragedia. Inutile persino il pronto intervento del 118.

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

Aveva 60 anni ed era molto conosciuto, in particolare nel capoluogo, per il servizio prestato da molti anni per le strade cittadine, ma anche e soprattutto per le sue doti umane, per il grande cuore grazie al quale si è sempre fatto ben volere dai colleghi e dai cittadini. Ed anche per questo che a dargli l’addio c’erano centinaia di persone, così tante da non riuscire ad entrare tutte presso la chiesa della Sacra Famiglia, nel quartiere Scalo di Frosinone, dove hanno avuto luogo le esequie.

Ad accogliere le bare, le sirene accese delle auto della Municipale, tante divise sull’attenti e il sindaco con la fascia tricolore. Dopo il commiato di un collega e del comandante dei Vigili, Donato Mauro, è stato lo stesso Nicola Ottaviani a voler ricordare Giuseppe Diana. <Per chi lo conosceva, come noi, da vicino, per chi ha avuto l’onore anche di frequentarlo, lui era sempre Peppe, e la cosa che colpiva di quest’uomo è che era un servitore del Comune e dello Stato, era la tranquillità con la quale lui portava avanti il senso della legalità. Non doveva alzare la voce – ricorda il sindaco –  non doveva strillare: lui dava dei messaggi che erano talmente precisi, chiari, tranquilli, da poter agire, come dicevano i latini, sereno pacatoque animo, cioè con l’animo sereno e pacato, così come fa un padre di famiglia, perché un padre di famiglia per educare i figli e per trasmettere loro dei valori, difficilmente va fuori dalle righe e difficilmente, soprattutto, alza la voce>.

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

<L’ho apprezzato spesso – continua Ottaviani –  in strada o in varie altre occasioni, quando oltre all’uso del fischietto, quando poteva, lui chiamava i giovani, i ragazzi, e muoveva quella manina dicendo “eh no, così non si fa”. Come se avesse un rapporto di affetto diretto con persone che nemmeno conosceva. Ma quel suo modo di fare attirava il rispetto della gente, verso la divisa, verso queste donne e questi uomini che lavorano abbondantemente più di quanto vengono pagati, e lo fanno perché credono che ancora abbia un senso guardare i giovani sorridendo loro e coniugando anche oggi quello che senso dello Stato e delle istituzioni. E Peppe questo senso forte nell’animo ce l’aveva fino in fondo>.

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

E allora mi ha colpito prima, anche all’inizio della celebrazione, qualcuno che giustamente ci ricordava come bisogna essere pronti necessariamente, e ha rievocato quello che succedeva in questa parrocchia quando eravamo un po’ tutti garzoncelli, 35 anni fa, quando conobbi Monsignor Angelo Cella nostro vecchio vescovo, quasi mezzo secolo fa. Lui ci trasmetteva sempre la dimensione di un narratore cristiano che scriveva delle preghiere bellissime. In una di esse il personaggio che veniva da lui descritto veniva richiamato dal Signore perché interloquiva spesso dicendo “Signore sì, tu mi hai chiesto di fare qualcosa oggi ma oggi non ho tempo, ti prego, parliamone domani”. E così il rinvio avveniva di giorno in giorno, quando ad un certo punto è costretto a rivolgersi al Signore dicendo “Signore, purtroppo oggi non c’è più il tempo”. Ecco, Peppe ha vissuto ogni istante della sua vita istituzionale, personale e familiare come se attendesse quell’ultimo momento>.

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

<Pensate un po’, l’altro giorno, il 2 Giugno, lui era lì, ha celebrato la Festa della Repubblica, una cosa a cui credeva e che noi dobbiamo continuare a trasmettere come istituzione e come valore ai nostri ragazzi, e poi è tornato a casa. Questo salto verso quest’altra vita – conclude il sindaco di Frosinone – lui l’ha compiuto con naturalezza. Ecco perché devo dirlo a chiare lettere a Patrizia, a Emiliano, a Cluadio, agli altri familiari: Peppe rimarrà per noi un eroe particolare: l’eroe della normalità. Non bisogna essere necessariamente sotto i riflettori, sopra un palcoscenico o in televisione per essere eroi. E lui ci ha trasmesso questo valore importante, che è quello di essere eroi della normalità. Grazie per avercelo regalato>.

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

Poi la cerimonia funebre è terminata, la bara è uscita dalla chiesa tra lo scroscio degli applausi e la commozione di amici, colleghi e parenti. E su di essa, prima di viaggiare verso il cimitero cittadino, è stato adagiato il berretto di servizio, quel berretto dal quale lui, in tutti questi anni, non si era mai separato, onorando lo stemma su di esso riportato fino all’ultimo giorno di vita.

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

Riposa in pace, Peppe!

polizia locale municipale vigili inspettore superiore giuseppe diana peppe funerale morte frosinone ciociaria

Condividi la notizia!

Marco Ceccarelli

Marco Ceccarelli è giornalista e fotoreporter, attualmente Direttore Responsabile di TuNews24.it. La sua carriera inizia nel 2004 presso il quotidiano Ciociaria Oggi, occupandosi prima di cultura e spettacolo come collaboratore e passando successivamente alla cronaca come redattore, quindi diventando responsabile della cronaca nera provinciale fino al 2014. Nel frattempo ricopre anche il ruolo di Direttore Responsabile di alcune riviste locali, come Beautycase, ed è corrispondente del quotidiano nazionale Il Giornale per le province di Frosinone e Latina. Quindi, dopo aver fondato nel 2013 la società di Comunicazione e Marketing Globalpress S.r.l., entra a far parte del Gruppo Editoriale Perté, ricoprendo in un primo momento il ruolo di Direttore Editoriale del mensile Perté Magazine e di Radio Perté, successivamente anche del settimanale cartaceo Perté Week e del quotidiano web Perté Online. Sempre nell’ambito di tale progetto, presta servizio presso l’emittente Lazio Tv, dove idea diverse trasmissioni televisive e radiotelevisive. Dopo tali esperienze, nel 2015 decide, con l’avvento del Frosinone Calcio in serie A, di fondare il settimanale Tu Sport di cui è Direttore Responsabile e, pochi mesi dopo, dà vita anche al settimanale generalista Tu News. Nel frattempo accetta l’incarico di Direttore Responsabile della rivista mensile Frosinone In Vetrina e in seguito anche di Ciociaria & Cucina Excellence". Quindi dà vita al quindicinale cartaceo Non Solo Annunci,  alla rivista mensile poket patinata Ciociaria da Vivere e ai quotidiani online TuNews24.it e Il Corriere della Provincia. Negli anni 2019 e 2020 intraprende la gestione del canale provinciale di Frosinone di Lazio Tv, accetta l'incarico di Direttore Responsabile del mensile web nazionale Valori e Cultura e riporta in vita lo storico marchio dell'informazione ciociara La Provincia Quotidiano. Da ultimo (ma solo per ora) prende la direzione della testata culinaria Il Pappamondo e del magazine di salute e benessere Medical Group.