Finisce con un pareggio l’ultimo test degli Azzurrini

Condividi la notizia!

Il 2-2 va piuttosto stretto ai ragazzi di Di Biagio che hanno dominato la prima frazione di gioco e sfiorato più volte il gol vittoria negli ultimi minuti

 

Appuntamento estremamente significativo quello andato in scena ieri sera per il gruppo guidato da Luigi Di Biagio, atteso al ‘Benito Stirpe’ di Frosinone (da registrare i circa 2.500 ragazzi delle Scuole Calcio presenti sulle tribune), per la prova generale in vista del debutto nell’Europeo di categoria, ospitato per la prima volta nella storia della kermesse dal nostro paese, fissato per il prossimo 16 giugno a Bologna contro la Spagna.

 

Era l’ultimo test-match prima dell’Europeo Under 21, e Gigi Di Biagio può sorridere per la buona prestazione, meno per il risultato. A Frosinone arriva infatti un 2-2 contro la Croazia, un avversario dall’indubbia caratura, anch’essa tre le partecipanti alla fase finale del torneo continentale, espressione di un movimento storicamente caratterizzato da un rarissimo connubio tra doti tecniche e fisiche che ne fa ormai da anni una delle fucine di talenti più prolifiche del panorama internazionale. Il commissario tecnico cambia cinque uomini rispetto allo 0-0 contro l’Austria. In porta torna Meret, in difesa spazio ai parmensi Dimarco e Bastoni. A centrocampo c’è Tonali con Mandragora e Locatelli, in attacco il tridente Orsolini-Cutrone-Parigini. Tra i pari età croati gioca anche Halilovic, centrocampista dello Standard Liegi in prestito dal Milan. L’Italia domina il primo tempo e impensierisce il portiere avversario Posavec (ex Palermo) con Dimarco e Mandragora, che da fuori colpiscono l’esterno della rete. Sono le prove generali del gol, che arriva al 22′ con un colpo di testa di Bastoni su corner di Dimarco. Neanche il tempo di riorganizzarsi, e la Croazia subisce il 2-0, perché al 26′ Orsolini fugge sulla destra e scodella un cross che Parigini non controlla, ma la palla arriva all’accorrente Locatelli, che segna al volo. Per Bastoni e il centrocampista del Sassuolo sono le prime reti in Under 21. Di Biagio applaude, gli azzurrini non danno ai croati il tempo di imbastire l’offensiva. Bene anche Tonali, autore di ottime verticalizzazioni.

Insomma, la prestazione c’è. Andrebbe trovato anche un risultato che dia morale in vista dell’Europeo di casa. E invece nella ripresa la Croazia alza il baricentro e trova le forze per recuperare. Meret, già bravo in apertura su Basic, deve compiere un miracolo in uscita bassa per tenere inviolata la porta. Il portiere del Napoli capitola però al 58′. Il pressing degli ospiti induce all’errore Adjapong (entrato per l’infortunato Dimarco e uscito a sua volta dopo uno scontro di gioco), il destro di Halilovic dai 25 metri colpisce il palo e si insacca. L’Italia si allunga pericolosamente, la Croazia ci crede e pur di pareggiare lascia invitanti spazi al tridente di Di Biagio. Parigini ha sui piedi la palla che può chiudere la partita, Grbic compie un miracolo deviando in corner. È proprio su azione da calcio d’angolo che i croati trovano il 2-2, al 78′ con Kalaica. L’Italia si butta avanti alla ricerca del 3-2, Cutrone ha una chance monumentale su invito di Tonali, ma il colpo di testa dell’attaccante del Milan, a secco in azzurro dall’ottobre 2017, si perde a lato. Nelle ultime quattro partite, sono arrivati due k.o. e due pareggi: nell’Europeo di giugno, contro Spagna, Polonia e Belgio, non si potrà più sbagliare.

C’è comunque soddisfazione nelle parole di Di Biagio: “È un pareggio diverso, abbiamo interpretato bene la gara – esordisce davanti ai microfoni – Vista la mole di gioco creata non capisco sinceramente come non abbiamo fatto a portare la partita a casa”. Il tecnico sottolinea anche come questo sia un pareggio dal sapore del tutto diverso da quello archiviato con l’Austria giovedì scorso: “Ho visto una squadra compatta e propositiva. Speriamo di riprenderci tutto insieme nel momento più importante. Ho avuto buone indicazioni in questo ultimo test”.

(foto figc.it)

I RAGAZZI SULLE TRIBUNE

Condividi la notizia!