Frosinone-Inter, i nostri perché

Condividi la notizia!

Dopo i due successi consecutivi con Parma e Fiorentina, il Frosinone riceve la visita dell’Inter. Sfatato il tabù “Benito Stirpe”, la squadra giallazzurra vuole proseguire la propria rincorsa verso la salvezza. Andiamo a scoprire i nostri perché sul match di domani sera (calcio d’inizio alle ore 20:30).

Perché Frosinone

Le due vittorie di fila con Parma e Fiorentina hanno dato un’iniezione di fiducia alla squadra di Marco Baroni e a tutto l’ambiente. I ciociari vogliono prolungare la striscia positiva al cospetto di un avversario blasonato. Tra le mura amiche i giallazzurri hanno già fermato il Milan e proveranno a ripetersi contro i cugini dell’Inter. All’appello manca ancora un successo casalingo contro una big e l’obiettivo è interrompere questo digiuno nella sfida di domani sera.

Perché Inter

Sulla carta non c’è partita, ma ogni match nasconde delle insidie. Lo sa bene Luciano Spalletti che per la sfida in terra ciociara è intenzionato a impiegare il miglior undici possibile. I cinque punti di vantaggio sul quinto posto consentono alla “Beneamata” di guardare con relativa tranquillità ai prossimi incontri, ma non sono concessi cali di concentrazione. In avanti fiducia a Icardi, che già tre anni fa infilò il Frosinone segnando nell’unica chance avuta a disposizione.

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Collabora con il quotidiano online “TuNews24.it”, con il settimanale “Tu Sport” e con il quindicinale “Alé Frosinone” oltre che con i portali “CalcioMercato.com” e “MondoSportivo.it”, di cui è caporedattore.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *